Home / Etichette & Prodotti / Eco-Score: dopo il Nutri-Score, in Francia è arrivata l’etichetta sull’impatto ambientale

Eco-Score: dopo il Nutri-Score, in Francia è arrivata l’etichetta sull’impatto ambientale

Dopo il Nutri-Score, in Francia è arrivato l’Eco-Score. Si tratta di un logo che ha l’obiettivo di informare i consumatori sull’impatto ambientale di un prodotto alimentare o di un piatto. Il nuovo simbolo assomiglia in tutto e per tutto alla famosa etichetta a semaforo francese: una scala di cinque lettere e cinque colori, dalla A verde scuro alla E rossa, collocata all’interno di una foglia stilizzata. Questa volta però, al posto degli aspetti nutrizionali, ad essere valutato è il ciclo di vita di un prodotto, dal sistema di produzione, all’imballaggio, passando per l’impatto sulla biodiversità.

Mentre il Nutri-Score è stato sviluppato da un gruppo di ricercatori, l’Eco-Score è nato da un’idea di alcuni attori del mondo digitale, della distribuzione e della ristorazione, con il supporto dell’Agenzia francese per la transizione ecologica (Ademe), e di associazioni come WWF, Greenpeace e Zerowaste. Nel collettivo che ha partecipato alla creazione dell’etichetta ambientale figurano lo studio di consulenza ambientale ECO2 Initiative, Open Food Facts e Yuka.

Ma come si calcola questo Eco-Score? Per attribuire un bollino verde, giallo o rosso, il sistema parte dall’analisi del ciclo di vita (Life cycle assessment o Lca) del prodotto, basata sui dati del programma Agribalyse dell’Ademe. A questo punto vengono aggiunti degli indicatori complementari, ad esempio quelli legati al sistema di produzione, come il biologico, l’equo-solidale o le certificazioni di sostenibilità. Altri aspetti considerati sono l’impatto legato ai trasporti, la riciclabilità degli imballaggi, le politiche ambientali dei Paesi produttori e il rispetto della biodiversità e delle specie minacciate. Ciò significa che non necessariamente un prodotto proveniente da un Paese lontano avrà un punteggio peggiore di uno made in France: sono tanti i fattori in gioco.

I conti, calcolati su 100 grammi di prodotto, sono decisamente più complessi di quelli del Nutri-Score, ma alla fine, aggiungendo all’analisi del ciclo di vita i bonus (fino a +20 punti) e i malus (fino a -15 punti) dati dagli indicatori supplementari, si ottiene un punteggio da zero a 100. Ogni 20 punti l’impatto ambientale raddoppia (*) e scatta il cambio di fascia: sotto i 20 punti si ottiene una E rossa, dai 20 in su la D arancione, da 40 punti la C gialla, da 60 la B verde chiara e da 80 la A verde scura (vedi immagine sopra).

L’Eco-Score si può già trovare sul Open Food Facts, database open source di prodotti alimentari e sulla nota app Yuka (ma non è ancora disponibile per la versione italiana), ma può essere utilizzata tranquillamente sia nei supermercati online che nei negozi. Secondo quanto riportato da FoodNavigator è già stato adottato anche dalla start up di food delivery FoodChéri, l’app di ricette Frigo Magic e l’azienda di pasti pronti a domicilio Seazon, mentre il negozio online del biologico La Fourche ha già iniziato ad apporlo sui prodotti a proprio marchio.

(*) L’impatto ambientale è calcolato un punteggio su scala logaritmica, che poi viene normalizzato in un punteggio da zero a 100 per facilitarne la lettura

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

mgaphone : nutriscore

Nutri-Score, sette Paesi si alleano per facilitare l’uso dell’etichetta a semaforo

I Paesi che hanno adottato il Nutri-Score si alleano. Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, …

2 Commenti

  1. Avatar

    ovviamente mi auguro che l’etichetta venga adottata anche in Italia, al più presto.

  2. Avatar

    Ma sì, ci mancava un’altra bella etichetta con tanti bei colori, tanto per aumentare lo spazio usato per incantare il consumatore e la confusione tra semafori, foglie, stelle, triangoli, cappelli e triccheballacche, che ovviamente nel giro di un microsecondo le multinazionali troveranno il modo di manipolare come hanno fatto per l’etichetta semaforo ottenendo un bel verde per i loro alimenti ultratrasformati e niente affatto salutari, a danno di quelli più semplici e più genuini ma non abbastanza “furbi” da infilarsi nelle pieghe delle regolamentazioni.