La catena di fast food Burger King qualche mese fa aveva presentato il suo Plant-Based Whopper, pubblicizzandolo come un panino 100% vegetale. L’associazione Essere Vegan ha inviato un esposto all’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) evidenziando che in effetti, il panino non contiene carne, ma viene cotto sulla stessa griglia utilizzata per gli hamburger classici ed è condito con una maionese a base di uova. Si tratta di indicazioni fornite nella campagna pubblicitaria di Burger King, che però secondo l’associazione vegana erano con caratteri giudicati troppo piccoli, rispetto alle scritte “Burger 100% vegetale” e “Plant-Based” esibite con caratteri molto più visibili e sottolineate con colori sgargianti.

Secondo l’Agcm, il consumatore non era informato in maniera chiara del fatto che, pur trattandosi di un hamburger vegetale, le procedure di lavorazione in qualche mod  inficiavano quel tanto ribadito “100% vegetale”. L’Autorità è perciò intervenuta invitando Burger King a modificare il testo evidenziando meglio che il prodotto non è un hamburger pensato per vegetariani o vegani.  Adesso nella foto della pubblicità compare la frase “Burger vegetale, cotto sulla stessa griglia del burger di carne”. Ad onor del vero qualche mese fa la catena di fast food in risposta ad un nostro quesito sull’hamburger vegetale precisava che  “…il nostro obiettivo non è quello di offrire una proposta vegetariana o vegana – le nostre ricette non lo sono perché il whopper contiene maionese e non vengono preparate in ambienti separati – bensì appunto ampliare le possibilità di scelta di chi a volte sente la necessità di mangiare proteine vegetali senza perdere il gusto tipico di Burger King”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira