;
Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 161)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Pasta Ikea a forma di testa di alce ritirata dagli scaffali per presenza di soia non dichiarata in etichetta. Il problema riguarda solo le persone allergiche

Ikea invita i clienti a restituire le confezioni di pasta Ikea integrale PASTAÄLGAR FULLKORN e di pasta PASTAÄLGAR (facilmente riconoscibili per via della curiosa forma a testa di alce) perché il prodotto può contenere soia, non dichiarata sull’etichetta. Il problema riguarda le persone allergiche o intolleranti alla soia che mangiando la pasta potrebbero manifestare una reazione.   Come misura precauzionale …

Continua »

Dieta personalizzata? Per arrivarci occorrono tempo e investimenti. Attenzione ai kit che promettono scelte alimentari basate sul DNA. Intervista a Giuditta Perozzi

La dieta personalizzata sul proprio profilo genetico per prevenire alcune malattie cronico-degenerative correlate all’alimentazione potrà diventare realtà. Per arrivarci, però, occorrono tempo e investimenti nelle infrastrutture che si occupano di questi temi. In estrema sintesi, sono questi i messaggi-chiave emersi dal convegno del network scientifico internazionale sulla ricerca in nutrigenomica, NuGO, che si è tenuto nei giorni scorsi a Castellammare …

Continua »

Cosa si intende per “alimento preconfezionato” e quali informazioni deve riportare in etichetta? Risponde Dario Dongo

Abbiamo partecipato nel giugno 2013 ad un workshop formativo riguardante l’etichettatura dei prodotti alimentari. Stiamo per realizzare delle etichette del gelato per una gelateria artigianale che, oltre a produrre e vendere direttamente alla propria clientela il suo gelato, lo rivende a ristoranti. Vi contattiamo innanzi tutto perché vorremmo chiedere all’avvocato Dongo un chiarimento sulla definizione giuridica e commerciale di prodotto preconfezionato. …

Continua »

Integratori alimentari e sport drink non dovrebbero sponsorizzare manifestazioni sportive. Si dà credibilità a prodotti non necessariamente utili

Le manifestazioni sportive dovrebbero rinunciare alla sponsorizzazione da parte di produttori di integratori alimentari e di sport drink, perché possono ingannare il pubblico, dal momento che la loro utilità e il loro beneficio per la salute non sono stati provati. Lo sostiene uno studio condotto dall’Institute of Sport, Exercise, and Active Living, dell’australiana Victoria University, pubblicato dal Journal of Medical …

Continua »

Tonno: Greenpeace confronta le scatolette in Italia e Francia. Bocciate la maggior parte delle aziende perchè non utilizza sistemi di pesca sostenibili

Greenpeace ha messo a confronto le scatolette di tonno vendute in Francia e in Italia, valutando gli impegni per una pesca sostenibile assunti dalle aziende. Ne emerge un quadro fatto di comportamenti diversi tra un paese e l’altro e di promesse disattese. Agli ultimi posti della classifica francese troviamo Petit Navire, un marchio del colosso MWB, che possiede in Italia …

Continua »

L’industria dell’olio di palma accetta la proposta di Greenpeace: stop alla distruzione delle foreste

olio di palma Palm Oil Plantation.

Alcune delle maggiori aziende mondiali dell’industria di olio di palma hanno accettato d’interrompere la distruzione di foreste, per convertire il terrenoalla coltivazione della palma. La prima è stata la maggiore azienda indonesiana del settore, la Golden Agri Resources, seguita da P&G, L’Oreal, Unilever, Nestlé, Wilmar International e Cargill, che hanno accettato di adottare l’High Carbon Stock Approach (HCS), proposto da …

Continua »

Coca-Cola e PepsiCo s’impegnano a ridurre del 20% le calorie in dieci anni

coca-cola

  Le principali compagnie produttrici di bibite gassate e zuccherate s’impegnano a ridurre del 20%, entro il 2025, le calorie provenienti dalle bibite consumate dagli americani. Lo hanno annunciato l’Alliance for a Healthier Generation, costituita dall’American Heart Association e dalla Clinton Foundation, e l’American Beverage Association, con un’inserzione a pagamento di una pagina sul New York Times, insieme a Coca-Cola, …

Continua »

Immun’Age: multa da 250.000 euro per pubblicità ingannevole. Nessun beneficio contro Alzheimer e Parkinson, ma prezzi stratosferici

