Home / Etichette & Prodotti (pagina 39)

Etichette & Prodotti

categoria etichette e prodotti

Cibo etnico: l’alternativa al pasto fuori casa in tempo di crisi. Una ricerca dello Zooprofilattico delle Venezie dice che…

Cinese, giapponese o indiano? Il cibo etnico da fenomeno di nicchia è diventato per molte persone una valida alternativa per cenare fuori casa o per cucinare qualcosa che spezzi la routine domestica. L’Osservatorio dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie ha realizzato una ricerca intervistando 1.317 persone, per capire l’identità e le caratteristiche dei consumatori di prodotti etnici. In Italia l’offerta è …

Continua »

Etichette nutrizionali: la scala dei cinque colori francese si abbina a un sistema di calcolo online. L’idea della rivista dei consumatori

La rivista dei consumatori francese Que Choisir ha presentato un nuovo sistema di calcolo (accessibile attraverso il sito Internet dell’associazione), per verificare attraverso i valori riportati sulle etichette nutrizionali di ogni prodotto (calorie, grassi, fibre…) prima il  colore attribuito a un alimento e poi di conseguenza la categoria corrispondente in termini di benessere.  Il governo francese che da tempo sta …

Continua »

Carbone vegetale, si può usare nei prodotti da forno? Pane e grissini neri: risponde l’avvocato Dario Dongo

Spettabile redazione, ho una domanda per l’avvocato Dongo che riguarda la vendita in molti negozi del pane nero al carbone vegetale. La legge prevede la possibilità di aggiungere il carbone vegetale negli sfarinati e nei prodotti da forno? Il prezzo è secondo me esagerato e non capisco il perché. Grazie, Amelia Risponde l’avvocato Dario Dongo Il carbone vegetale è una forma …

Continua »

Nutella e le “DIALETTIchette”: successi e polemiche per la nuova iniziativa della Ferrero

Da circa un mese la Ferrero ha lanciato, con lo slogan ”Nutella parla come te”, il progetto “dialetti”. L’idea è di personalizzare i barattoli con 135 diverse frasi dialettali, scherzose o legate al buongiorno, scelte con l’aiuto di un team di linguisti coordinati da Francesco Avolio dell’Università degli studi dell’Aquila. Le etichette personalizzate – ribattezzate DIALETTIchette – su cui si …

Continua »

Milk Vitalità: una novità tra gli yogurt da bere con i “superfrutti”: goji, acai e melograno. Ma i claim salutistici sono per il Calcio e la Vitamina D

Arriva dall’Austria il nuovo yogurt da bere a marca Milk in tre nuovi gusti: melograno e tè verde, goji e ananas, mirtillo e acaj. La linea Vitalità Milk è ai “Superfrutti” (goji, acai e melograno) famosi, recita la confezione, “perché contengono antiossidanti naturali essenziali contro l’azione dei radicali liberi”. Sfruttando l’ascesa di questi ingredienti ormai diventati di moda nell’acquisto dei prodotti …

Continua »
tichette, alimentari, cibo, italian sounding 105938384

“Natural” sulle etichette alimentari: negli Usa la FDA lancia una consultazione pubblica sull’utilizzo del termine

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha lanciato una consultazione pubblica online sull’utilizzo del termine “natural” nelle etichette alimentari. L’iniziativa è stata assunta dopo che due petizioni hanno chiesto chiarimenti, mentre un’altra, promossa dall’organizzazione Consumer Reports, ha chiesto che la FDA vieti l’utilizzo di questo termine. A queste iniziative si aggiungono le decine richieste di chiarimento da parte di …

Continua »

Crema alle nocciole e cacao: le novità di Carli e Coop senza olio di palma fanno concorrenza a Nutella. Per Coop il prezzo diventa molto interessante

“Eliminare l’olio di palma” è la parola d’ordine adottata da alcune aziende italiane dopo l’avvio della nostra petizione, che continuano a proporre nuovi prodotti. Tra questi spiccano due creme alla nocciola spalmabili, la prima a base di olio di oliva firmata Carli (nota  società ligure produttrice di extra vergine) e l’altra targata Coop Solidal, che propone una nuova ricetta  dove …

Continua »

Nuove etichette per i prodotti provenienti dai territori occupati da Israele. Scontro tra Tel Aviv e Bruxelles

La Commissione europea ha pubblicato le linee guida sull’etichettatura dei prodotti provenienti dai territori occupati da Israele dal giugno 1967, vale a dire le alture del Golan, la Striscia di Gaza e la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est. Si tratta di una “nota interpretativa”, che era stata sollecitata in aprile da 16 governi: Italia, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Spagna, Portogallo, Belgio, …

Continua »
Allergie cibo allergeni

Allergeni: come vanno indicati in etichetta. Un problema non solo per i consumatori ma anche per i piccoli produttori

Buongiorno avvocato Dongo. La seguo con molta stima, perché trovo sempre molto chiare ed esaustive le sue spiegazioni, ma questa volta ho il dubbio di aver capito male, rispetto al punto 3) dell’articolo “Può contenere traccia di tutti gli allergeni” è un’etichettatura valida?, mi spiego meglio. Leggendo questa frase “le piccole dimensioni del laboratorio non escludono alcuna responsabilità, […]” capisco che …

Continua »
tichette, alimentari, cibo, italian sounding 105938384

Diciture in etichetta: ancora troppa confusione. Indagine su spreco alimentare, date di scadenza e termine minimo di conservazione

Eurobarometro, il servizio di ricerca e analisi demoscopica dell’Unione europea, ha condotto un’indagine sui temi dello spreco alimentare e del comportamento dei cittadini di fronte alle date di scadenza e al termine minimo di conservazione (TMC). In particolare, l’indicazione “consumare preferibilmente entro il …”, se interpretata scorrettamente, può contribuire ad aumentare i rifiuti alimentari, incoraggiando i consumatori a gettare prodotti …

Continua »

Carni rosse: la California valuta se inserire nell’etichetta l’avvertenza sui rischi di cancerogenicità

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente della California potrebbe decidere che sull’etichetta delle carni lavorate e delle carni rosse fresche debba essere posta un’avvertenza sui possibili rischi di cancerogenicità per i consumatori, dopo che l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha classificato le prime come “cancerogene” e le seconde come “probabilmente cancerogene”. Infatti, una legge della …

Continua »

PlumCake Integrale: la nuova merendina Mulino Bianco senza olio di palma, l’unica assieme ai Pangoccioli e ai Panini al latte

Mulino Bianco offre sul mercato 10 tipi di merendine differenti, quasi tutti declinati in varietà e gusti, per un totale di 19 merendine (per esempio i Cornetti sono 5: integrali, al cioccolato, alla crema, all’albicocca e alla ciliegia). In questo assortimento l’olio di palma è quasi ovunque con tre eccezioni: i Pangoccioli, i Panini al latte e la novità dei PlumCake …

Continua »

Pasta Day: perché nel giorno dedicato alla pasta le aziende non dicono che il 40% del grano è importato ed è anche di ottima qualità?

La pasta è il piatto italiano per eccellenza, tanto e ogni anno il 25 ottobre si celebra il World Pasta Day. A dispetto di quanto molti consumatori pensano la pasta che compriamo al supermercato non sempre parla italiano, visto che  il 30-40% della semola utilizzata nei pastifici arriva dall’estero. Più volte abbiamo evidenziato la scarsa trasparenza delle aziende  che cercano …

Continua »

Etichette intelligenti: cambiano colore se il prodotto resta fuori dal frigo o se l’alimento è scaduto. Come funzionano e perché evitano lo spreco

Capire immediatamente, dalla confezione, se un prodotto che deve restare lungo tutta la filiera dal confezionamento al produttore a 4°C, è stato esposto a temperature più elevate, e per quanto tempo, e se può quindi rappresentare un pericolo per la sicurezza. Questo promette di fare l’etichetta cromo-termica messa a punto dai ricercatori del Dipartimento di scienza dei materiali dell’Università Milano-Bicocca …

Continua »

Etichette, made in Italy e diciture: cosa ne sanno gli italiani? Un’indagine Granarolo su mille persone evidenzia dubbi e confusione

Etichette, made in Italy, materie prime. Cosa ne sanno gli italiani e quanto interesse racchiude questo tema? Granarolo ne ha intervistati poco più di mille, equidistribuiti tra nord, centro e sud Italia. Dall’analisi si è visto che la metà degli intervistati non sa cosa significhi precisamente “Made in Italy” per quanto riguarda il settore alimentare poiché confonde il concetto di …

Continua »