Home / Etichette & Prodotti (pagina 80)

Etichette & Prodotti

categoria etichette e prodotti

parlamento europeo

Approvato il nuovo regolamento UE sulle etichette alimentari e sulla pubblicità degli alimenti. I commenti di De Castro e Sommer

Dopo tre anni e mezzo di dolorosi travagli, il 6 luglio è finalmente venuto alla luce il nuovo regolamento UE sulle etichette dei prodotti alimentari. L’Assemblea plenaria ha ratificato l’accordo – realizzato il 22 giugno tra i suoi rappresentanti e quelli di Consiglio e Commissione – con 605 voti a favore, 45 contrari e 26 astensioni. Soddisfazione generale, con un …

Continua »

Latte arricchito con calcio, prebiotici e omega 3. Ma vale davvero la pena di spendere di più per berlo?

Si fa presto a dire latte, meno a sceglierlo perché  sempre più spesso le aziende propongono una versione «funzionale» che dovrebbe potenziare le qualità di questo alimento arricchendolo di elementi nutritivi. La nostra rassegna comincia con  “Il Latte del Benessere Parmalat” una linea che comprende tre tipologie di latte parzialmente scremato a lunga conservazione – Fibresse arricchito con fibre, Calcium …

Continua »

Etichette nutrizionali: negli Stati Uniti fa discutere il progetto ?Nutrition Keys?. Simboli complicati e poca trasparenza delle aziende promotrici

Etichette nutrizionali sotto accusa negli Stati Uniti. Certo, l’indicazione sulle confezioni delle percentuali dei nutrienti presenti, anche in relazione alla dose giornaliera quotidiana consigliata (RDA), può aiutare a fare acquisti più consapevoli. Ma progetti di questo tipo si prestano anche a furbizie e strumentalizzazioni. Ecco i fatti. Alla fine dello scorso gennaio, due delle principali associazioni di aziende che commercializzano …

Continua »
supermercato etichetta Francia indicazione di origine

Novità per le etichette alimentari: tabella nutrizionale, origine, scadenza, acidi trans, oli, grassi… Ecco l’accordo tra Parlamento Europeo, Consiglio e Commissione

  Il 6 luglio verrà votato dall’Assemblea di Strasburgo il nuovo regolamento europeo sulle etichette dei prodotti alimentari, frutto  dell’accordo tra Parlamento europeo, Consiglio degli Stati membri e Commissione. La proposta  di regolamento conosciuta anche con il termine inglese “food information to consumer” è stata decisa il 22 giugno, in occasione del quarto incontro tra i rappresentanti del Parlamento europeo …

Continua »

Kellogg`s: Listeria in cracker e biscotti prodotti in Georgia. La Fda ordina la pulizia dell`impianto. E` l`ennesimo "incidente" per la multinazionale dei cereali

Per la seconda volta in poco più di un anno la Food and Drug Administration ha intimato alla multinazionale Kellogg’s di interrompere una linea di produzione e di rivedere tutti i passaggi della filiera industriali, nonché di eseguire una pulizia radicale dell’impianto di Augusta, in Georgia. Il richiamo nasce dalla scoperta di diversi fattori preoccupanti: – la presenza di Listeria, …

Continua »

Fragole maxi assolte: gusto e consistenza buoni anche nelle grandi pezzature

Le fragole enormi, gonfie d’acqua, splendide e perfette, ma con poco sapore sono uno dei simboli dell’agricoltura “industriale”. Ma i consumatori devono cominciare a ricredersi perché le cose stanno già cambiando.Le attuali fragole coltivate nella maggior parte delle aziende agricole (Fragaria x ananassa) sono molto diverse dalle fragoline di bosco (Fragaria Vesca) perchè hanno un corredo genetico assolutamente distinto. Le …

Continua »

Le etichette alimentari devono essere più leggibili: cosa c?è di nuovo nel "decreto Romano"?

