Home / Pianeta / Tra bambini e adolescenti statunitensi continuano a crescere sovrappeso e obesità. Contraddetti precedenti studi che avevano indicato una diminuzione

Tra bambini e adolescenti statunitensi continuano a crescere sovrappeso e obesità. Contraddetti precedenti studi che avevano indicato una diminuzione

bambino sovrappeso metroNonostante alcuni rapporti di quattro anni fa indicavano una diminuzione dei tassi di obesità di bambini e adolescenti negli Stati Uniti, la realtà è che il fenomeno è in crescita nella fascia di età compresa tra i 2 e i 19 anni. Lo rileva una ricerca condotta dalla Duke University e pubblicata dalla rivista Pediatrics, che indica nel 35,1% il tasso di bambini e adolescenti in sovrappeso, con un aumento del 4,7% rispetto al 2014.

Le rilevazioni si basano sui dati dell’indice di massa corporea (BMI) di 3.340 bambini e adolescenti che nel 2015-2016 hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey, un grande database che viene aggiornato ogni due anni. I ricercatori hanno esaminato i dati riguardanti 33.543 bambini e adolescenti, a partire dal 1999.

Sono stati identificati picchi notevoli, tra il 2014 e il 2016, nell’obesità tra i bambini in età prescolare, che è aumentata dall’8,5% al ​​14,2%, e tra le ragazze di età compresa tra i 16 e i 19 anni, i cui tassi di obesità sono passati dal 35,6% al 47,9%.

La fascia di età tra i 16 e i 19 anni è la più critica in entrambi i sessi: il 41,5% degli adolescenti risulta in sovrappeso, secondo l’indice di massa corporea definito dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Il 4,5% ha uno stato di obesità di Classe III, la più alta delle categorie definite dai CDC. Sia la Classe II che la Classe III sono considerate gravi e sono associate a un maggior rischio di problemi cardiaci e metabolici, come l’ipertensione e il colesterolo.

sovrappeso bambino
Il tasso di obesità e sovrappeso tra i bambini e gli adolescenti continua ad aumentare negli Stati Uniti

In tutti i gruppi di età, bambini e adolescenti afro-americani e ispanici hanno i tassi più elevati di sovrappeso e di tutti i livelli di obesità, mentre tra gli asiatici e i bianchi si registrano tassi nettamente inferiori. La tendenza più importante registrata a partire dal 1999 è l’aumento di tutti i livelli di sovrappeso per le ragazze ispaniche, e il sovrappeso e l’obesità di classe II tra i maschi ispanici.

I ricercatori della Duke University sottolineano come il database da loro utilizzato sia più ampio di quelli di precedenti studi che avevano indicato una diminuzione dei tassi di obesità.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

meloni frutta giappone coltivare serra

Un’anguria da 5.000 euro! Ecco i tre frutti più cari al mondo venduti in Giappone raccontati in un articolo di Italia Fruit News

La rivista online Italia Fruit News ha pubblicato un interessante articolo su alcuni costosissimi frutti …