Home / Lettere / Fettine Coop: formaggio 100% italiano? Una lettrice ha dei dubbi. La risposta dell’azienda e dell’avvocato Dario Dongo

Fettine Coop: formaggio 100% italiano? Una lettrice ha dei dubbi. La risposta dell’azienda e dell’avvocato Dario Dongo

Ho comprato le fettine Coop che presentano la scritta “formaggio 100% italiano” (vedi foto). Siccome nell’elenco ci sono tanti ingredienti tra cui il latte di “Origine Italia”, vorrei sapere dall’Avvocato Dongo che differenza c’è fra le due scritte dell’origine del formaggio e del latte. Vi ringrazio e faccio i complimenti per il bel lavoro di informazione. Ylenia

Risponde l’avvocato Dario Dongo, Ph.D. in diritto alimentare europeo

Bisogna anzitutto premettere che Coop Italia, nell’offrire notizie sull’origine del latte in un formaggio fuso, offre buona prova di trasparenza nell’informazione al consumatore. L’origine del latte infatti era stata prescritta da un decreto ministeriale ormai decaduto (si veda l’articolo) sulla quasi totalità dei prodotti lattiero-caseari, con esclusione proprio dei formaggi fusi.

Ciò premesso, l’etichetta in esame presenta in effetti alcune criticità. In primo luogo, la dicitura “100% formaggio italiano” che appare sul fronte etichetta appare equivoca. Tale dicitura si trova infatti in prossimità della denominazione dell’alimento (“formaggio fuso a fette”), ma non è chiaro se essa sia effettivamente riferita al prodotto finale o soltanto al “formaggio” inteso come primo ingrediente nella relativa lista.

Fettine Coop
Non era chiaro alla lettrice se tutte le Fettine Coop fossero di origine italiana

Un secondo dubbio sorge in merito alla dichiarazione di origine del latte. Sebbene tale indicazione abbia natura volontaria, come si è premesso, essa deve in ogni caso rispondere ai criteri generali di veridicità e non-ingannevolezza. Purtroppo tuttavia, all’ambiguità sopra accennata sul “formaggio 100% italiano” si aggiunge quella sulla “origine Italia” riferita al “latte”.

Il latte, in un alimento composto come quello in esame, è invero presente in diversi ingredienti tra cui il formaggio (primo nella lista) e le proteine del latte. Ed è lecito dubitare la veridicità di tale dichiarazione, poiché non si ha notizia dell’attuale produzione in Italia di proteine del latte (al di fuori, solo ed eventualmente, di uno stabilimento di proprietà francese che è improbabile fornisca imprese estranee al suo gruppo industriale).
Procediamo quindi a segnalare le perplessità evidenziate a Coop Italia, con la fiducia di un riscontro corrente alle nostre aspettative.

Di seguito la risposta di Coop Italia

Vi ringraziamo per la segnalazione che abbiamo verificato nello spirito di massima trasparenza
che ispira il rapporto tra Coop e i suoi consumatori. Se pur dalla nostra analisi risulta che l’etichetta delle fettine a marchio Coop è conforme alla legislazione in termini di informazione e claims, i dubbi sollevati ci hanno fatto riflettere sulla possibilità che qualche consumatore potesse non comprendere correttamente quanto comunicato.
Pertanto, nello spirito di trasparenza che caratterizza i prodotti a marchio Coop, cogliamo il suggerimento e ci impegniamo a modificare l’etichetta in esame sia sul fronte, dove aggiungeremo al claims “Formaggio 100% italiano” la preposizione “con”, che sul retro dove eviteremo di riferire l’origine del latte, in quanto indicazione non obbligatoria in questo prodotto.
Ribadiamo, comunque, che le informazioni presenti attualmente in etichetta sono veritiere e non ingannevoli.

gift dario dongo

logo-fare

 

 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Tonno Naturale Zero grassi nostromo pubblicità

Nostromo Zero, un tonno senza grassi! I dubbi di una lettrice. La risposta dell’azienda e di Dario Dongo

Da un po’ in televisione viene mandata la pubblicità del tonno in scatola “Nostromo zero …

2 Commenti

  1. siamo in italia e non sappiamo cosa siano i “claims”

    • Sig. Gessner la dicitura “Claims” è utilizzata all’interno dei regolamenti europei sull’etichettatura, grazie ai quali si è riusciti ad uniformare la modalità di presentazione dei prodotti alimentari in Europa. Si tratta semplicemente di indicazioni nutrizionali, di origine o di salute, evidenziate in qualche modo sulle etichette, come ad esempio “da latte 100% italiano”, “senza zuccheri aggiunti” e via dicendo.
      Anche in Italia i consumatori hanno il dovere di informarsi su cosa si stanno mettendo in bocca.