Home / Controlli e Frodi / Prosciutto di San Daniele a settembre il processo a Pordenone. Prime ammissioni e riti abbreviati all’udienza preliminare

Prosciutto di San Daniele a settembre il processo a Pordenone. Prime ammissioni e riti abbreviati all’udienza preliminare

stagionatura prosciutti di parmaMentre a Parma il Procuratore generale sta valutando come affrontare la seconda fase di Prosciuttopoli (emersa nella primavera di quest’anno per via di 12.500 partite di cosce di suini avviate al circuito Dop su cui ci sono forti sospetti relative alla razza dei maiali), a Pordenone il 24 giugno 2019 c’è stata l’udienza preliminare per lo scandalo del falso prosciutto di San Daniele.  La questione riguarda 270 mila prosciutti ritenuti falsi sequestrati un anno fa per un valore di 27 milioni di euro circa. Tutto è iniziato nel 2016, seguendo la pista di un falso documento abbinato a un lotto di cosce destinate a diventare prosciutto di San Daniele. Le indagini si sono concluse in agosto 2018 con 103 soggetti indagati, tra cui 62 persone, 25 imprese e 16 posizioni stralciate ad altre procure.

Lunedì scorso il Giudice dell’udienza preliminare, dopo avere ammesso le intercettazioni telefoniche e ambientali acquisite nel corso delle indagini, ha esaminato la posizione di quattro persone che hanno fatto istanza di rito abbreviato, mentre una ha patteggiato. La cosa interessante è che Coop Italia  e Centrale Adriatica si sono costituite parti civili. Pure il Consorzio del prosciutto di San Daniele è stato ammesso come parte civile, anche se viene spontaneo chiedersi come abbia fatto un consorzio insieme a tutte le aziende associate a non accorgersi che 270 mila prosciutti erano probabilmente falsi).

Il Gazzettino nelle pagine di cronaca di Udine, descrive molto bene le fasi processuali. Per otto imputati resta l’accusa di associazione per delinquere  finalizzata alle frodi in commercio e alla contraffazione. Le conclusioni sono previste per il 23 marzo 2020.

CRONISTORIA DI PROSCIUTTOPOLI

16 aprile 2018 – Il Fatto Alimentare scopre lo scandalo di Prosciuttopoli. Prosciutto Parma e San Daniele: irregolarità nei controlli. Il ministero decide commissariamento degli Istituti di certificazione

 3 maggio 2018 Prosciuttopoli: sequestrate e smarchiate 300 mila cosce di prosciutto di Parma e San Daniele per un valore di 90 milioni! La frode iniziata nel 2014

14 maggio 2018 – Prosciuttopoli: i falsi prosciutti si possono riconoscere! Dubbi sull’ingenuità della filiera. Forse raddoppiato il numero di cosce irregolari

18 maggio 2018 Prosciuttopoli: è impossibile controllare i maiali del Parma e del San Daniele. Per questo la truffa va avanti da 4 anni

1 giugno 2018 – Truffa del prosciutto San Daniele, tutta la filiera sembra coinvolta. 30 mila pezzi sequestrati. Il consorzio non poteva non sapere di Prosciuttopoli

17 agosto 2018  Truffa del prosciutto San Daniele: 103 indagati e 270 mila pezzi sequestrati

18 gennaio 2019 –  Prosciuttopoli: coinvolte 1.240.000 cosce di prosciutto San Daniele e di Parma per un valore di 80 milioni

11 febbraio 2019Prosciuttopoli: i numeri dello scandalo sono impressionanti, precisa l’Icqrf del Ministero delle politiche agricole

24 maggio 2019Coldiretti dimentica lo scandalo di 1,2 milioni di falsi prosciutti di Parma e San Daniele, ma punta il dito contro le etichette in Cile

6 giugno 2019Consorzi del prosciutto dop: scandali, truffe e conflitto di interessi

10 giugno 2019 – Il 35% del prosciutto crudo di Parma e San Daniele è falso. Una truffa gigantesca. Consorzi ed enti di certificazione nella bufera

13 giugno 2019Prosciutto di Parma: dimissioni in massa degli ispettori, stop marchiature. Revocare subito il mandato all’ente di certificazione

16 giugno 2019 Prosciuttopoli: il Consorzio di Parma ammette “gravi problemi da risolvere”. A rischio la Dop

19 giugno 2019Scandalo del prosciutti. Per salvare le Dop ed evitare le frodi bisogna cambiare il disciplinare. Il parere di un grande produttore

25 giugno 2019Prosciutto di San Daniele: la posizione dell’ente di certificazione di fronte allo scandalo di “Prosciuttopoli”

28  giugno 2019 Prosciuttopoli: tutti i segreti sulla truffa del prosciutto di Parma e san Daniele. La bufera su consorzi ed enti certificatori continua

 

 

 

 

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Prosciutto di Parma: stop alla marchiatura per 2,3 milioni di falsi prosciutti. Silenzio assordante della filiera. A rischio la Dop

Prosciutto di Parma e prosciuttopoli approdano sul quotidiano La Repubblica che oggi dedica una pagina …

7 Commenti

  1. Salve essendo un consumatore di prosciutto si possono conoscere i nominativi delle aziende che hanno frofato e contraffatto il prodotto

  2. Domanda: ” che fine fanno o faranno i prosciutti ingiustamente marcati o da marchiare”? A suo tempo noi consumatori salvammo le forme di parmigiano/grana terremotate e ora, chiedo, è possibile un’azione simile con messa in vendita dei prosciutti a prezzo scontato o di realizzo?

  3. Grazie!

  4. Caro Renzo Sarzano, i prosciutti smarchiati, Parma e S.Daniele, come dice il Dr. La Pira sono stati venduti come Prosciutti crudi senza la Denominazione DOP. Va detto che, nella vicenda della genetica, migliaia di prosciutti già in stagionatura erano sotto sequestro da mesi (le indagini si sa hanno i loro tempi) per cui molti produttori sono stati costretti a richiederne la smarchiatura ancora prima di poter stabilire la reale natura delle cosce. I produttori seri hanno subito enormi perdite economiche che difficilmente riusciranno a far rivalere su allevatori e macelli. Chi ha acquistato questi prosciutti ha fatto un affare e ne avrebbe voluti ancora. Questo per onestà intellettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *