Home / Archivio dei Tag: Burger King

Archivio dei Tag: Burger King

Burger King lancia l’hamburger vegetariano Rebel Whopper in 25 paesi europei grazie a un accordo con Unilever

rebel whopper burger king

Anche l’Europa potrebbe presto essere preda di quella che oltreoceano viene chiamata plant-based mania, ovvero di un amore quasi irrazionale, di una moda per tutto ciò che è vegetale, in sostituzione delle proteine animali. Complice la catena di fast food Burger King, che ha stipulato una partnership con il colosso alimentare Unilever per l’approvvigionamento di burger vegetali, che sono stati …

Continua »

Burger King lancia l’Impossible Whopper, il primo hamburger vegetariano della catena. Sperimentazione in 59 ristoranti americani

impossible whopper burger king

Non solo McVegan e nuggets vegetariani, anche Burger King si lancia nel mondo dei panini vegetariani. La catena ha infatti annunciato la sperimentazione, in 59 ristoranti di St Louis e delle zone limitrofe, dell’Impossible Whopper, la versione veg del celebre Whopper realizzata con l’hamburger vegetale prodotto da Impossible Foods. L’Impossible Whopper, a detta da chi l’ha già assaggiato, è praticamente …

Continua »

Antibiotici: indagine su 25 grandi catene di ristorazione degli Stati Uniti sull’uso negli allevamenti. Qualche miglioramento per la carne di pollo

fast food

Una coalizione di organizzazioni non governative ha pubblicato la seconda indagine annuale sulle politiche e le pratiche relative all’uso degli antibiotici nella carne servita da 25 grandi catene di fast food e ristoranti negli Usa. Rispetto all’indagine di un anno fa, ci sono miglioramenti in alcune catene, in particolare per la carne di pollo. Tuttavia 16 di queste non hanno …

Continua »

Combattere la resistenza agli antibiotici: la campagna di Altroconsumo contro McDonald’s, Autogrill, Burger King e KFC

La guerra agli antibiotici è partita dagli Stati Uniti. Ma l’eco della campagna lanciata dalla Federazione Mondiale dei Consumatori è arrivata anche in Italia, tramite l’adesione da parte di Altroconsumo. Il tema dell’iniziativa lanciata contro quattro catene di fast food – Autogrill, Burger King, KFC e McDonald’s – è quello della resistenza agli antibiotici. Le associazioni si sono rivolte a chi, nelle …

Continua »

L’indicazione delle calorie sui menu influenza più i ristoranti che i clienti. Due studi realizzati negli Stati Uniti e pubblicati dalla rivista Health Affairs

ristorante menu allergeni iStock_000041240474_Small

Dal 2008, a New York le catene di ristoranti che hanno più di 15 locali sono obbligate a indicare le calorie dei loro menu. Dalla fine del 2016, una legge analoga entrerà in vigore in tutti gli Stati Uniti, per le catene con più di venti ristoranti in tutto il paese. Alcuni ricercatori della New York University Langone Medical Center …

Continua »

Auchan e Burger King: 540.000 euro di multa per violazioni delle norme igieniche. Sanzione dall’agenzia per la protezione dei consumatori russa

Lady pushing a shopping cart in the supermarket.

L’agenzia russa per la protezione dei consumatori, Rospotrebnadzor, ha comminato una multa di 25 milioni di rubli (circa 330.000 euro) alla catena francese di supermercati Auchan e centinaia di dipendenti sono stati sospesi dal lavoro, dopo alcune ispezioni finalizzate a verificare il rispetto delle norme sanitarie. La notizia è stata data dall’agenzia di stampa russa RIA Novosti, che ha riportato …

Continua »

McDonald’s dice no alle uova da galline allevate in gabbia, ma ci vorranno dieci anni prima del cambiamento

Ci vorranno ancora dieci anni, ma McDonald’s, stando a quanto annunciato nei giorni scorsi, passerà alle uova di galline non allevate in gabbia, almeno per quanto riguarda il mercato statunitense e canadese (in totale oltre 16.000 punti vendita). L’iniziativa si inserisce nel solco dei cambiamenti imposti alle grandi multinazionali da un’opinione pubblica sempre più sensibile sia alla qualità nutrizionale degli …

Continua »

Bambini e fast food: la proposta soft di New York per limitare l’epidemia di obesità, limitando grassi, sodio e calorie

