Home / Nutrizione / Energy drink: verso il divieto agli under 16 in Galles all’interno di un piano contro l’obesità

Energy drink: verso il divieto agli under 16 in Galles all’interno di un piano contro l’obesità

Ragazzo adolescente beve bevanda zuccherata o energy drink mentre gioca con i videogiochiI ragazzi gallesi sono troppo grassi, e uno su quattro è già in sovrappeso quando inizia il percorso scolastico, a sei anni: per questo il Governo sta cercando di introdurre un piano per affrontare l’obesità infantile. Tra le iniziative annunciate spunta anche un divieto per la vendita degli energy drink ai minori di 16 anni, visto che queste bevande, oltre a essere ricche di zucchero, contengono anche alti livelli di caffeina (in alcuni casi più di 150 mg per litro), che hanno fatto nascere preoccupazioni per gli effetti sulla salute dei ragazzi. Lo riferisce la BBC, che ricorda anche come il governo britannico abbia provato ad andare nella stessa direzione nel 2018, con la proposta di vietare la vendita agli under 18, senza riuscirci. Nonostante l’assenza di obbligo, però, alcune catene della grande distribuzione, in tutto il Regno Unito, non vendono energy drink a ragazzi con meno di 16 anni. L’iniziativa gallese prevede anche il divieto di aprire takeaway nelle aree vicine alle scuole e di installare dispositivi di refill  gratuito per le bevande zuccherate, nonché di offrire questi prodotti a prezzi stracciati.  

L’iniziativa anti-obesità risulta piuttosto drastica, ma nasce anche dai risultati di un sondaggio pubblico dal quale è emerso che i cittadini del Galles hanno pessime abitudini alimentari e consumano troppi grassi, zuccheri e sale, e troppe poche fibre, frutta e verdura. Il risultato di questo stile alimentare è che 1,5 milioni persone sono in sovrappeso e circa 600mila sono obese. Tra gli 11 e i 18 anni, i consumi medi di zucchero sono tripli rispetto alle dosi consigliate. E poiché alcuni energy drink contengono fino a 21 cucchiaini di zucchero e la stessa quantità di caffeina di tre tazze di caffè, è evidente che non sono adatti a bambini e adolescenti. Inoltre, secondo studi recenti, bambini e ragazzi che ne consumano in media almeno uno a settimana hanno frequenti crisi di cefalea, disturbi del sonno, mal di stomaco, e mostrano irritabilità e disturbi dell’umore. 

Bicchiere con energy drink, circondato da lattine e cubetti di ghiaccio
Gli energy drink possono contenere fino a 21 cucchiaini di zucchero per lattina e il triplo della caffeina di un caffè

Non solo: secondo un sondaggio dell’associazione no profit Nesta Cymru, la stragrande maggioranza dei gallesi sottostima il contenuto calorico di molte bibite e alimenti. Questa. sottovalutazione riguarda soprattutto i condimenti, le patatine, il cioccolato e vari snack, cui vengono attribuite in media la metà delle calorie reali dal 95% degli intervistati. Al contrario risultano a volte sovrastimate le calorie dei burger (attribuendo per esempio a un Big Mac circa mille calorie, contro le 800 medie).

Se l’iniziativa dovesse passare, ha sottolineato Jonathan Bone di Nesta Cymru, la speranza è che accada quanto si è visto con la tassa sulle bevande zuccherate, con le aziende che, per restare entro i limiti previsti, hanno modificato spontaneamente le ricette. Le associazioni dei produttori hanno ricordato che non fanno pubblicità né regalano energy drink agli under 16, e che le confezioni recano già una scritta per segnalare come questi prodotti non siano adatti ai bambini. Pertanto, non ci sarebbe bisogno di ulteriori limiti. Le consultazioni sulla proposta di legge saranno chiuse il primo settembre, dopodiché la parola passerà ai parlamentari. Secondo il Dipartimento britannico per l’Assistenza sanitaria e sociale l’obesità è la seconda causa di cancro nel Regno Unito, e costa circa 6,5 miliardi di sterline all’anno.

© Riproduzione riservata Foto: Fotolia, Depositphotos

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Donna che tocca la guancia dolorante, evidenziata da colore rosso; concept di mal di denti

Anche le bibite senza zuccheri fanno male ai denti: è l’acidità il problema, spiegano i dentisti

Oltre all’aumento di peso, c’è un motivo non abbastanza sottolineato per evitare di bere bevande …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *