Home / Valentina Murelli (pagina 5)

Valentina Murelli

Valentina Murelli
giornalista scientifica

Il 15% della carne bovina italiana è trattato con ormoni e sostanze vietate. Il dato emerge dalle analisi istologiche del Centro di referenza nazionale sugli anabolizzanti

mucche

Negli allevamenti italiani ed europei gli ormoni anabolizzanti per “gonfiare” i bovini da carne e rendere la carne più tenera sono vietati, ma diversi allevatori  non rispettano il divieto. Anche i controlli esistono (ogni Paese della Comunità europea attua un Piano nazionale dedicato alla sorveglianza e al monitoraggio di eventuali residui di sostanze chimiche illecite negli alimenti di origine animale) ma …

Continua »

Microbi in cucina: si nascondono nel frigorifero, nei coltelli e negli utensili. Come evitare le possibili contaminazioni

donna frigo cibo

Cassetto per le verdure e scomparto della carne in frigorifero, frullatore, apriscatole, spatole di gomma e contenitori per alimenti con il coperchio in plastica: sono gli oggetti della cucina  considerati maggiormente contaminati da batteri, lieviti e muffe. La tesi è portata avanti  da uno studio condotto dai microbiologi di NSF International, organizzazione no-profit americana che si occupa di sicurezza alimentare, …

Continua »

Microbi in cucina – Galleria fotografica

[wzslider height=”400″ info=”true”] Batteri, lieviti e muffe si nascondono nel frigorifero e in alcuni utensili molto comuni. Ecco i consigli dei microbiologi di NSF International, organizzazione no-profit americana che si occupa di sicurezza alimentare, su come eliminarli ed evitare potenziali intossicazioni alimentari.   a cura di Valentina Murelli © Riproduzione riservata Foto: Photos.com

Continua »

Obesità, sovrappeso e mense scolastiche: un rapporto USA dice che serve più frutta e verdura. E in Italia? Ne abbiamo parlato con Andrea Ghiselli

bambini mangiare

Più sano ed equilibrato è il cibo servito nelle mense scolastiche americane, minore è la prevalenza dell’obesità tra gli studenti che le frequentano. A indicare questa associazione è una complessa indagine sulla ristorazione scolastica negli Stati Uniti condotta da un gruppo di economisti ed epidemiologi dell’Università dell’Illinois a Chicago. Un’indagine che, sostiene la nutrizionista Marion Nestle in un editoriale di …

Continua »

Acidi grassi trans: come ridurre il contenuto nei cibi industriali. Le strategie messe a punto in alcuni Paesi

hot dog fast food donna grasso

Che siano nazionali, locali o volontarie, poco importa: le politiche messe in atto per ridurre gli acidi grassi trans nei prodotti alimentari funzionano e sembrano avere un effetto reale sulla salute dei consumatori. Lo dimostra uno studio australiano recentemente pubblicato sul Bulletin of the World Health Organization, il bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: tre ricercatori dell’Università di Sidney mostrano l’efficacia …

Continua »

Quando l’etichetta è verde, lo snack sembra più sano. Lo dimostra uno studio americano della Cornell University di New York

etichetta alimenti

Verde, rossa o bianca? Non è un problema di bandiera, ma di etichetta. Parliamo in particolare del colore scelto per la confezione di uno snack dolce. Non si tratta di una questione irrilevante, né puramente estetica: la scelta cromatica, cioé il fatto che il produttore propenda per un colore piuttosto che per un altro, influisce sulla percezione che i consumatori …

Continua »

L’arsenico nel riso c’è, ma il consumatore non corre rischi. La ricerca propone nuove strategie per ridurre le quantità

riso

Leggero e facilmente digeribile il riso è un alimento d’elezione nella dieta degli italiani, tanto che anche la rivista Altroconsumo propone sul numero di febbraio un test  comparativo, rassicurando i lettori sulle inevitabili  contaminazioni dovute a cadmio e arsenico.   Nel caso del cadmio, le analisi condotte mostrano che la grande maggioranza dei risi esaminati contiene tracce trascurabili del metallo: …

Continua »

