Home / Archivio dei Tag: obesità infantile (pagina 2)

Archivio dei Tag: obesità infantile

Allarme obesità infantile in Scozia. Più di 500 bambini tra i due e i quattro anni visitati da specialisti negli ultimi tre anni

bambino bilancia

Tra il 2014 e il 2016, in Scozia più di 5 mila bambini e adolescenti fino ai 18 anni d’età sono stati indirizzati a medici specialisti del Servizio sanitario nazionale a causa delle preoccupazioni suscitate dalle loro condizioni di peso. Oltre 500 di questi sono compresi tra i due e i quattro anni di età. Poiché ad alcune schede mancano …

Continua »

Cile: bollino nero per i cibi troppo ricchi di zuccheri, grassi e calorie. Stop anche alla pubblicità. Nestlé, Coca-Cola e Pepsi cambiano ingredienti

cile loghi etichette millefoglie

Il Cile occupa il secondo posto nella classifica dei Paesi dell’America Latina riferita al tasso di obesità, dopo il Messico (fonte Fao). Dai  numeri diffusi dal Ministero della salute si evince che tre quarti della popolazione è obesa o in sovrappeso. Nel 2016, i costi sanitari collegati a questo problema hanno raggiunto gli 800 milioni di dollari, pari al 2,4% …

Continua »

L’obesità infantile è in diminuzione, ma l’Italia è ancora tra i peggiori in Europa. Un bambino su tre è obeso o in sovrappeso. Intervista all’esperta Margherita Caroli

bambino bilancia

L’obesità, ormai lo sappiamo bene, è una condizione che favorisce l’insorgenza di patologie cardiovascolari, diabete e alcuni tipi di cancro. L’Oms parla di epidemia, perché negli ultimi 40 anni il numero di persone sovrappeso e obese, nel mondo, ha visto un notevole aumento. Il problema è particolarmente grave quando riguarda bambini e adolescenti, perché più del 60% dei ragazzi obesi …

Continua »

L’andamento dell’obesità in bambini e adolescenti nel mondo negli ultimi quarant’anni. Una ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità

obesita infantile bambino obeso

Negli ultimi 40 anni, nel mondo, il numero di bambini e adolescenti obesi (tra i 5 e 19 anni) è aumentato di 10 volte e in Italia la percentuale è cresciuta di quasi tre volte tra il 1975 e il 2016. È quanto emerge da uno studio condotto dall’Imperial College di Londra e dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), i cui …

Continua »

No a cartoni animati e mascotte sui prodotti poco sani per contrastare l’obesità infantile. Aumentano le iniziative delle associazioni e dei governi

Basta personaggi dei cartoni animati e mascotte su prodotti per bambini poco sani. È questa la richiesta che avanzano numerose associazioni dei consumatori in giro per il mondo, per tutelare la salute dei più piccoli, che sono sempre più spesso colpiti da obesità e sovrappeso già in tenera età. Esiste infatti un legame inconfutabile tra la pubblicità di questi prodotti …

Continua »

UK, nuova politica contro l’obesità infantile, nel mirino le calorie e non solo zucchero. Critiche dalla rivista medica The Lancet

boy eating a burger

Dopo aver puntato sulla riduzione dello zucchero, con una soda tax che entrerà in vigore il prossimo aprile e l’indicazione verso una riduzione del 20% in alcuni alimenti chiave, ora il governo britannico indica il nuovo obiettivo del piano di lotta all’obesità: la riduzione delle calorie. Lo ha annunciato Public Health England, agenzia del Dipartimento della salute del Regno Unito, …

Continua »

Oms, in Europa un adolescente su tre è obeso o in sovrappeso. Interessanti alcuni dati per l’Italia tra il 2002 e il 2014

L’ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha pubblicato un nuovo rapporto sull’andamento dell’obesità tra gli adolescenti nei 53 paesi compresi nella regione europea dell’Oms, che evidenzia una continua crescita del problema in molti paesi. “Nonostante gli sforzi costanti per affrontare l’obesità infantile – afferma il dottor Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’Oms per l’Europa – un adolescente  su …

Continua »

In Italia diminuiscono i bambini in sovrappeso e quelli obesi, ma persistono cattive abitudini alimentari. I risultati del progetto Okkio alla salute del Ministero

