Home / Pubblicità & Bufale / Pubblicità ingannevole: censurato lo spot radio di Pack express NaturHouse. L’ingiunzione dello Iap

Pubblicità ingannevole: censurato lo spot radio di Pack express NaturHouse. L’ingiunzione dello Iap

Pack express NaturHouseL’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap), con un’ingiunzione del Comitato di controllo (83/2018), ha censurato lo spot radiofonico dell’integratore alimentare Pack express NaturHouse, andato in onda  su RTL 102.5 l’11 ottobre scorso. Secondo il Comitato il messaggio è manifestamente contrario agli articoli. 2  e 23bis del Codice che riguardano la Comunicazione commerciale ingannevole in particolare di Integratori alimentari e prodotti dietetici.

Lo spot fa ascoltare le voci di due amiche che chiacchierano al rientro dalle vacanze: “Ho anche preso due chili, ma li ho già persi. Grazie al Pack express Naturhouse, puoi perdere fino a 2 chili in 2 giorni!”. L’affermazione crea false speranze e induce a credere che si possa risolvere un problema di sovrappeso o di obesità in modo facile, veloce e senza modifiche di stile di vita e alimentazione, solo grazie al prodotto.

Il messaggio ingannevole è ancora più nocivo se si tiene conto del pubblico a cui è destinato, costituito da consumatori particolarmente sensibili e vulnerabili che devono gestire un problema di salute ed estetico che genera grande disagio e che non è affatto di facile soluzione. Per perdere peso, infatti, occorre agire su più fronti per lunghi periodi: ridurre l’apporto calorico giornaliero, aumentare l’attività fisica e, in generale, adottare un regime di vita coerente con l’obiettivo.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Elena Mattioli

Elena Mattioli

Guarda qui

brancamenta amaro censura iap instagram

Brancamenta, censurato il post su Instagram di un influencer: è pubblicità occulta. La sentenza dello Iap

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia del Comitato di controllo n. 48/19 del 30/08/2019, ha …