Home / Etichette & Prodotti / Quanto devo camminare per smaltirlo? Indicare l’attività fisica sulle etichette è il modo più efficace per far capire quante calorie ha un alimento

Quanto devo camminare per smaltirlo? Indicare l’attività fisica sulle etichette è il modo più efficace per far capire quante calorie ha un alimento

etichette calorie attività fisicaSecondo alcuni studi, le etichette nutrizionali non sono efficaci nell’influenzare i consumatori verso scelte più sane. Le ricerche dicono che i consumatori dedicano mediamente sei secondi alla scelta del prodotto e quindi le informazioni dell’etichetta devono essere di immediata comprensione, altrimenti vengono ignorate, in particolare nelle fasce socio-economiche più basse e tra coloro con minori conoscenze nutrizionali.

Alcuni ricercatori del dipartimento di scienze psicologiche dell’Università di Liverpool hanno deciso di condurre uno studio, pubblicato dalla rivista Appetite, che ha coinvolto 458 adulti, ai quali sono state mostrate le immagini di cinque diversi tipi di alimenti e di cinque bevande. I partecipanti sono stati invitati a indicare quali cibi e bibite avevano la maggior quantità di calorie e quali la minore. Per valutare l’influenza dei vari tipi di etichetta, i partecipanti sono stati suddivisi in quattro gruppi, a cui sono stati fatti scegliere prodotti etichettati in modo diverso: senza etichetta, etichetta con l’indicazione del contenuto di calorie, etichetta con l’indicazione del tempo di camminata necessaria per smaltire le calorie contenute, ma non indicate, etichetta con l’indicazione delle calorie contenute e del tempo di camminata necessaria per smaltirle.

etichette nutrizionali
Le etichette nutrizionali devono essere semplici per far comprendere quante calorie ha un prodotto

I risultati hanno indicato che la scelta dell’alimento e della bevanda meno calorici è significativamente migliore quando l’etichetta indica l’attività fisica necessaria per smaltire le calorie contenute, rispetto a quando l’etichetta indica la loro quantità. Questi risultati sono validi per tutto il gruppo di partecipanti e non sono influenzati da fattori individuali come sesso, età, indice di massa corporea, tipo di dieta abituale e condizione socio-economica. Per questo, secondo gli autori, i risultati dello studio dovrebbero esser tenuti presenti nella discussione delle possibili scelte legislative. La proposta di inserire in etichetta un’indicazione su quanto tempo di attività fisica è necessario per smaltire le calorie presenti nel cibo era già stata avanzata un anno fa dagli esperti britannici della Royal Society for Public Health, sulla base di un’altra ricerca che mostrava come le attuali etichette nutrizionali provochino confusione a causa dell’eccesso di informazioni. Secondo la ricerca, il 63% delle persone sarebbe favorevole a questa nuova indicazione e il 53% cambierebbe i propri comportamenti.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Beniamino Bonardi

Guarda qui

Panino con carne coltivata di pollo

Carne coltivata: arriva il primo via libera della FDA a un prodotto dell’agricoltura cellulare

Con un pronunciamento che probabilmente sarà ricordato, ma che non è ancora il via libera …