Home / Archivio dei Tag: PUBBLICITA INGANNEVOLE (pagina 4)

Archivio dei Tag: PUBBLICITA INGANNEVOLE

Patatine fritte: multa di un milione dell’Antitrust per pubblicità ingannevole. Non sono “fatte a mano”. Sanzione anche per la Rustica promossa da Carlo Cracco

cracco cracco patatine san carlo

Aggiornamento del 14 maggio 2019 Il Consiglio di Stato ha accolto  il ricorso di Pata  contro il provvedimento dell’Agcm sul caso delle diciture  scorrette relative alle patatine fritte, annullando la  sanzione di 250.000 euro decisa nella sentenza dell’Antitrust. Il provvedimento riteneva ingannevole la dicitura “artigianale” proposta sul packaging delle patatine fritte Pata. In primo grado il TAR Lazio Roma aveva …

Continua »

Multe a chi promette di dimagrire, in tempi rapidi e senza fatica: sanzione dell’ Antitrust a Perfoline di 650 mila euro

Help Consumatori riferisce della multa  presa dall’Antitrust contro le società Perfoline SA e Perfoline SAS.   Perdere peso velocemente, senza particolari sforzi e diete, attraverso l’aiuto di prodotti naturali a base di carciofo, di caffè verde o di cavolo. Una promessa esaltante che fa leva sugli “incredibili poteri dimagranti” di una serie di prodotti dall’efficacia spacciata per certa. Secondo l’Antitrust …

Continua »

Uliveto e Rocchetta basta bugie nella pubblicità, bocciata l’acqua della salute. Antitrust condanna Cogedi a 10 mila euro di multa. Quarta censura in pochi anni

La pubblicità di Uliveto e Rocchetta è stata nuovamente censurata dall’Antitrust perché nei messaggi le due minerali vengono classificate come acque della salute, abbinando false diciture salutistiche e usando come testimonial associazioni di medici.  È questa la decisione dell’Antitrust che in seguito alla richiesta di censura richiesta da Il Fatto Alimentare ha condannato la società Cogedi a una multa di …

Continua »

Acqua Lindos: il Comitato di Controllo del Giurì censura la pubblicità che promette facili dimagrimenti

Il Comitato di Controllo del Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria ha censurato il messaggio pubblicitario “Vuoi davvero essere più magra? Bevi più acqua!”, relativo al prodotto “Lindos” della Bognanco, rilevato sulla rivista Dimagrire – data copertina dicembre 2014. La frase presente nell’annuncio è stata valutata come manifestamente contraria all’art. 2, “comunicazione commerciale ingannevole”, del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.   …

Continua »

L’antitrust ha avviato una consultazione pubblica per la bozza del regolamento sulla pubblicità ingannevole e comparativa, violazioni…

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) ha diffuso la bozza di regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, violazione del divieto di discriminazioni, clausole vessatorie (vedi nota).   Il nuovo testo è destinato ad abrogare il Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità …

Continua »

Che fine ha fatto Gran Soleil ? Il sorbetto della Ferrero è scomparso dagli scaffali dei supermercati un anno fa, dopo sei anni di test

Gran Soleil non esiste più. Il sorbetto progettato per essere conservato fuori dal banco frigo, “da agitare e congelare prima dell’uso” non è più commercializzato da  circa un anno. La scomparsa dagli scaffali dei supermercati delle simpatiche confezioni gialle è stata notata subito dagli affezionati consumatori meno dalla maggior parte delle persone.   Secondo le dichiarazioni ufficiali della Ferrero, il …

Continua »

Antitrust multa Tripadvisor: mezzo milione per l’assenza di procedure di controllo adeguate sulle false recensioni. Il nostro filmato esclusivo mostra un vero giornalista (Stefano Cernetic) che chiede denaro in cambio di recensioni.

L’Antitrust ha condannato Tripadvisor a pagare una multa di 500 mila euro per pratiche commerciali scorrette iniziate nel 2011 e tuttora in corso.  La segnalazione e la richiesta di intervento è stata portata avanti dall’Unione nazionale consumatori. Le accuse riguardano la  “diffusione di informazioni ingannevoli sulle fonti delle recensioni”, e l’adozione di  “strumenti e procedure di controllo inadeguati a contrastare …

Continua »

Il Comitato di Controllo del Giurì censura la pubblicità di Riducella

Il Comitato di Controllo del Giurì di Autodisciplina Pubblicitaria  ha censurato il messaggio apparso su alcuni giornali relativo al trattamento dimagrante Riducella. La frase presente nell’annuncio «Perdi subito da 20 a 80 cm in 2 ore» risulta ingannevole e in contrasto con gli articoli  2 e 24 del Codice di Autodisciplina  e pertanto deve essere ritirata dal mercato. Sara Rossi …

Continua »

Formaggino Mio con spinaci e carote: spot censurati dal Giurì. Scorretto il confronto nutrizionale con verdure e ortaggi

Il Comitato di controllo del Giurì di autodisciplina pubblicitaria oggi ha comunicato di avere censurato due spot del Formaggino Mio con Carota e Formaggino Mio con Spinaci, andati in onda sui canali Rai e Mediaset nel mese di ottobre 2014. La motivazione della sentenza dice che  il messaggi “propongono un  modello alimentare scorretto, in quanto suggeriscono il prodotto come un …

Continua »

“Brucia i grassi di troppo” il messaggio è ingannevole: bocciata dal Comitato di controllo la pubblicità di Xanthadrene e Advantrim sulla rivista For Men

Il Presidente del Comitato di Controllo ha bocciato il messaggio pubblicitario “Bruciare i grassi di troppo? Ora è possibile.”, relativo ai prodotti Xanthadrene e Advantrim Brucia Grassi, rilevato su For Men Magazine (pubblicato sul numero di ottobre 2014). La pubblicità è contraria agli artt. 2 – Comunicazione commerciale ingannevole -, 12bis – Sicurezza – e 23bis – Integratori alimentari e …

Continua »

Riducella pubblicità ingannevole: perdi da 20 a 80 cm in due ore! Censura del Giurì ma il messaggio continua in rete

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha censurato l’ennesimo messaggio pubblicitario su diete e centimetri di troppo, firmato questa volta da Riducella, che promette dimagrimenti incredibili in brevissimo tempo.   In questo caso si tratta di un messaggio apparso su alcuni giornali dove si dice che Riducella rimodella il corpo e promette di far perdere da 20  a …

Continua »

Immun’Age: multa da 250.000 euro per pubblicità ingannevole. Nessun beneficio contro Alzheimer e Parkinson, ma prezzi stratosferici

Aggiornamento 22 settembre 2015: Il Tar Lazio ha annullato la multa all’integratore Immun’Age che lo scorso anno l’Antitrust aveva dato all’azienda produttrice, la Named Spa, per pubblicità ingannevole. Per approfondimenti clicca qui. La società Named, produttrice dell’integratore alimentare Immun’Age, dovrà pagare una multa di 250.000 euro per pubblicità ingannevole. Lo ha deciso l’Antitrust che ha censurato le campagne realizzate  sui giornali, sulle radio, sulle televisioni e …

Continua »

Caramelle Tic Tac, la pubblicità non c’è più. Ferrero, dopo il nostro esposto, decide che la campagna è “conclusa”

Vi ricordate i giganteschi manifesti di Tic Tac Arancia Rossa apparsi nel mese di giugno di quest’anno in moltissime stazioni della metropolitana milanese? Non li vedrete più. Il motivo non è chiaro, ma una cosa è certa, Ferrero ha deciso di interrompere la campagna dopo l’invio di una nostra richiesta di censura all’Istituto di autodisciplina pubblicitaria che contestava l’immagine della …

Continua »

Perché repubblica.it ospita pubblicità spazzatura che promette di perdere “5 kg in 7 giorni” o “12 kg in un mese”?

Perchè un quotidiano on line come repubblica.it  ospita banner pubblicitari che promettono di “perdere 5 chili in 7 giorni “? Questi messaggi una volta venivano pubblicati soprattutto sui settimanali popolari, che ormai da anni  hanno rinunciato a certe forme di pubblicità spazzatura. Anche per repubblica.it dovrebbe essere facile capire che si tratta di  messaggi di dubbia credibilità. Basta digitare il …

Continua »

Pubblicità ingannevole per l’acqua Plose: «Ossigenatevi! La Minerale con 9,4 mg/l di ossigeno». Il beneficio però non è provato scientificamente

L’acqua Plose ha esagerato: secondo il Giurì dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria il messaggio utilizzato dall’azienda è ingannevole, poiché mette in luce benefici inesistenti dovuti alla presenza dell’ossigeno, come si legge nella pronuncia 34/2014 del 16 luglio scorso che riportiamo nella nota (*). «Ossigenatevi! Acqua Plose. La Minerale con 9,4 mg/l di ossigeno» questa frase della pubblicità lascia intendere, in contrapposizione …

Continua »