;
Home / Archivio dei Tag: acquacoltura

Archivio dei Tag: acquacoltura

Acquacoltura, un fenomeno in crescita, sono allo studio nuove linee guida europee

acquacoltura, allevamento pesci

I consumi di prodotti ittici sono in costante crescita ma, di fronte alle limitate risorse dell’ambiente, il fabbisogno mondiale può essere sostenuto solamente dallo sviluppo dell’acquacoltura. Lo dimostrano i dati, che vedono i volumi di pescato restare pressoché invariati, mentre l’allevamento è passato da 12 milioni di tonnellate nel 1998 a 82 milioni nel 2018. A livello globale è previsto …

Continua »

Acquacoltura e farmaci: in Europa la situazione normativa non è armonizzata

C’è molto da fare, nell’ambito dei farmaci utilizzati nell’acquacoltura in Europa. La loro somministrazione è infatti figlia di normative nazionali sviluppatesi nel tempo in modo eterogeneo, senza tenere conto dei contesti, e soprattutto senza prevedere la crescita del settore, che ormai si appresta a diventare prevalente rispetto a quello del pesce pescato anche in Europa, come è già in altre …

Continua »

L’acquacoltura ha cancellato la biodiversità dei molluschi lungo le coste cinesi

vongole molluschi

Le attività di acquacoltura e pesca hanno modificato in modo radicale la biodiversità dei molluschi lungo le coste cinesi: oggi sono presenti quasi solo le specie commerciali, senza differenze significative tra i diversi ambienti e senza neanche un effetto della latitudine, al punto che, lungo gli oltre 18 mila km di coste del Paese, l’uniformità è totale. La scoperta arriva …

Continua »

Il virus dei salmoni che dalla Norvegia si è diffuso in quasi tutto il mondo attraverso gli allevamenti

salmoni salmone pesce mare

Il virus Piscine orthoreovirus (PRV), che danneggia reni e fegato dei salmoni e ne compromette la riproduzione, negli anni ha fatto il giro del mondo utilizzando le acquacolture come mezzo di amplificazione. È questa l’importante scoperta pubblicata su Science Advances da un team internazionale di ricercatori dell’Università canadese della Columbia Britannica (UBC) insieme con la Strategic Salmon Health Initiative (SSHI), che ha affiancato un’accurata …

Continua »

Acquacoltura, secondo il Crea la crisi del Covid ha fatto registrare una caduta del 25-30%

acquacoltura, immagine dall'alto allevamento ittico

La pandemia e soprattutto i vari blocchi che si sono succeduti  hanno colpito anche il settore dell’acquacoltura in modo significativo. In particolare ad incidere è stata la chiusura di hotel, ristoranti e il venir meno del settore della ristorazione collettiva, che rappresentava un 25-30% circa degli sbocchi per il comparto ittico d’allevamento. Ancor di più grave è la situazione per quello …

Continua »

Salmone affumicato: scozzese o norvegese? Allevato o selvaggio? Tutti segreti di un prodotto sempre più amato

tartina salmone affumicato su tagliere con erbe aromatiche, lime e cipolla e ciotola di sale grosso

Ormai da diversi anni il salmone è una presenza costante sulla tavola delle feste. E non accenna a passare di moda, anzi, il consumo si afferma sempre più, tanto che è uno dei prodotti ittici più consumati dagli italiani. Si può acquistare in tranci, da cucinare, oppure affumicato e tagliato a fettine sottili, da consumare come antipasto, per le tartine, …

Continua »

Krill, futuro a rischio senza un ripensamento della pesca. Acquacoltura e nutraceutica spingono la domanda

Krill drifting underwater in the St. Lawrence estuary in Canada

Il krill antartico sta conoscendo un momento di grande popolarità, perché è sempre più utilizzato nelle acquacolture e come base per nutraceutici e integratori, cosmetici e perfino in mangimi per animali domestici. Tutto ciò lo pone in serio pericolo ed essendo alla base di molte catene alimentari, mette nelle stesse condizioni numerosi animali e uccelli marini. Anche perché, in realtà, …

Continua »

Benessere animale, pesci e acquacoltura: il video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

benessere animale pesci acquacoltura video

Con consumatori sempre più esigenti e consapevoli e una produzione in continuo aumento, il tema del benessere animale sta cominciando a farsi sentire anche in acquacoltura. Al momento, infatti, le disposizioni in materia sono limitate e mancano gli studi per stabilire linee guida per la valutazione del benessere dei pesci, come spiega un video realizzato dagli esperti dell’Istituto zooprofilattico sperimentale …

