Home / Archivio dei Tag: allerta alimentare (pagina 3)

Archivio dei Tag: allerta alimentare

Perché un alimento contaminato non viene sempre ritirato dal mercato? Le risposte del Ministero della salute

Molti lettori ci chiedono perché le autorità sanitarie non attivano il sistema di allerta alimentare quando in seguito ad analisi di laboratorio o dopo avere effettuato  ispezioni  nelle aziende o  nei punti vendita  riscontrano  un alimento contaminato.  L’automatismo tra irregolarità e ritiro del prodotto dal mercato non è scontata perché in molti casi non esiste un grave rischio per la …

Continua »

Sistema di allerta rapido alimentare: come funziona in Europa, in Cina, in America e nel resto del mondo. Un contributo di Gaetano Liuzzo

Il sistema di allerta rapido alimentare è stato trattato più volte in queste pagine. Il Fatto Alimentare ha esposto la posizione  del procuratore di Torino Raffaele Guariniello, seguita dall’intervento di Fabrizio De Stefani, direttore veterinario ASL ed esperto in sicurezza e diritto alimentare. Nel dibattito è intervenuto anche l’avvocato Giuseppe Giacovelli, esperto di diritto alimentare che ha proposto una riflessione …

Continua »

Pesce al mercurio: 25 casi negli ultimi 120 giorni. Per il Ministero della salute si tratta di “un’intensa attività di controllo”! Forse serve un piano straordinario

Dieci giorni fa abbiamo inviato una lettera al Ministero della salute sull’elevato numero di allerta alimentare registrate negli ultimi mesi a carico dei lotti di pesce spada e squalo smeriglio mako importati dalla Spagna. Ecco la risposta della Direzione Generale per l’Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione. Il riscontro di mercurio, oltre i livelli massimi fissati dalla …

Continua »

È allerta mercurio per pesce spada e smeriglio. Dal mese di novembre i casi segnalati sono 24. Centinaia di supermercati coinvolti. Inerzia del Ministero

Da alcuni mesi continuano le importazioni in Italia di pesce spada e smeriglio congelato contaminato da mercurio. Per capire quanto sia grave la situazione basta dire che dall’ inizio di novembre 2013 ad oggi, l’Italia ha inviato 24 notifiche di cui 15 allerta a Bruxelles (vedi tabella sotto), riguardanti il ritiro di pesce spada e smeriglio (conosciuto anche come squalo …

Continua »

Coop ritira dagli scaffali cinque lotti di biscotti Fior di loto cuori di mais in 11 supermercati del Trentino: potrebbero contenere tracce di latte

Coop ha ritirato dagli scaffali di 11 supermercati del Trentino Alto Adige (vedi tabella) cinque lotti di “fior di biscotti CUORI di MAIS” con mela e carota, distribuiti dall’azienda biologica Fior di Loto. I biscotti  potrebbero contenere tracce di latte non indicate in etichetta. Il problema interessa solo le persone intolleranti al latte che, ignorando la presenza dell’ingrediente potrebbero avere problemi. …

Continua »

Allerta alimentare, quali sono le regole e quando scatta la soglia di pericolo per cui diventa importante avvisare i consumatori? Intervento di Fabrizio De Stefani

Dopo l’articolo sulle campagne di richiamo dei prodotti alimentari che riporta la posizione del procuratore di Torino Raffaele Guariniello, abbiamo chiesto un contributo a Fabrizio De Stefani, direttore veterinario ASL ed esperto in sicurezza e diritto alimentare, sulle regole da seguire in caso di allerta. De Stefani pone l’accento su quale deve essere la soglia di pericolo per cui diventa …

Continua »

Basta con le mozzarelle blu sui giornali. Non è un’allerta alimentare. Il salame Fiorucci contaminato da E. Coli Vtec è un problema molto più serio, ma nessuno ne parla

MOZZARELLE CONTENITORE

Leggere sull’Ansa o su quotidiani on line come  repubblica.it o lastampa.it la notizia della procura e dell’Asl di Torino alle prese con  l’ennesimo caso di mozzarelle blu è poco comprensibile. Per rendersi conto del valore che hanno i casi di mozzarella blu nell’ambito della sicurezza alimentare basta dire che l’Europa non prende in considerazione simili vicende e  i casi non vengono …

Continua »

