Home / Etichette & Prodotti / Burger King lancia l’Impossible Whopper, il primo hamburger vegetariano della catena. Sperimentazione in 59 ristoranti americani

Burger King lancia l’Impossible Whopper, il primo hamburger vegetariano della catena. Sperimentazione in 59 ristoranti americani

impossible whopper burger king pubblicitaNon solo McVegan e nuggets vegetariani, anche Burger King si lancia nel mondo dei panini vegetariani. La catena ha infatti annunciato la sperimentazione, in 59 ristoranti di St Louis e delle zone limitrofe, dell’Impossible Whopper, la versione veg del celebre Whopper realizzata con l’hamburger vegetale prodotto da Impossible Foods.

L’Impossible Whopper, a detta da chi l’ha già assaggiato, è praticamente indistinguibile dalla versione classica a base di carne bovina. L’Impossible Burger, infatti, è un prodotto realizzato a partire da materia prima di origine vegetale, ma ha il gusto e “sanguina” come la carne. Il sapore è ottenuto grazie alla presenza di leghemoglobina di soia, una molecola contenente un gruppo eme come l’emoglobina del sangue e la mioglobina dei muscoli.

Prima di lanciare l’Impossible Whopper, la catena ha cercato per un anno la soluzione giusta per il suo primo hamburger senza carne. È chiaro che il target di Burger King non sono solo i consumatori vegetariani e vegani, che finalmente trovano qualcosa di adatto alle proprie esigenze alimentari, ma soprattutto chi vuole ridurre il proprio impatto ambientale consumando meno carne rossa, ma senza rinunciare al gusto.

Burger King ha dichiarato che, se la sperimentazione sarà un successo, l’hamburger “impossibile” sarà aggiunto ai menu di tutti i ristoranti della catena negli Stati Uniti. Chissà se in futuro arriverà anche nel vecchio continente, dove le uniche opzioni alternative alla carne per i vegetariani sono insalata e patatine…

Fonte Immagini: Burger King, CNBC

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

SENZA GLUTINE CELIACHIA

“Senza glutine” la scritta che si trova sui prodotti più impensabili. Un lettore chiede se è lecito

Perché alcuni prodotti naturalmente privi di glutine presentano il claim “senza glutine”? Se lo chiede …

3 Commenti

  1. Avatar

    Tanto chi è vegetariano o vegano convinto non metterà mai piede in quei posti….

  2. Avatar

    Vecchia Europa sempre 10 passi indietro