Home / Pianeta / All’inizio della scuola primaria il 22,5% dei bambini inglesi è obeso o in sovrappeso, alla fine la percentuale sale al 34,5%. Dati allarmanti

All’inizio della scuola primaria il 22,5% dei bambini inglesi è obeso o in sovrappeso, alla fine la percentuale sale al 34,5%. Dati allarmanti

Schoolchildren enjoying their lunch in a school cafeteriaIl 4,1% dei bambini inglesi è severamente obeso nel momento in cui finisce la scuola primaria, cioè a 10-11 anni. Quando iniziano il ciclo scolastico, cioè a 4-5 anni, la percentuale è già del 2,35%. In numeri assoluti, riferiti all’anno scolastico 2016-17, questo significa quasi 15 mila bambini severamente obesi su 629 mila a 4-5 anni e oltre 22 mila su 556 mila a 10-11 anni. Se a quelli severamente obesi si aggiungono i bambini obesi e in sovrappeso, si raggiunge il 22,5% all’inizio della scuola primaria e il 34,5% alla fine del ciclo scolastico, che è di sei anni.

I dati allarmanti sono stati diffusi per la prima volta dalla Local Government Association (LGA), basandosi sulle statistiche di Public Health England, agenzia del Dipartimento della salute del Regno Unito. La LGA, che raggruppa 370 consigli comunali di Inghilterra e Galles, sollecita azioni urgenti, sottolineando che si tratta di una bomba a orologeria che può costare molti miliardi di sterline in termini di salute pubblica e di costi sociali. Infatti, i bambini obesi di oggi diventeranno gli adulti obesi di domani, i cui anni di vita sana saranno ridotti da una serie di problemi di salute, tra cui diabete, cancro e malattie cardiache.

Dai dati emerge che i tassi di obesità severa variano significativamente a seconda delle aree dell’Inghilterra e sono più alti tra i bambini che vivono nelle città più povere e nelle minorane etniche, richiedendo quindi, secondo la LGA, maggiori risorse per gli enti locali e l’adozione di interventi più mirati, come una migliore etichettatura di prodotti alimentari e bevande e la possibilità per le amministrazioni locali di vietare la pubblicità di cibo spazzatura vicino alle scuole.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Api e neonicotinoidi: gli insetticidi vietati contaminano ancora i campi europei. Ma non tutti sono pericolosi per gli impollinatori

Nonostante la moratoria europea del 2013 sull’uso all’aperto, e la successiva conferma in senso restrittivo …