Cartellino del prezzo di spinaci cotti di un supermercato Esselunga

Pochi giorni fa Il Post ha scritto che nelle Filippine il governo ha deciso di importare 22mila tonnellate di cipolle per abbassare il prezzo, che ormai aveva superato quello della carne. Negli stessi giorni nel supermercato Esselunga di via Rubattino a Milano si trovano spinaci, cime di rapa e altre verdure cotte che costano più della carne, proprio come avviene per le cipolle nelle Filippine. Nel banco frigorifero del punto vendita sono esposti piccoli contenitori di plastica da 300-350 g con all’interno  spinaci e cime di rapa cotte, confezionati in atmosfera protettiva. L’idea di comprare una porzione da portare a casa e condire con olio e aceto è allettante, ma il prezzo frenare gli entusiasmi. Il cartellino indica rispettivamente 9,12 e 10,64 €/kg, ovvero più di 3 euro a porzione.

L’aspetto disamante è che a due metri di distanza dalla postazione delle verdure cotte si trova il chiosco del pollo arrosto. Osservando il cartellino si scopre che il pollo Naturama (quello della linea Esselunga) nella varante con o senza patate costa 8,49 €/kg. Considerando che in un pranzo su mangia mezzo pollo (400 g circa) il prezzo finale equivale a quello delle cime di rapa cotte. Decodificare la logica dei cartellini è complicato anche per gli addetti ai lavori ma, senza addentrarsi in analisi articolate, una cosa è certa: le verdure cotte costano dal 10 al 20% in più del pollo allo spiedo.

Pollo allo spiedo Naturama Esselunga
Il pollo allo spiedo Naturava di Esselunga costa il 10-15% in meno degli spinaci e delle cime di rapa cotte

L’insalata pronta e la verdura cotta vendute a un prezzo simile o superiore a quello della carne non è un fatto isolato del supermercato. Da McDonald’s una porzione di insalata mista costa circa 5 euro e un Big Mac che ha ben due di hamburger di manzo si può comprare spendendo qualche qualche centesimo in più.

A questo punto consumare ogni giorno le cinque porzioni di frutta o verdura consigliate dalla Linee guida per una sana alimentazione degli italiani diventa oneroso. È vero che nei supermercati ci sono verdure che costano meno e le preferenze possono andare su prodotti non pronti da cuocere o cotti, ma la sensazione è che i listini siano schizzati per tutte le categorie di verdura e di frutta.

© Riproduzione riservata Foto: Il Fatto Alimentare

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Questo è possibile grazie anche ai lettori che ogni giorno ci seguono e supportano. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

Roberto La Pira - 24 Gennaio 2023
0 0 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

1 Commento
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
federico
federico
25 Gennaio 2023 18:16

No il problema è il prezzo del pollo non delle verdure.
Il prezzo delle verdure è corretto ed è giusto che sia quello. Il pollo dovrebbe costare almeno 20 al kg…

1
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x