Home / Sicurezza Alimentare (pagina 10)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Acrilammide: come ridurre la sostanza cancerogena che si forma nel pane, patate fritte e caffè? I consigli per consumatori e professionisti in vista del nuovo Regolamento europeo

L’11 aprile 2018 entrerà in vigore il Regolamento (Ue) 2017/2158, che obbliga cuochi, pasticceri ed industrie a ridurre i livelli di acrilammide nei loro prodotti. Per evitare questa sostanza, infatti, non basta acquistare prodotti biologici o caratterizzati da altre certificazioni alimentari, come quelli senza glutine o vegani, né acquistando prodotti integrali. Anzi, in quest’ultimo caso, la produzione di acrilammide in …

Continua »

Effetti collaterali nella maggioranza dei giovani che bevono energy drink. Studio dell’Università canadese di Waterloo

Oltre la metà dei giovani canadesi (55,4%) che hanno consumato energy drink ha sofferto di effetti collaterali. Il 24,7% dichiara di aver avuto il battito cardiaco accelerato, il 24,1% difficoltà nel dormire e il 18,3% mal di testa. E ancora: il 5,1% ha sofferto di nausea, vomito o diarrea, il 5% ha dovuto richiedere assistenza medica, il 3,6% ha riferito …

Continua »

Astici e aragoste: i regolamenti municipali che ne tutelano il benessere? Vaghi e senza basi scientifiche: necessario un intervento nazionale

Il benessere di astici e aragoste venduti vivi per uso alimentare continua a essere una problema spinoso. La questione è tornata alla ribalta dopo che la Svizzera ha deciso di vietare la conservazione su ghiaccio, la legatura delle chele e la bollitura dei crostacei vivi. In Italia, in assenza di una normativa europea o nazionale, la questione del benessere di …

Continua »

Francia: latte della Lactalis venduto dopo l’allerta. Anche in Italia il sistema di richiamo dei prodotti presenta grosse lacune

  In Francia, lo scandalo del latte in polvere per neonati contaminato della Lactalis ha fatto emergere le gravi lacune del sistema di allerta rapido messo a punto dalle aziende e dalle autorità sanitarie quando si tratta di ritirare dal mercato un prodotto alimentare pericoloso. La storia è molto semplice. Il problema viene segnalato all’inizio di dicembre 2017 quando Lactalis annuncia …

Continua »

Cibi crudi per cani e gatti? Possono essere “bombe biologiche” pericolose anche per l’uomo. I risultati di uno studio evidenziano la presenza di E. coli, Salmonella, Listeria e altri patogeni

I cibi crudi per cani e gatti, sempre più popolari, costituiscono un’importante fonte di diffusione di infezioni alimentari. Di conseguenza, sono pericolosi tanto per gli animali quanto per i loro proprietari e, in generale, per gli esseri umani. Dal momento che, al di là delle pubblicità e delle leggende che circolano in rete, non è mai stato dimostrato alcun vantaggio …

Continua »

Listeria: dove si trova, quali sono gli alimenti a rischio e come ridurre il rischio di infezione. Lo spiega un video di Efsa

La listeriosi è un’infezione alimentare causata dal batterio Listeria monocyotgenes. Si tratta di una malattia che nella maggior parte dei casi richiede il ricovero delle persone colpite (nel 2016 il 97% delle persone affette) e può causare gravi conseguenze, anche fatali, alle persone più a rischio: neonati, donne in stato di gravidanza, anziani e persone con sistema immunitario compromesso. Efsa, …

Continua »

Sacchetti biodegradabili al supermercato: ecco perché non conviene portarli da casa. Necessario usare sempre i guanti

Il divieto di portare i sacchetti da casa per comprare frutta e verdura non piace a molti lettori, poco disposti a condividere le ragioni di tipo igienico-sanitario dei supermercati e del Ministero della salute. Nei commenti che abbiamo pubblicato si dice che in campagna la frutta e la verdura non viene certo raccolta con i guanti e messa in contenitori …

Continua »

Salmone di allevamento, il biologico più contaminato del convenzionale. Il test della trasmissione svizzera Patti Chiari

Il salmone è senza ombra dubbio uno dei pesci più amati dei consumatori. La maggior parte del pesce in commercio proviene dall’acquacoltura convenzionale, mentre solo un numero ridotto di allevamenti è biologico. Per valutare la presenza di contaminanti nel pesce, i giornalisti della trasmissione Patti Chiari in onda sull’emittente ticinese RSI, nella puntata del 15 dicembre 2017 hanno fatto analizzare in …

