0 0 voti
Vota
3 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Tommaso
Tommaso
17 Giugno 2022 16:41

E’ banale: l’unica misura che funziona pressoché istantaneamente è quella di agire sul meccanismo dei prezzi. La stragrande maggioranza della gente, quando va bene, è ambientalista solo a parole (spesso nemmeno questo…), ma non è minimamente intenzionata a rinunciare a carne, automobile privata, e più in generale a consumi energetici insostenibili per il pianeta (riscaldamento d’inverno e condizionatore d’estate). Solo se si tocca il portafoglio si può sperare di far muovere i consumatori sulla curva di domanda. E invece cosa si fa? Si concedono lauti incentivi alle produzioni animali, si tagliano le accise sulla benzina, si riducono gli oneri in bolletta…tutti interventi che lanciano segnali di prezzo in antitesi rispetto a quanto si vorrebbe ottenere in termini di politica ambientale. Fintantoché nel prezzo non sarà incluso anche il danno ambientale del prodotto, se ne consumerà sempre più di quanto sarebbe sostenibile.

Valter63
Valter63
18 Giugno 2022 13:05

Concordo senz’altro ma lo spostarsi sul VEG non sarà sicuramente a costo zero, quando aumenta la richiesta s’impennano anche i prezzi, questa purtroppo è una legge di mercato ed i fine ultimo è creare il profitto.

Tommaso
Tommaso
Reply to  Valter63
19 Giugno 2022 18:41

Spostarsi sul veg, oltre ad essere positivo in termini ambientali, non potrà che ridurre i prezzi, in quanto per produrre la stessa quantità di calorie/proteine animali è necessario consumare un multiplo (più o meno elevato a seconda del tipo di animale allevato) di calorie/proteine vegetali. Per cui più ci si sposta sul veg, maggiore sarà la quantità di cibo a disposizione dei consumatori, e quindi a fronte di un massiccio aumento dell’offerta i prezzi non potrebbero che calare. Questo, poi, senza considerare il fatto che la stessa qualità del cibo prodotto potrebbe migliorare, perché per produrre cibo a sufficienza per tutti basterebbe una superficie coltivata sensibilmente inferiore, e quindi ci si potrebbe permettere rese per ettaro minori, aumentando la quota del biologico