Benjamin Kallos, membro del consiglio locale di New York, vuole disciplinare i pasti per bambini serviti nei fast food. L’obiettivo è regolamentare in maniera più rigida l’erogazione dei pasti e per fare ciò ha invitato le multinazionali a proporre un Happy Meal “salutare”: con un  frutto, un piatto a base di verdura o una porzione di cereali integrali ad accompagnare …

Continua »

Olio di palma sostenibile: dagli Usa arriva la classifica degli impegni dell’industria alimentare. Bene per i cibi confezionati, molto scarso tra i fast food

La Union of Concerned Scientists, organizzazione scientifica statunitense per la difesa dell’ambiente, ha pubblicato il secondo rapporto annuale sulle politiche di approvvigionamento dell’olio di palma da parte di quaranta grandi aziende operanti nei settori del fast food, dei cibi confezionati, della cura della persona e della grande distribuzione, che nella prima edizione non era contemplata. Per ogni settore vengono considerate dieci …

Continua »

Stop alle bibite dolci nei menù per bambini: anche Burger King si converte ad acqua, succo di mela o latte

La pressione dell’opinione pubblica, meglio ancora se organizzata in lobby e associazioni di consumatori, ottiene risultati tangibili, anche sulle grandi multinazionali. Dopo McDonald’s e Wendy, anche la terza grande catena di fast food americani Burger King ha deciso di eliminare le bibite gassate e dolci dal menu dedicati ai bambini preferendo acqua, o succo di mela, o latte (normale o …

Continua »

Arriva Kuro l’hamburger nero di Burger King. In Giappone la catena di fast food tinge pane, salsa e formaggio

[wzslider height=”600″ transition=”‘slide’” info=”true”] Burger King in Giappone si tinge di nero. L’offerta di panini si è arricchita di tre hamburger caratterizzati da ingredienti completamente dark: il pane, il formaggio e anche la salsa. La colorazione è ottenuta dall’aggiunta di carbone di bambù (diffuso nella cucina giapponese) al pane e al formaggio, e nero di seppia alla salsa.   La …

Continua »

San Francisco nel 2011 dice no ai giocattoli regalati ai bambini nei fast. Dopo due anni però non si registrano cambiamenti

boy eating a burger

Nel 2011, la città di San Francisco decide di vietare alle catene di fast food di regalare giocattoli insieme ai menù per bambini, tranne quando il pasto risponde a precisi criteri nutrizionali. L’Università di Stanford ha condotto uno studio, pubblicato dai Centres for Diseas Control and Prevention, per vedere cosa è cambiato dopo la decisione, nei comportamenti dei fast food …

Continua »

Notizie dal mondo: acrilammide, riduzione di sale, i fast food secondo gli statunitensi, eritritolo, etichette semaforo

Le notizie dal mondo di questa settimana arrivano da Europa, Francia, Austria e Stati Uniti Acrilammide: negli alimenti aumenta il rischio di cancro L’acrilammide negli alimenti aumenta potenzialmente il rischio di cancro per i consumatori in tutte le fasce d’età e, sulla base del peso corporeo, i bambini sono i maggiormente esposti. Lo afferma l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza …

Continua »

La riduzione del sale nelle catene fast food in USA è lenta e incoerente: occorre fissare limiti precisi e non lasciare l’iniziativa alle aziende

Tra il 2009 e il 2013 negli Stati Uniti le diciassette maggiori catene di ristoranti hanno ridotto il contenuto di sale nei cibi del 6%, vale a dire l’1,5% l’anno. Si tratta di un progresso lento e incoerente, osserva un rapporto dei Center for Science in the Public Interest, che ha analizzato 136 menù. Le maggiori riduzioni sono state fate …

Continua »

Satisfries: anche in Italia arrivano le patatine “light” di Burger King. Hanno il 30% di grassi in meno rispetto a quelle di McDonald’s

Da qualche giorno Burger King ha lanciato anche in Italia le Satisfries, patatine fritte “a ridotto apporto di grassi”, in vendita negli Usa già dallo scorso autunno (leggi articolo). Le Satisfries (*) contengono il 30% di grassi in meno rispetto alle patatine di McDonald’s, per la precisione il 9% contro il 14% del prodotto concorrente: l’azienda propone infatti questo confronto, anziché …

Continua »