Continua »

Spirulina: moda o realtà? Tutte le proprietà e rischi nascosti in un super-alimento molto in voga. La verità nel dossier dell’Agenzia per la sicurezza alimentare francese

La spirulina è uno dei super-alimenti del momento. Il prodotto – venduto sovente sotto forma di compresse o in polvere – è molto popolare soprattutto come integratore tra i vegetariani, i vegani e non solo. La fama è arrivata quando la Nasa ha annunciato di volerla dare agli astronauti come prodotto alimentare. A essa viene attribuita ogni sorta di qualità …

Continua »
patatine fritte

L’acrilammide che si forma nelle patatine, nei biscotti, nel caffè e nel pane cotto ad alte temperature è nociva. Tutti i consigli da adottare in cucina per ridurre il contenuto negli alimenti in un articolo firmato da Veterinaria e sicurezza alimentare Marche

Con la pubblicazione di un nuovo regolamento europeo sono stati abbassati i valori sul contenuto di acrilammide presente  in alcuni alimenti come patate, pane, biscotti, cracker, caffè.  Secondo l’Efsa la presenza di questa sostanza nel cibo può aumentare il rischio di cancro per i consumatori e per questo motivo ha pubblicato un dossier per ridurre la quantità nei prodotti confezionati e …

Continua »
junk food

Pubblicato il nuovo regolamento Ue sull’acrilammide. Non fissa valori limite ma abbassa quelli di riferimento attuali

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue è stato pubblicato il regolamento (UE) 20 novembre 2017, n. 2158 “che istituisce misure di attenuazione e livelli di riferimento per la riduzione della presenza di acrilammide negli alimenti”. L’acrilammide è una sostanza riconosciuta come genotossica e cancerogena, che si forma prevalentemente negli alimenti ricchi di carboidrati cotti al forno o fritti. Il regolamento non fissa valori limite ma …

Continua »

Piano del ministero della Salute per contrastare la resistenza agli antibiotici. Obiettivo di riduzione del 30% di questi farmaci negli allevamenti entro il 2020

Per contrastare l’antibiotico resistenza, cioè lo sviluppo di super batteri in grado di resistere anche ai più potenti antibiotici, il ministero della Salute ha presentato un Piano nazionale, che si ispira a un approccio unitario per combattere il cattivo uso di questi farmaci nell’uomo come negli animali. Il piano prevede anche di monitorarne la presenza anche negli alimenti e nell’ambiente, …

Continua »
sicurezza alimentare allerta 156855043

Inquinamento da Pfas in Veneto. La Regione presenta i risultati dei controlli sugli alimenti e tranquillizza. Le maggiori contaminazioni in uova e animali di produzione casalinga. Pesce vietato nella zona rossa

La Regione Veneto ha diffuso i risultati del biomonitoraggio condotto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sugli alimenti ricavati dai terreni contaminati da Pfas, sostanze perfluoroalchiliche riconosciute come interferenti endocrini correlati a patologie riguardanti pelle, polmoni e reni. L’inquinamento, scoperto nel 2013, interessa una sessantina di Comuni nelle province di Vicenza, Verona e Padova, e probabilmente è in corso da decenni dato che la principale fonte sospettata …

Continua »
te

Test sul tè nero e verde: bene quelli bio, male gli Earl Grey Twinings e Lipton: troppi contaminanti. Il confronto fatto in Francia da 60 Millions

Il tè è una delle bevande calde preferite dai consumatori. Per questo il magazine francese 60 Millions des consommateurs ha portato in laboratorio 16 confezioni di Earl Grey (tè nero al bergamotto) e 10 di tè verde alla menta, le varietà più vendute nei supermercati francesi. Dalle analisi è emersa una presenza diffusa di contaminanti, naturali e anche artificiali, che …

Continua »

Sicurezza alimentare e made in Italy non sempre vanno a braccetto. I controlli sono tanti ma si può ancora migliorare

I motivi per cui scatta un’allerta alimentare sono tanti: ci può essere un errore in etichetta, un allergene non dichiarato, un documento di accompagnamento non valido… oppure un problema in grado di provocare serie ripercussioni sulla salute dei consumatori, come una contaminazione batterica o la presenza di metalli pesanti oltre i limiti consentiti. Quando una di queste problematiche interessa un …

Continua »