Home / Nutrizione / 254 milioni di bambini e ragazzi obesi nel 2030: l’allarmante rapporto dell’Oms sull’obesità infantile nel mondo

254 milioni di bambini e ragazzi obesi nel 2030: l’allarmante rapporto dell’Oms sull’obesità infantile nel mondo

bambino sovrappeso metroSe non si interverrà al più presto con azioni incisive, nel 2030 i bambini e i ragazzi obesi nel mondo saranno 254 milioni, con un aumento del 60% rispetto ai 150 milioni di oggi. Per quanto riguarda l’Italia, dove nel 2016 l’obesità infantile colpiva il 20,5% dei bambini e più del 90% degli adolescenti non svolge sufficiente attività fisica, fra 10 anni ci saranno oltre 13 milioni di bambini e ragazzi obesi. Nello specifico, sarà in condizione di obesità il 21% dei bambini di età compresa tra i 5 e i 9 anni, e il 12,9% di quelli nella fascia di età 10-19 anni. E questo anche se già oggi esistono politiche attive di limitazione della pubblicità degli alimenti poco sani, di riduzione dell’inattività fisica e di contenimento del consumo di cibi insalubri, tre parametri considerati positivamente.

Questo è il quadro assai preoccupante contenuto nel primo rapporto dell’Oms (chiamato Childhood Obesity Atlas) dedicato all’obesità infantile, reso noto nei giorni scorsi, che contiene, oltre a schede specifiche per ogni paese del mondo, dati generali e confronti. Vi si legge, per esempio, che solo un paese su dieci ha qualche speranza (circa il 50%) di centrare l’obiettivo dell’Oms di non aumentare il numero dei piccoli obesi tra il 2010 e il 2025, mentre per altri 156 paesi (su 191) le probabilità di riuscirci sono inferiori al 10% e per altri ancora è prossima allo zero. Se la tendenza continuerà, in Cina ci saranno 62 milioni di bambini obesi, in India 27 milioni e mezzo e negli Stati Uniti 17 milioni. 

Allarmati i commenti dei responsabili del rapporto. Anche i paesi che oggi hanno un livello basso di obesità infantile saranno travolti dall’epidemia, se non si prenderanno provvedimenti urgenti per tutelare la salute dei più piccoli: per esempio, in Vietnam e Tanzania i piccoli obesi saranno 2 milioni, nella Repubblica Democratica del Congo 2,4 milioni. 

Tim Lobstein, direttore della World Obesity Federation, che ha contribuito in maniera fondamentale a stilare il rapporto, ha commentato sul Guardian: “Finora le autorità sanitarie di tutto il mondo non hanno preso sul serio i dati che già avrebbero dovuto innescare una reazione, e solo adesso iniziano a intravvedersi i primi, timidi segnali positivi di intervento in quello che è sempre stato considerato solo un libero mercato, quello del cibo, contro il quale è sempre stato difficile agire anche per gli enormi interessi in gioco”. Eppure, prosegue l’esperto, chi già da bambino ha un indice di massa corporeo superiore a 30 o addirittura 35 (in questo caso è chiamato grande obeso) può aver bisogno di interventi sanitari costosi e rischiosi come la chirurgia bariatrica, è destinato ad ammalarsi di patologie come il diabete di tipo 2 anche in età infantile, e rischia il cancro e numerose malattie cardiometaboliche in età adulta.

obesità sovrappeso diete ragazzi adolescenti
Secondo un rapporto dell’Oms, nel 2030 ci saranno 254 milioni di bambini e adolescenti con obesità

Secondo Lobstein l’azione più efficace è senza dubbio quella sul junk food e, nello specifico, sui cibi ultraprocessati e sulle bevande zuccherate, che andrebbero regolamentati in modo del tutto diverso. L’offerta negli anni è cresciuta in modo esponenziale, mentre i prezzi sono scesi in misura altrettanto spettacolare, rendendo alimenti e bibite accessibili a chiunque , soprattutto a chi ha meno disponibilità economica. 

Secondo Louise Baur, pediatra dell’Università di Sidney intervistata dal giornale britannico, la situazione attuale è frutto della sommatoria di più fattori tra i quali, oltre al cibo, vi sono il miglioramento dei trasporti pubblici, che hanno allontanato i ragazzi dalle camminate e anche dall’uso della bicicletta. Anche la disponibilità di computer e smartphone tiene i più piccoli incollati a divani e seggiole come pure la diminuzione degli spazi verdi urbani. Non a caso, è ciò che si sta verificando nei paesi emergenti, dove si registra un aumento del numero di ragazzi obesi.

Su un fatto però sono tutti d’accordo: l’obesità infantile è uno dei principali e più trascurati problemi di sanità pubblica a livello mondiale. E il prezzo, come per il clima, lo pagheranno gli adulti di domani.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Raw meat beef steak on black top view.

Dietro lo studio a favore della carne rossa spuntano legami con la lobby alimentare. La scoperta del New York Times

Il New York Times smonta lo studio che sembrava attenuare, se non negare, il legame …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *