Home / Prezzi / Buoni, denaro o cibo: qual è il programma di assistenza alimentare migliore?

Buoni, denaro o cibo: qual è il programma di assistenza alimentare migliore?

soldi carrelloCosa funziona meglio nei programmi di assistenza alimentare? I pacchi di cibo, i soldi oppure i buoni per l’acquisto di prodotti? Se lo è chiesto un gruppo di ricercatori dell’IFPRI, Istituto internazionale di ricerca sulle politiche alimentari, che ha condotto un vero e proprio esperimento in alcune comunità di rifugiati colombiani in Ecuador. Arrivando alla conclusione che, se si considera il rapporto costo-efficacia, i buoni sembrano la soluzione per migliore. Anche se molto dipende dalla condizioni in cui il programma di aiuti è attuato e dagli obiettivi che si intende raggiungere.

 

I partecipanti allo studio, distribuiti in alcuni centri urbani nella regione settentrionale dell’Ecuador, sono stati suddivisi in quattro gruppi: una volta al mese, per sei mesi, alcuni hanno ricevuto un cestino di cibo (riso, lenticchie, olio e sardine in scatola), altri del denaro, altri ancora buoni per l’acquisto di particolari alimenti in supermercati convenzionati (cerali, frutta, verdure, patate, legumi, carne, pesce, latticini e uova). Il denaro, come il valore dei buoni e dei cestini, era pari a 40 dollari al mese. Un ultimo gruppo, infine, non ha ricevuto nulla, funzionando come controllo. Il programma, inoltre, prevedeva la partecipazione a una serie di incontri mensili di sensibilizzazione sui temi della nutrizione e la distribuzione di materiale informativo ai singoli partecipanti e nei punti vendita.

 

bambini carrello spesaIn generale tutti gli approcci hanno funzionato, portando a un aumento della qualità e della quantità di cibo consumata. Guardando nel dettaglio i risultati, però, sono emerse alcune differenze significative. Nel caso del trasferimento diretto di cibo, per esempio, sono aumentate soprattutto le calorie introdotte (provenienti in particolare dai cereali), mentre con i buoni è migliorata molto la varietà della dieta, con consumo regolare di verdura, uova, carne e latticini. Un effetto forse dovuto ai limiti imposti dai voucher stessi. Anche il gradimento dei partecipanti è stato differente: la soluzione cash è risultata la preferita. Del resto, è quella che dà maggiore autonomia ed è anche meno visibile all’esterno: i beneficiari non sono riconosciuti come i partecipanti di un programma di assistenza alimentare. La soluzione con buoni, invece, è stata la meno gradita.

 

pacco alimenti aiutoVa detto che anche i costi per implementare il programma di aiuti variano a seconda della strategia: la distribuzione diretta di cibo, per esempio, costa circa 11 dollari per unità, contro i 3 dollari della distribuzione di denaro o i 3,30 dollari della distribuzione di buoni spesa. «Combinando tutti questi fattori, emerge chiaramente che i voucher sono in generale la soluzione più efficiente e la distribuzione di cibo quella meno efficiente» scrivono gli autori. Attenzione, però: questo non significa che i buoni siano sempre la soluzione migliore. In situazioni di estrema povertà e disagio, per esempio, la donazione diretta di prodotti alimentari è probabilmente più adatta, perché è quella che ha l’impatto più immediato e importante sulla quantità di cibo consumata. Se invece l’obiettivo del programma è migliorare nel complesso la qualità della vita, potrebbe essere meglio la donazione di denaro.

 

I ricercatori dell’IFPRI, comunque, tengono a precisare che il loro studio ha riguardato condizioni di vita urbane: in ambiente rurale i risultati ottenuti potrebbero non essere più validi.

 

Valentina Murelli

Foto: Photos.com

  Valentina Murelli

Valentina Murelli
giornalista scientifica

Guarda qui

caffe

Paghereste 75 dollari per una tazzina di caffè? La bevanda più cara del mondo si sorseggia solo in California

Paghereste 75 dollari per un caffè? È la cifra che sborsano i clienti di alcune …