Home / Pubblicità & Bufale / Londra verso il divieto di pubblicità di cibo spazzatura sui trasporti pubblici. Consultazione pubblica sulla proposta del sindaco Sadiq Khan

Londra verso il divieto di pubblicità di cibo spazzatura sui trasporti pubblici. Consultazione pubblica sulla proposta del sindaco Sadiq Khan

London busIl sindaco di Londra Sadiq Khan per combattere l’obesità infantile, da lui considerata una bomba a orologeria, propone di vietare sulla rete dei trasporti pubblici della capitale inglese tutte le pubblicità di alimenti e bevande risultati malsani, perché troppo ricchi di zuccheri, sale o grassi. Sarebbero bandite anche le pubblicità che riportano solo il nome del produttore di alimenti o di bevande o il semplice marchio del ristorante. Le nuove regole proposte tendono a spingere le aziende alimentari e i ristoranti a modificare le strategie pubblicitarie, consentendo solo la promozione di cibi salutari.

Londra ha uno dei più alti tassi europei di obesità infantile. Quasi il 40% dei bambini di 10-11 anni è obeso o in sovrappeso e quelli che vivono nelle zone più povere hanno il doppio delle probabilità di diventarlo. A livello nazionale il 34% dei bambini inglesi di sei anni ha questo problema.

Nella proposta ssi evidenzia come le nuove regole potrebbero avere un impatto significativo nel ridurre l’esposizione di bambini e giovani alla pubblicità per strada di cibi malsani, dato che la rete dei trasporti pubblici assorbe buona parte dell’intera pubblicità stradale di Londra (40% in termini di entrate da questo settore per il Comune). Le nuove regole riguarderebbero le stazioni della metropolitana, le pensiline delle fermate di superficie e le fiancate degli autobus e dei taxi. Si tratta di  una regolamentazione più estesa rispetto a quella entrata in vigore lo scorso gennaio ad Amsterdam, visto che nella capitale olandese i limiti riguardano  solo la metropolitana e solo le pubblicità di cibo spazzatura rivolte a bambini e giovani al di sotto dei 18 anni.

La proposta del sindaco di Londra fa parte della London Food Strategy, sulla quale è stata avviata una consultazione pubblica fino al 5 luglio. 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Beauty Girl Influencer Using Social Media on Smartphone with Like, Comment, Follower icon Around on Pink Background

Instagram e Facebook mettono un freno alle pubblicità di prodotti dimagranti. Ma solo dopo segnalazioni degli utenti…

Instagram e Facebook cercano di mettere un freno alle pubblicità dei prodotti dimagranti, sempre più …

2 Commenti

  1. Avatar

    Bravo sindaco,

    “vietare sulla rete dei trasporti pubblici della capitale inglese tutte le pubblicità di alimenti e bevande risultati malsani, perché troppo ricchi di zuccheri, sale o grassi.”

    ottima strategia, nel frattempo il cibo spazzatura sarà sempre pubblicizzato in tv, radio e sui giornali, oltre che ad essere disponibile in grandi quantità e a prezzi stracciati ad ogni angolo della strada.

    in bocca al lupo per i risultati sull’obesità infantile.