Esclusiva: ritirato in Italia il Salame Milano Fiorucci contaminato da Escherichia coli. Intervista a Caprioli dell’Iss

il 18 febbraio è scattata l’allerta anche in Italia per il Salame Milano affettato, marcato Fiorucci, che è stato ritirato da tutti i supermercati perché nel corso delle analisi di laboratorio è stato trovato l’Escherichia coli  VTEC produttore di shigatossina, un batterio pericoloso responsabile della famosa epidemia dei germogli di fieno greco che in Germania due anni fa ha colpito …

Continua »

Buchi e bachi del sistema di allerta alimentare italiano. Due mesi per segnalare un problema, tre per le analisi di revisione e concludere che l’allerta era sbagliato

Il sistema di allerta alimentare italiano dovrebbe essere una struttura efficiente, immediata e precisa,  in grado di comunicare velocemente ai consumatori e alle aziende i pericoli rilevati nel corso di controlli e analisi. In realtà spesso l’efficienza e la rapidità lasciano a desiderare, come dimostra la vicenda che racconteremo, resa volutamente anonima, anche se nei nostri archivi c’è tutta la …

Continua »

Lettera aperta al Ministero della salute che invita a pubblicare i nomi e i marchi dei prodotti alimentari richiamati dal mercato

tonno

Spettabile Ministero della salute, e p.c Commissione europea il Fatto Alimentare ha ricevuto parecchie richieste di notizie dai propri lettori, in relazione all’allerta istamina* rilevato in vasetti di tonno in olio di soia, provenienza Italia, registrata il 7 febbraio 2014 dal sistema di allerta europeo Rasff. I consumatori che hanno in dispensa confezioni di olio all’olio di soia, sono preoccupati …

Continua »

Allerta alimentare: Carrefour ritira formaggio Roquefort per contaminazione da Escherichia coli molto pericoloso

Dopo il Belgio e la Francia anche in Italia è allerta alimentare per il formaggio Roquefort marchiato Carrefour contaminato da una forma di Escherichia coli particolarmente pericolosa. La catena di supermercati ha avviato subito il ritiro del formaggio (vedi foto a sinistra) da tutti i supermercati e ha avviato una campagna di richiamo avvisando i consumatori attraverso cartelli nei punti vendita …

Continua »

Coop accetta l’invito de Il Fatto Alimentare e pubblica in rete l’elenco dei prodotti ritirati dagli scaffali. Manca ancora Esselunga

Il Fatto Alimentare all’inizio di ottobre 2013 ha lanciato una petizione on line su Change.org per invitare il Ministero della salute e le catene dei supermercati a pubblicare la lista e le foto dei prodotti alimentari pericolosi ritirati dagli scaffali. Quasi dieci mila persone hanno sottoscritto la petizione (9.697) e un gruppo politico ha presentato un’interrogazione parlamentare. Ma il risultato …

Continua »

In Cina Wal-Mart ritira carne d’asino contenente volpe, in Giappone 6,3 milioni di surgelati contaminati da pesticida, così come fragole e tè a Taiwan

Wal-Mart, il colosso statunitense della grande distribuzione, ha annunciato il ritiro della carne d’asino alle cinque spezie dopo che le analisi hanno rilevato la presenza di carne di volpe e di altri animali. Si tratta di una prelibatezza popolare a basso costo, venduta in alcuni dei quasi quattrocento supermercati della catena in 150 città cinesi. La frode è venuta alla …

Continua »

Le mancate risposte di Raffaele Guariniello: perché un’azienda viene denunciata quando segnala volontariamente il ritiro di un prodotto?

Il 19 novembre 2013 il Ministero della salute insieme alla Nutrition Foundation of Italy (NFI) ha promosso un convegno su questo tema, dove ha parlato anche il procuratore di Torino, Raffaele Guariniello, ben noto alla cronache nazionali anche per le inchieste di carattere alimentare.   Il suo intervento ha destato una certa effervescenza in sala, quando è stato posto l’accento …

Continua »

Mezza Europa ritira dal mercato formaggio di pecora contaminato da listeria. Il prodotto è venduto anche in Italia ma il ministero tace. Perchè?

Il Lussemburgo ha lanciato un’allerta il 10 dicembre 2013 ritirando dal commercio un formaggio di pecora contaminato dal batterio Listeria monocytogenes. I lotti sotto accusa sono stati venduti anche in Francia, Svezia, Italia, Austria, Belgio, Germania, Irlanda, Olanda,  Spagna, Svizzera e Inghilterra. Il paradosso è che 4 giorni prima  il governo francese aveva diramato un’allerta sanitario per lo stesso prodotto, …

Continua »