Aggiornamento 22 settembre 2015: Il Tar Lazio ha annullato la multa all’integratore Immun’Age che lo scorso anno l’Antitrust aveva dato all’azienda produttrice, la Named Spa, per pubblicità ingannevole. Per approfondimenti clicca qui. La società Named, produttrice dell’integratore alimentare Immun’Age, dovrà pagare una multa di 250.000 euro per pubblicità ingannevole. Lo ha deciso l’Antitrust che ha censurato le campagne realizzate  sui giornali, sulle radio, sulle televisioni e …

Continua »

Expo quanto mi costi? Affitti milionari e biglietti da 32 euro mettono a rischio le iniziative delle organizzazioni no profit alla cascina Triulza

Il Fatto Alimentare ha già evidenziato i costi astronomici che comporta l’affitto degli spazi all’interno di Expo 2015. Si tratta  di cifre esagerate  (leggi articolo) anche per le realtà industriali più consolidate. Lavazza ha pagato 1 milione per 85 mq, San Pellegrino 1,15 milioni per 100 mq oltre al versamento dell8% sulle vendite dei prodotti! L’altro aspetto su cui vale …

Continua »

Cos’è l’umami? Fa dimagrire? In che alimenti si trova? Un articolo di Papille Vagabonde rivela gli aspetti meno conosciuti del “quinto” gusto

Sempre più spesso si sente parlare d’umami, si tratta secondo alcuni ricercatori del quinto gusto, dopo il dolce, il salato, l’amaro e acido. A dire il vero secondo molto filosofi del gusto al quinto gusto dell’umami bisognerebbe aggiungere anche il sesto gusto il fritto e il settimo gusto il grasso! Facciamo un po’ di chiarezza i gusti fondamentali, naturali sono …

Continua »

Insalata pronta, pubblicato il decreto attuativo che prevede scadenza e indicazioni chiare in etichetta

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo della legge n. 77 del 2011, che contiene disposizioni sulla preparazione, il confezionamento e la distribuzione dell’ortofrutta di quarta gamma, cioè di quella fresca, lavata, confezionata e pronta per il consumo o la cottura. Le disposizioni si applicheranno dal 13 agosto 2015.   Con riferimento alle fasi produttive, la temperatura degli …

Continua »

Fruttosio in eccesso: è dannoso anche quello della frutta? Risponde Enzo Spisni, docente di Fisiologia della nutrizione all’Università di Bologna

frutta cassette

In un recente articolo pubblicato da Il Fatto Alimentare, si parla degli effetti negativi del fruttosio, se assunto in eccesso. Il test prende in considerazione ciò che succede somministrando una quantità di fruttosio pari a 75 gr. (simile a quello contenuto in una bibita zuccherata da 250 kcal) e arriva alla conclusione che sia necessario camminare per 10 km per …

Continua »

Alimenti biologici: in Germania i consumatori non sono confusi dalla presenza di più certificazioni, e distinguono quelle nazionali dalle europee

vini, logo-biologico-unione-europea

Dal luglio 2012, il nuovo logo europeo di certificazione dei prodotti biologici è obbligatorio su tutti gli alimenti biologici preconfezionati commercializzati  nell’Ue. La Germania, considerata il paese con il maggior mercato del biologico, utilizza già diversi marchi  volontari  rilasciati  da istituzioni governative e private, e alcuni temevano che  l’aggiunta di un nuovo logo potesse indurre in confusione i consumatori.   …

Continua »

Accordo commerciale tra Europa e USA: la discussione sul TTIP non prevede il via libera a Ogm e anabolizzanti

Pochi sanno cosa sia il TTIP  (Transatlantic Trade and Investment Partnership). Si tratta di un accordo commerciale, non ancora approvato, tra Europa e Stati Uniti (Partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti) finalizzato a ridurre le barriere commerciali che esistono e limitano lo scambio di prodotti e servizi. Si tratta di un documento, in fase di negoziazione, che permetterebbe …

Continua »

Stati Uniti, dopo 7 anni condannati per aver commercializzato arachidi contaminate da Salmonella, che hanno causato 9 morti e 700 intossicati

Nel 2007, dopo avere rilevato la presenza di salmonella nelle arachidi e nei prodotti a base di noccioline venduti dalla sua azienda, il presidente e amministratore delegato della Peanut Corporation of America Stewart Parnell,  decide di continuarne la commercializzazione.   A causa di questa decisione e delle sue conseguenze, pochi giorni fa, il 19 settembre, una giuria della Georgia ha …

Continua »