Tanto rumore per nulla: potrebbe finire così l’annunciato progetto normativo del ministro Romano sulla leggibilità delle etichette. Il clamore che il decreto sta suscitando era certo prevedibile, ma forse ingiustificato. Perché? Per rispondere basta gettare lo sguardo al passato. Disposizioni di legge sull’argomento esistono dal 1979 (per non parlare di un decreto regio del 1924) e dicono tutte la stessa …

Continua »

Etichetta di origine: in Inghilterra non ci sono misteri, insaccati, cibi pronti, formaggi e latticini indicano sempre la provenienza

Nel Regno Unito la maggior parte dei prodotti a base di carne e latticini forniscono informazioni sulla provenienza degli ingredienti o il luogo di produzione, ma si può migliorare: è il risultato in una nuova indagine riportato dal magazine on line Farmers Guardian. La ricerca, commissionata dal Defra (Department for Environment, Food and Rural Affairs, cioè l’equivalente del nostro ministero …

Continua »

Tonno Mareblu lattina trasparente: l`etichetta dichiara la specie e le zone di pesca. L`impegno dell`azienda per l`ecosostenibilità

Su tutte le lattine Mareblu prodotte dal 1 gennaio 2011 ci sono due nuove importanti informazioni sulla  specie di tonno e sulla zona in cui è stato pescato (forse le campagne di stampo ecologista a favore della sostenibilità della pesca cominciano a dare qualche frutto).   Ilfattoalimentare.it ha seguito con attenzione l’impegno di Greenpeace diretto a una maggiore trasparenza dell’etichetta, …

Continua »

I crackers non salati sono… più salati degli altri. Le differenze, se ci sono, sono minime o fuorvianti secondo quanto dichiarato dalle stesse aziende

Ideati da John Pearson nel 1792 e diffusi dalla Nabisco nel 1801 i crackers in Italia sono stati lanciati dalla Pavesi, come documentano le pubblicità degli anni ’50.     A distanza di più di due secoli i crackers sono venduti in decine di varianti. Capita di imbattersi in confezioni nella versione “Salata” e “Non salata” (in superficie) magari della …

Continua »

Succo di arancia: l`UE propone etichette più chiare per evitare confusione con nettari e altre bevande alla frutta

L’80% del succo d’arancia bevuto in Europa viene importato da Brasile e dagli Stati Uniti e a livello mondiale l’Europa assorbe 2/3 circa delle esportazioni. C’è di più, negli ultimi due anni il consumo di succo è quasi raddoppiato perché i consumatori attribuiscono alla bevanda caratteristiche salutistiche. Il motivo di queste massicce importazioni è collegato alle specie di arance coltivate …

Continua »

Santal: troppe arance nell`etichetta e poco succo nella confezione

   Santal mi ha illuso di nuovo. Ieri al supermercato Coop  di via Palmanova ho visto sugli scaffali una promozione di succhi di frutta. Sul primo scaffale era esposta una fila di succhi “100% Mela”, sul secondo una fila di succhi “100% Ananas” e sul terzo  erano  allineati i succhi  “Arance Rosse” che hanno attirato subito la mia attenzione per …

Continua »
pane farina integrale semi

Nuovo Pan Bauletto Barilla: vantaggi della fibra e piacere del pane bianco. Ma è davvero così?

Non chiamatelo pan carrè, per piacere. Anche perché ormai ha colonizzato le tavole degli italiani, sostituendosi anche al pane fresco artigianale e non solo nei momenti di emergenza. E poi non ha nulla a che fare con il vecchio pan carrè, quello quadrato e bianchissimo con la crosticina marrone, ma assomiglia sempre più a pane affettato ed è adatto sia …

Continua »

Premio Trophelia vinto da cinque studenti dell`Università di Milano con il dessert Centocinquanta

Centocinquanta è il nome del dessert tricolore composto da strati di frutta e ortaggi che ha vinto il premio Throphelia, sostenuto da Federalimentare nell’ambito  del Progetto European Trophelia service platform for eco-innovation in food. Gli studenti vincitori di questa edizione sono cinque giovani iscritti al corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari dell’Università di Milano, coordinati da  Alessandro …

Continua »
etichette

La falsa etichetta condiziona l’acquisto e il gusto: basta la parola “sano” o “bio” per spendere e mangiare di più

Gli anglosassoni lo chiamano effetto “halo”, cioè effetto aura, e sostengono che tutti ne sono influenzati quando scelgono una merce e, in modo particolare, un alimento. È il condizionamento che deriva dall’etichettatura e dal packaging. Può avere anche effetti negativi, per esempio quando è sfruttato dai produttori di cibo spazzatura per proporre prodotti che danno l’impressione di essere in qualche …

Continua »