In Italia, i bambini obesi e in sovrappeso sono diminuiti del 13%, in meno di dieci anni. È questo l’ultimo dato rilevato dal Sistema di sorveglianza Okkio alla salute, promosso dal Ministero della salute/Ccm (Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie), coordinato dall’Istituto superiore di sanità. I dati sono stati raccolti su un campione di 48.946 bambini di …

Continua »

Obesità: il commissario Ue alla Salute favorevole a tasse su alcuni ingredienti e prodotti alimentari insalubri. L’atteggiamento della Commissione Ue sullo strumento è “molto positivo”

obesita sovrappeso hamburger junk food 106541056

Secondo il commissario europeo alla Salute, Vytenis Andriukaitis, la tassazione di alcuni ingredienti e prodotti alimentari può essere uno strumento “molto efficace” per affrontare alcuni problemi sanitari, compresa l’obesità. Il commissario lo ha detto prima dell’inizio dell’ultima riunione informale dei ministri europei della Salute, svoltasi a Malta, che in questo semestre ha la presidenza del Consiglio Ue. Sebbene la competenza …

Continua »

Il governo britannico pubblica la bozza della proposta di sugar tax. Imposta a doppia soglia, a seconda della quantità di zucchero

Cute children with soft drinks

Il governo britannico ha presentato la proposta di tassa sulle bevande zuccherate che dovrebbe diventare operativa nell’aprile 2018, dando così tempo alle aziende di adeguarsi. La bozza di legge conferma la scelta di un’imposta a doppia soglia: una di 18 pence per litro, per bevande analcoliche con più di 5 grammi di zucchero per 100 ml, e una di 24 …

Continua »

L’obesità infantile (e non solo) è un problema mondiale che ha tre cause: junk food, bevande zuccherate e sedentarietà

bambina junk food

Un’epidemia dilagante il cui andamento è peggiore delle più pessimistiche previsioni di qualche anno fa,  miete vittime soprattutto tra i più indifesi, i bambini, accorciandone le aspettative di vita. Questa piaga ha due responsabili principali: il junk food e le bevande zuccherate, le famigerate soda. Fa venire i brividi l’ultimo rapporto della World Obesity Federation (WFO) pubblicato su Pediatric Obesity e …

Continua »

Kinder Sorpresa vietato in Cile e niente più giochi insieme all’Happy Meal di McDonald’s: una manovra per contrastare l’obesità infantile

Il 27 giugno, in Cile, entrerà in vigore una nuova legge sull’etichettatura degli alimenti, sulla vendita e la pubblicità ai minori di 14 anni, finalizzata a combattere l’obesità dilagante. Per quanto riguarda l’etichettatura, quando calorie, grassi, sale o zuccheri superano la soglia raccomandata, dovrà essere apposta la scritta “Alto en…”. Gli alimenti che hanno questa indicazione non potranno contenere o …

Continua »

Anche in Cina il problema dell’obesità tra bambini e adolescenti è in crescita negli ultimi 30 anni

In Cina, secondo i dati relativi al 2014, il 17% dei ragazzi e il 9% delle ragazze sono obesi. Trent’anni fa lo era meno dell’uno per cento. Le cifre emergono da uno studio, pubblicato dall’European Journal of Preventive Cardiology, basato su sei campagne di sorveglianza condotte su 27.840 ragazzi e ragazze tra i 7 e i 18 anni, dal 1985 …

Continua »

L’obesità infantile avanza, e ancora ci si chiede come affrontare la situazione. La questione dei profili nutrizionali e del cibo da indulgenza

obesità infanzia bambini junk food

Negli stessi giorni in cui il Parlamento europeo adottava una risoluzione contro i profili nutrizionali, finalizzati a impedire slogan salutistici sui cibi di indulgenza (alimenti poco equilibrati dal punto di vista nutrizionale), la Presidenza di turno del Consiglio – affidata all’Olanda nel primo semestre 2016 – riproponeva una delle sue priorità, il miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti alimentari. La discussione …

Continua »

L’obesità infantile è un problema da risolvere. Eliminare gli spot e tassare il cibo spazzatura. Il parere di Francesco Branca OMS

Il problema della obesità infantile esiste per più di otto famiglie su dieci e va affrontato in maniera decisa. Il primo passo da compiere, secondo i tre quarti dei genitori inglesi, è rappresentato dal divieto degli spot che promuovono il consumo di alimenti poco salutari prima delle nove di mattina. Ovvero nella fascia in cui i bambini sono seduti a …

Continua »