Continua »

Usare gli insetti per produrre mangimi per l’allevamento e l’acquacoltura: si intensificano gli studi in tutto il mondo

Allerta Escherichia coli larve insetti 477039487

Si intensificano gli studi sugli insetti come possibili fonti alimentari. Negli ultimi giorni Entec Nutrition, un’azienda fondata da due ricercatori dell’Università di Exeter, nel Regno Unito, ha annunciato di aver ricevuto un finanziamento da 250 mila sterline dall’agenzia governativa Innovate UK per studiare a fondo i metodi di allevamento di insetti che possano servire poi come base per mangimi per gli allevamenti, …

Continua »

Gamberi di allevamento, quali scegliere? Quelli freschi, decongelati interi o sgusciati? Intervista a Valentina Tepedino di Eurofishmarket

gamberi

Crudi o cotti, interi o sgusciati, decongelati o surgelati, i gamberi sono sempre più presenti nei banchi frigorifero dei supermercati e anche in pescheria. Si tratta spesso di crostacei allevati nelle aree tropicali del Sud-Est Asiatico, dell’America Latina e in minor misura da India e Madagascar dove le acque calde facilitano la crescita rapida. In questi decenni si è registrato un …

Continua »

Gli italiani e il pesce di acquacoltura: mancano fiducia e conoscenza. Lo studio del CREA

acquacoltura, immagine dall'alto allevamento ittico

I consumatori europei preferiscono il pesce pescato a quello allevato, ma forse è perché non conoscono a sufficienza la realtà delle acquacolture convenzionali e di quelle biologiche, che però rappresentano una quota minoritaria del mercato. È auspicabile in futuro una maggiore fiducia, soprattutto se le persone saranno aiutate a conoscere meglio le caratteristiche del pesce cresciuto in condizioni controllate. In …

Continua »

Un’acquacoltura sostenibile grazie ai pesci “vegetariani”. Uno studio USA apre la strada alla ricerca di nuove specie commerciali

cquacoltura

Secondo la FAO, oggi nel mondo si allevano circa 550 specie di pesce, anche se quelle largamente dominanti sono 25, di cui quattro star assolute: tonni, salmoni, spigole e merluzzi. Questa scarsa varietà, contribuisce a minacciare la biodiversità e a creare squilibri di vario tipo, presenta un altro problema: nella maggior parte dei casi i pesci allevati sono carnivori. Ciò …

Continua »

L’impatto ambientale del pesce: consigli per una spesa ittica più sostenibile, tra filiere corte e specie locali

Raw seafood on a wooden board.

Il Mar Mediterraneo, come tante aree di pesca in tutto il mondo, è sovrasfruttato. Se mangiassimo solamente prodotti ittici catturati nei mari che circondano l’Italia, il pescato di un intero anno ci basterebbe per poco più di tre mesi (ne abbiamo parlato qui). La maggior parte dei pesci, crostacei e molluschi che troviamo sul mercato proviene dall’estero, sia da Paesi UE …

Continua »

Acquacoltura: innovazioni e problemi illustrati al congresso mondiale tenutosi in Francia. Più della metà del pesce consumato è d’allevamento

acquacoltura

In Europa, da una parte l’acquacoltura fatica a decollare a livello industriale, dall’altra dimostra una forte tendenza all’innovazione, necessaria anche per cercare di superare le obiezioni che ne frenano lo sviluppo, riguardanti fondamentalmente l’impatto ambientale dell’allevamento di pesci in acqua salata o dolce, e la loro salute a causa degli spazi ristretti. Proprio per fare il punto sulla situazione attuale …

Continua »

“Grandi Crostacei”, dal benessere alle frodi, tutto quello che c’è da sapere nel nuovo libro di Eurofishmarket

grandi crostacei libro eurofishmarket dettaglio

È uscito il libro “Grandi Crostacei. Sistematica, benessere, allevamento, sanità e igiene” edito da Eurofishmarket, in collaborazione con Agra Editore e a cura di autori come V. Giaccone dell’Università di Padova, E. D’Agaro, F. Rosa e G. Comi dell’Università di Udine, A. Mengoli dell’ASL di Bologna, F. Quaglio dell’Università Bologna,  T. Scovacricchi del CNR-ISMAR di Venezia e molti altri esperti autorevoli …

Continua »