Formaggio e prosciutto c’è rischio ocratossina A? No dicono gli esperti, ma è meglio non conservarli troppo a lungo

formaggi

L’ocratossina A (Ota) è una micotossina potenzialmente pericolosa per la salute umana, prodotta da alcuni funghi appartenenti ai generi Aspergillus e Penicillium. L’esposizione prolungata a Ota può avere effetti negativi su fegato e reni; inoltre, a giudizio dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, si tratta di un possibile cancerogeno.   Per questo motivo,  in Europa esistono dei limiti di …

Continua »

Un ipermercato dà ogni giorno 200 kg di prodotti alimentari alle onlus, nessuno però rivela l’ammontare dei rifiuti che finiscono nel cassonetto

carrello

Carne, pasta fresca e latticini troppo vicini alla data di scadenza oppure confezioni di riso, biscotti e conserve con qualche imperfezione vengono ritirati ogni giorno dagli scaffali dei supermercati. Che fine fanno? Tre le soluzioni possibili: vendite promozionali, donazioni nell’ambito di progetti di solidarietà o eliminazione nei rifiuti. Può sembrare davvero brutto che del cibo ancora buono finisca in pattumiera, …

Continua »

Baby kiwi senza buccia, albicocche viola e nuovi cavoletti sono le novità presentate al Fruit Logistic di Berlino

Sarà annunciato l’ 8 febbraio a Berlino nell’ambito di Fruit Logistica, fiera internazionale del commercio di frutta, verdura, erbe e fiori freschi, il premio speciale per l’innovazione dedicato a un prodotto o servizio all’avanguardia nel settore. Dieci i concorrenti in gara, nominati da una giuria di esperti di produzione, management, packaging e vendite e giudicati dai partecipanti alla fiera nella …

Continua »

SMS per gli adolescenti sulle abitudini alimentari: uno studio americano suggerisce come scriverli

giovani cellulare sms

Semplici, diretti, mai autoritari e un po’ sfiziosi: dovrebbero presentarsi così gli SMS pensati per veicolare agli adolescenti informazioni su sane abitudini alimentari, almeno secondo quanto emerge da un’indagine condotta negli Stati Uniti, in cui sono stati ampiamente coinvolti proprio i diretti interessati.   L’idea è venuta a un gruppo di antropologi e nutrizionisti dell’Università di Tucson, in Arizona, partendo …

Continua »

Buoni, denaro o cibo: qual è il programma di assistenza alimentare migliore?

pacco alimenti aiuto

Cosa funziona meglio nei programmi di assistenza alimentare? I pacchi di cibo, i soldi oppure i buoni per l’acquisto di prodotti? Se lo è chiesto un gruppo di ricercatori dell’IFPRI, Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari, che ha condotto un vero e proprio esperimento in alcune comunità di rifugiati colombiani in Ecuador. Arrivando alla conclusione che, se si considera …

Continua »

Moria delle api: stop agli insetticidi neonicotenoidi lo chiede l’Efsa

L’impiego di insetticidi neonicotinoidi costituisce un rischio per le api e, di conseguenza, per i sistemi agricoli e gli ecosistemi naturali. È questa la conclusione cui sono giunti gli esperti dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa), dopo aver condotto su incarico della Commissione europea un’accurata revisione dei dati disponibili. La conclusione è riportata in tre diversi report scientifici pubblicati …

Continua »

Il cibo geneticamente modificato: un’indagine su 1.500 persone rivela che cosa ne pensano i consumatori inglesi

manipolazioni genetiche sui cibi

Che cosa pensano i consumatori inglesi  dell’etichettatura dei cibi geneticamente modificati (GM)? Quanto è importante capire dall’etichetta se un cibo è biologico o no? E come dovrebbero essere realizzate le  diciture? Sono queste le domande a cui ha cercato di rispondere un’indagine statistica su circa 1.500 persone, condotta per conto della Food Standards Agency, l’agenzia governativa britannica che si occupa …

Continua »

La lotta contro l’obesità comincia in classe. I positivi risultati del progetto EAT e del programma Scuola e cibo del Miur

scuola bambini

Ragazzi più attivi, più attenti a quello che mangiano e un po’ più magri. Ecco, in sintesi, i primi risultati di EAT, il progetto di educazione alimentare per teenagers promosso dall’Irccs Policlinico San Donato in provincia di Milano. «Si tratta di un vero e proprio studio scientifico – spiega Lelio Morricone, primario di diabetologia e malattie metaboliche del Policlinico e …

Continua »