;
Home / Roberto La Pira (pagina 20)

Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Preservativi: Durex ritira lotti difettosi. La notizia rilanciata nelle pagine dei supermercati finora riservate ai richiami alimentari

preservativi

Coop all’inizio di agosto, sulla pagina che ospita l’elenco  degli alimenti ritirati dagli scaffali, ha inserito il richiamo di due lotti di preservativi Durex difettosi per cui potrebbe verificarsi un aumento nel numero di casi di rottura durante l’applicazione o l’uso.  La novità è rilevante perché finora Ikea era l’unica catena che, a fianco della lista degli alimenti ritirati dal …

Continua »

Zucchero: Linee guida italiane contro l’Oms e la sugar tax. Ombre sul conflitto di interessi del Crea con aziende del settore

zucchero

Da tre anni il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (Crea) annuncia come imminente l’uscita delle nuove Linee guida per una sana alimentazione degli italiani, salvo poi rimandare la pubblicazione. Nel mese di aprile 2016 il presidente Salvatore Parlato in un’intervista a Il Fatto Alimentare  prendeva “l’impegno a nome dei miei ricercatori di completare i lavori entro …

Continua »

Aia: i conigli crescono in gabbie sopraelevate, ma l’etichetta dice “allevati a terra”. Il Ministero è d’accordo ma i consumatori sono ingannati

Conigli allevati a terra

Se la lingua italiana non ha cambiato significato, la dicitura “allevato a terra” sull’etichetta di una confezione di carne di coniglio, dovrebbe indicare animali allevati al coperto con la possibilità di correre, saltare e muoversi su un terreno annesso. Una struttura di questo tipo si trova in Toscana nell’agriturismo Badiola  dove piccoli gruppi di animali sono alloggiati in capanni con …

Continua »

Sacchetti ortofrutta: le etichette del prezzo non sono compostabili. Ma qualcosa sta cambiando…anche per i bollini della frutta

C’è chi dà la colpa al legislatore distratto e chi alle catene di supermercati, ma una cosa è certa, quando il 1° gennaio 2018 è iniziata la vendita di sacchetti monouso compostabili per la frutta e la verdura, qualcuno si è dimenticato dell’etichetta. La norma non prevedeva nessun obbligo per l’etichetta adesiva che riporta il prezzo da pagare e che …

Continua »

4 minestroni Findus: richiamati dai supermercati di tutta Italia, per possibile contaminazione da Listeria. Ritiro legato al focolaio diffuso in 5 Paesi europei

Findus minestrone 3

Findus ha avviato una campagna di richiamo in tutta Italia, per ritirare dagli scaffali dei supermercati e dei punti vendita 4 tipologie di minestrone surgelato per il sospetto che possano contenere verdure contaminate da Listeria monocytogenes. Si tratta di cinque  lotti del Minestrone Tradizione nella confezione da 1 kg, poi ci sono quattro lotti del Minestrone Tradizione nella confezione da 400gr, …

Continua »

La proposta di Federolio e Coldiretti di chiamare “Italico” l’extravergine con il 50% di olio straniero scatena i produttori. Ma arriva una retromarcia

Ancora una volta Coldiretti prova a prendere in giro i consumatori proponendo una nuova etichetta per l’olio extravergine giudicata “ingannevole” dai produttori. Si tratta della scritta “Italico” da riportare in evidenza sulle bottiglie di olio che contengono solo il 50% di extravergine italiano, e il 50% di materia prima importata da Spagna, Grecia, Tunisia… Per questa avventura Coldiretti ha scelto …

Continua »

Zucchero: troppe bugie in un articolo di Agostino Macrì sulla rivista Alimenta, che dimentica l’Oms, la carie e l’obesità

zucchero dolce obesita dieta sovrappeso

Alimenta, rivista edita da Edizioni scienza e diritto di Antonio Neri pubblica nel mese di maggio un articolo farneticante sullo zucchero, di Agostino Macrì (professore di Ispezione degli alimenti e analisi dei rischi Università Campus biomedico Roma, più noto come veterinario e biologo dell’Istituto superiore di sanità e collaboratore nell’ambito alimentare dell’Unione nazionale consumatori). L’articolo (clicca qui per leggerlo) riporta …

Continua »

Benessere animale: per i conigli è il momento dei recinti, perché non possono essere allevati a terra come sostiene qualcuno

ALLEVAMENTO CONIGLI MODELLO PARK O RECINTO

Dopo il pollo allevato all’aperto e le uova di galline che razzolano libere all’interno di capannoni o sui prati, adesso nei supermercati si trova il coniglio “allevato a terra”. La vaschetta con la scritta “Più Libero”, affiancata dalla frase sulla modalità di allevamento, è firmata dall’azienda leader di mercato Aia. La novità è stata accolta con soddisfazione dagli animalisti e da molti …

Continua »

Il segreto degli spaghetti made in Italy? La presenza del 30/40% di grano duro importato

Pasta spaghetti

Quando si parla di spaghetti e di pasta l’Italia è il Paese dei record: è la nazione che produce più grano duro nell’UE, è il primo produttore mondiale (1 piatto su 4 in Europa è made in Italy), è in cima alla classifica dell’export (con 1,9 milioni di tonnellate), è la nazione che propone la qualità migliore in assoluto. La …

Continua »

Panzironi denunciato alla procura dall’Ordine dei medici di Roma, sotto accusa la dieta per “Vivere 120 anni”

panzironi

Aggiornamento del 2 ottobre 2018 Per Adriano Panzironi e le sue società multa di 476 mila euro dall’Antitrust per pubblicità occulta. Condannate anche 24 tv  leggi l’articolo clicca qui.   L’Ordine dei medici di Roma ha denunciato alla procura della Repubblica il giornalista Adriano Panzironi per abuso della professione medica. Lo ha annunciato il presidente Antonio Magi intervenuto alla trasmissione …

Continua »

Mulino Bianco: nella nuova casa non c’è più Banderas e anche il mulino a olio è scomparso, come pure l’olio di palma. Tutto come avevamo suggerito a Barilla

mulino bianco casa del mulino

Ricordate Antonio Banderas nella pubblicità del Mulino Bianco? Lo spot mostrava un mugnaio che macina grano in un mulino per olive, ricavando farina per biscotti preparati con l’olio di palma. Dopo avere narrato per anni il miracolo del mulino con grandi macine di pietra adatte a schiacciare olive che invece macinano grano, Barilla ha abbandonato le favole. Nella nuova casa Mulino …

Continua »

Chi decide la dieta degli italiani? Un Paese allo sbando, senza rotta, senza linee guida e senza interlocutori

Nel Paese della dieta mediterranea, che secondo molti nutrizionisti è ormai un ricordo del passato, chi decide quali sono le linee guida per una sana alimentazione? Chi indica le strategie alimentari? Chi conosce cosa arriva effettivamente sulla tavola degli italiani? A chi si possono rivolgere i cittadini per avere risposte precise su cibi, diete, carenze nutrizionali e sicurezza alimentare? Si tratta …

Continua »

Pasta Barilla e biscotti Mulino Bianco: il 60% degli ingredienti è importato dall’estero

Mulino Bianco

Barilla, il marchio di pasta italiana più famoso nel mondo, da sempre importa il 30-40% di grano duro per preparare spaghetti, linguine e penne. La cosa è rimasta un segreto per decenni. La rivelazione ufficiale viene annunciata nel Rapporto di sostenibilità del 2011, poi diventa uno spot nel 2017 e una pagina web nel 2018, in cui si elencano persino …

Continua »

Truffa del prosciutto San Daniele, tutta la filiera sembra coinvolta. 30 mila pezzi sequestrati. Il consorzio non poteva non sapere di Prosciuttopoli

prosciutto di parma stagionatura foto consorzio

Le indagini sulla vicenda “Prosciuttopoli” portate avanti dalla procura di Torino, hanno coinvolto il prosciutto di Parma, mentre quelle della procura di Pordenone hanno focalizzato l’attenzione sul prosciutto di San Daniele. Quest’ultima Dop è stata solo sfiorata dalla nostra inchiesta perché il consorzio ha sempre rifiutato di rispondere alle nostre domande, salvo poi diffondere, l’11 maggio, un comunicato in cui …

Continua »

100 euro l’anno per bere acqua minerale. Il costo può dimezzare al discount o azzerarsi con il rubinetto

acqua minerale bottiglia idratazione

La maggioranza degli italiani considera l’acqua minerale il naturale sostituto dell’acqua di rubinetto. La scelta non è dettata da motivazioni nutrizionali, ma è frutto di un’endemica sfiducia dei cittadini verso la qualità dell’acqua di rete ritenuta non idonea. Per questo la marca della bottiglia da portare a tavola non è collegata a motivazioni salutistiche, ma a fattori più banali come …

Continua »