Home / Sicurezza Alimentare / Vaiolo delle scimmie, per l’Anses non si può escludere la trasmissione per via alimentare

Vaiolo delle scimmie, per l’Anses non si può escludere la trasmissione per via alimentare

Non si può escludere che il vaiolo delle scimmie possa trasmettersi anche attraverso alimenti contaminati. È questo il parere dell’Agenzia nazionale francese per la sicurezza alimentare, ambientale e del lavoro (Anses), che lo scorso 5 luglio ha pubblicato i risultati della sua analisi del rischio di diffusione del monkeypox attraverso la catena alimentare, epidemia che è stata ufficialmente dichiarata emergenza per la salute pubblica di livello internazionale lo scorso 23 luglio dal direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità. In tutto il mondo, dall’inizio dell’anno sono stati registrati oltre 19mila infezioni, con una distribuzione allarmante: a partire dal mese di maggio un gran numero di casi si è verificato in paesi al di fuori del continente africano, senza una precedente storia di diffusione della malattia. L’allerta è particolarmente elevata in Europa dove la situazione è considerata ad alto rischio: nei paesi europei, secondo i dati dell’Ecdc, tra il 9 maggio e il 1° agosto sono stati registrati 12.186 casi confermati di vaiolo delle scimmie, di cui 479 in Italia.

Il virus monkeypox (Mpxv) si trasmette entrando in contatto con le caratteristiche lesioni cutanee di una persona infetta, ma anche attraverso le goccioline respiratorie. Tuttavia, a partire dal 1970 (anno della prima infezione umana confermata), l’Anses ricorda che in almeno 20 focolai di vaiolo delle scimmie è stata sospettata una possibile trasmissione della malattia attraverso alimenti contaminati. Diversi casi di vaiolo delle scimmie, nel corso degli anni, sono stati associati al consumo di carne di animali selvatici, che potrebbe essere contaminata dal virus. Tuttavia non è stato finora possibile accertare la trasmissione in seguito all’ingestione di nessun altro alimento.

Venditore di carne in un mercato locale, banco con pezzi di carne appesi all'aperto; concept bushmeat, wet market
Diversi casi di vaiolo delle scimmie sono stati associati negli anni al consumo di carne di animali selvatici

Nonostante questo, secondo l’Anses, sulla base dei dati disponibili non è nemmeno possibile escludere completamente l’eventualità di una trasmissione per via alimentare. “Un alimento – scrive l’Agenzia francese – può essere contaminato direttamente da un malato, in particolare se questo lo manipola mentre presenta lesioni o croste sulla pelle. Il cibo può anche essere contaminato dopo il contatto con una superficie contaminata. La trasmissione all’uomo attraverso il cibo potrebbe quindi avvenire per ingestione o manipolazione del cibo contaminato.

Per ridurre al minimo il rischio di contagio per via alimentare, l’Anses ricorda di rispettare le buone pratiche igieniche. In particolare, si raccomanda alle persone che presentano delle ‘ferite infette’ di qualsiasi origine di non manipolare alimenti e non cucinare per altre persone. Lo stesso vale per le persone che mostrano sintomi compatibili con il vaiolo delle scimmie – eruzioni cutanee, febbre, mal di testa, fatica, dolori muscolari – anche in assenza di diagnosi. Senza dimenticare che le persone con infezione accertata devono isolarsi, proprio come per il Covid.

Queste regole dovrebbero essere rispettate in maniera ancora più stringente per gli operatori della ristorazione e dell’industria alimentare. In particolare ai lavoratori dovrebbe essere comunicato come riconoscere i sintomi della malattia per identificare il più velocemente possibile le infezioni. Allo stesso tempo non si devono trascurare le buone pratiche di igiene ambientale nelle cucine e negli impianti di lavorazione, perché il virus del vaiolo delle scimmie è particolarmente persistente.

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Assortimento di salumi su carta da forno con pomodorini e peperoncini

Nitriti e nitrati, per l’Anses si deve ridurre il più possibile l’assunzione. E in UK si chiede di vietarli

Ridurre il più possibile l’assunzione di nitriti e nitrati attraverso l’alimentazione. È il messaggio che …

3 Commenti

  1. Mi chiedo perchè una testata seria come la vostra voglia sostenere queste favole pseudo scientifiche? 19.000 casi nel mondo giustificano un’emergenza mondiale? E perchè riportate studi non confermati? Il vaoilo delle scimmie non è certo una novità. Sono decenni che è presente.

    • Giulia Crepaldi

      Certamente il vaiolo delle scimmie è una malattia nota da anni, ma è stata l’Organizzazione mondiale della sanità a dichiarare il vaiolo delle scimmie un’emergenza sanitaria internazionale, in quanto nel giro di due mesi e mezzo si sono verificati 19mila casi da almeno 75 paesi, con la maggior parte delle infezioni concentrate in paesi in cui il virus non è normalmente diffuso e con una maggiore trasmissione da persona a persona rispetto al passato: tra il 2018 e il 2021 fuori dall’Africa sono stati riportati solo 12 casi di monkeypox, tutti contratti durante viaggi in paesi africani, mentre oggi secondo l’aggiornamento del 3 agosto dell’ECDC ci sono quasi 16mila casi solo nei paesi dell’area europea, contro i circa 300 riportati in Africa.

  2. La cottura dei cibi e delle carni è sufficiente per evitare il contagio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *