Home / Archivio dei Tag: obesità infantile

Archivio dei Tag: obesità infantile

Energy drink: verso il divieto agli under 16 in Galles all’interno di un piano contro l’obesità

Overworked student with energy drinks

I ragazzi gallesi sono troppo grassi, e uno su quattro è già in sovrappeso quando inizia il percorso scolastico, a sei anni: per questo il Governo sta cercando di introdurre un piano per affrontare l’obesità infantile. Tra le iniziative annunciate spunta anche un divieto per la vendita degli energy drink ai minori di 16 anni, visto che queste bevande, oltre …

Continua »

Bevande zuccherate: immagini dei danni alla salute sulle bottiglie per combattere l’obesità infantile

Dolcificanti, obesità bambini sovrappeso abitudini dieta

Aumenta il peso delle prove a favore dell’introduzione, sulle bevande zuccherate, di foto realistiche che descrivano i danni dell’obesità, del diabete, delle malattie cardiovascolari a cui sono associate. Dopo anni di tentativi con strumenti meno aggressivi e di impegni rimasti tali da parte dei produttori, sono numerosi gli esperti che, forti delle evidenze di efficacia, chiedono strategie analoghe a quelle …

Continua »

Obesità infantile: si cercano soluzioni multidisciplinari e strumenti innovativi

L’Italia è tra gli stati europei con il più alto tasso di obesità infantile, il problema si registra infatti al 18% tra i bambini e al 19% tra gli adolescenti. Secondo i dati riportati nel Rapporto sull’obesità presentato dall’istituto Auxologico italiano nel luglio 2021 e riportati da Tecnomedicina, nel nostro Paese è quindi obeso quasi un bambino/ragazzo su cinque. Si …

Continua »

Obesità infantile, per combatterla stop alle pubblicità degli alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sale. Lo studio britannico

televisione pubblicità cibo bambina

Se davvero si vuole combattere l’obesità infantile, uno degli strumenti da applicare è il divieto di pubblicità relative agli alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sale, i cosiddetti Hfss (dall’inglese high fat sugar and salt). Uno studio condotto all’Università di Oxford, nel Regno Unito – paese con un elevato tasso di obesità infantile, che si è dato come obiettivo il …

Continua »

Obesità infantile, perché l’Italia ha i tassi più alti d’Europa? Dalle responsabilità dell’industria alimentare ai conflitti di interesse

sugar tax

Come mai l’obesità è esplosa verso la fine degli anni ‘70 negli USA e successivamente negli altri paesi occidentali?(1) La causa dell’obesità è realmente un problema così complesso da risolvere oppure la sua origine si spiega semplicemente con il cibo che mangiamo? Lo stomaco dell’uomo si è evoluto per milioni di anni assumendo alimenti semplici e tende ad introdurre ad …

Continua »

Bite Back 2030: grande successo della campagna degli adolescenti britannici per le etichette a semaforo obbligatorie

Young beautiful woman eating red apple over grey isolated background happy with big smile doing ok sign, thumb up with fingers, excellent sign

I ragazzi britannici si mobilitano contro l’obesità, ponendo la questione da un punto di vista abbastanza inedito. Rivendicano  il  diritto ad un’adolescenza sana, e a non essere considerati solo clienti cui proporre alimenti che fanno ingrassare e che, in definitiva, minacciano la salute. Per essere aiutati dalle autorità chiedono, attraverso l’iniziativa Bite Back 2030, l’introduzione delle etichette a semaforo obbligatorie, …

Continua »

254 milioni di bambini e ragazzi obesi nel 2030: l’allarmante rapporto dell’Oms sull’obesità infantile nel mondo

Se non si interverrà al più presto con azioni incisive, nel 2030 i bambini e i ragazzi obesi nel mondo saranno 254 milioni, con un aumento del 60% rispetto ai 150 milioni di oggi. Per quanto riguarda l’Italia, dove nel 2016 l’obesità infantile colpiva il 20,5% dei bambini e più del 90% degli adolescenti non svolge sufficiente attività fisica, fra …

Continua »

Le bevande light non aiutano a tenere sotto controllo il peso dei bambini. Per la lotta all’obesità, l’acqua è meglio dei dolcificanti

girl drinking a drink through a straw from a can

Far bere ai bambini bevande con dolcificanti non li aiuta a tenere sotto controllo le calorie totali, anche se il l’assunzione globale di energia è inferiore a quella che si ha quando possono consumare indiscriminatamente le bibite zuccherate. Probabilmente ciò dipende da diversi fattori tra i quali i circuiti metabolici attivati dagli edulcoranti, che possono avere come esito l’aumento dell’appetito, …

Continua »

L’obesità infantile preoccupa nei Paesi del sud Europa, Italia compresa: è l’effetto della dieta mediterranea che scompare?

obesita infantile bambino obeso

I bambini dell’Europa meridionale – Italia compresa – continuano a soffrire di obesità più dei loro coetanei del resto del continente, forse a causa della progressiva scomparsa della dieta mediterranea, ormai sostituita da uno stile alimentare di tipo “occidentale”. L’ennesimo allarme arriva da uno studio realizzato dall’Oms, in 21 Paesi europei su oltre 600 mila bambini e bambine, che ha confermato …

Continua »

Sugar tax: i medici USA chiedono una tassa sulle bevande zuccherate per combattere l’epidemia di obesità infantile. L’appello di cardiologi e pediatri

Dolcificanti, obesità bambini sovrappeso abitudini dieta

Due importanti società scientifiche statunitensi, quella dei cardiologi (l’American Heart Association) e quella dei pediatri (l’American Academy of Pediatrics), scendono in campo per chiedere, dopo un approfondimento durato più due anni, l’introduzione di una tassa sulle bevande zuccherate, severe limitazioni alle pubblicità rivolte ai più piccoli e avvertenze sulle confezioni simili a quelle riportate sui pacchetti di sigarette. L’obiettivo è …

Continua »

Piano del governo britannico per ridurre le calorie di pizze e cibi pronti. In dieci anni, i bambini di 11 anni gravemente obesi sono aumentati di un terzo

Wurstel Hot dog in a bun with mustard and vegetables

In Gran Bretagna, le pizze vendute ai ristoranti e nei supermercati dovranno ridurre le dimensioni o i condimenti, così come torte, piatti pronti e sandwich, per ridurre le calorie. È quanto anticipa la stampa inglese, secondo cui il governo sta predisponendo un nuovo piano anti-obesità, che dovrebbe contenere nuove raccomandazioni. Secondo la bozza del piano, una pizza standard non dovrebbe …

Continua »

Dalla colazione alla cena: per l’Obesity Day una guida ai pasti giornalieri per bambini e ragazzi

pranzo cibo famiglia

In occasione dell’Obesity day, istituito da pochi anni a livello mondiale per combattere lo stigma sull’obesità e ridurre il numero di persone che ne soffrono, i promotori italiani dell’Adi, Associazione di dietetica e nutrizione clinica italiana, hanno messo a punto una guida alimentare per migliorare l’approccio verso il cibo di bambini e ragazzi e ridurre l’obesità infantile. Oggi, 10 ottobre, …

Continua »

La bufala dell’Oms schierata contro Parmigiano e prosciutti Dop si diffonde sui media: ma non è vero nulla

parmigiano formaggio

“Olio e Grana come il fumo”, l’Organizzazione mondiale della sanità avrebbe lanciato una campagna contro i prodotti tipici di eccellenza dell’agroalimentare italiano, colpevoli di essere troppo ricchi di sale e grassi, e quindi da evitare. Questo è quanto riportato in un articolo de Il Sole 24 Ore, che descrive anche alcune misure per disincentivarne l’assunzione, come una tassa ad hoc ed etichette …

Continua »

I parlamentari britannici chiedono al governo una svolta nella lotta all’obesità infantile. Rapporto del Comitato ristretto per la Salute

boy eating a burger

“Il governo deve cambiare la narrazione sull’obesità infantile, chiarendo che il problema riguarda tutti e adottando un approccio unitario. Dovrebbe essere istituito un comitato a livello di Gabinetto per rivedere l’attuazione del Piano, con report obbligatori da parte dei Dipartimenti coinvolti. Chiamiamo il governo a fissare obiettivi chiari e ambiziosi per ridurre i livelli complessivi di obesità infantile e le …

Continua »

Scozia, giro di vite contro lo zucchero nelle mense scolastiche. Nuove misure del governo per combattere l’obesità infantile

Tra pochi mesi, i bambini scozzesi che vanno presto a scuola e fanno lì colazione, non troveranno più cereali ad alto contenuto di zucchero, come i Coco Pops di Kellogg’s e gli Honey Nut Cheerios di General Mills. Sul tavolo a fianco del latte troveranno solo prodotti che contengono meno del 15% di zuccheri. Saranno vietati anche gli yogurt che contengono più di …

Continua »