Home / Pubblicità & Bufale (pagina 3)

Pubblicità & Bufale

Five sweet kids, friends, sitting in living room, watching TV

Pubblicità di cibo rivolta ai bambini: negli USA la situazione non migliora. È obeso il 17% dei bambini e ragazzi

Negli Stati Uniti è obeso il 17% dei bambini e ragazzi. Eppure, almeno dal 2006, è dimostrato che l’esposizione dei più piccoli alle pubblicità di cibo pieno di sale, di grassi e zuccheri ha una relazione molto stretta con l’andamento del peso. Lo stabiliva, allora, il primo rapporto ufficiale dell’autorevole Institute of Medicine, e lo dimostravano, negli anni seguenti, molti …

Continua »

I surgelati Frosta sono “senza additivi” e “senza segreti”, ma non sono “nuovi”. Il messaggio pubblicitario è ingannevole secondo lo Iap

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha ritenuto ingannevole l’espressione “i nuovi surgelati” utilizzata nella campagna pubblicitaria “La natura ha scelto Frosta” di Frosta Italia Srl  (marchio di origini tedesche presente anche sul territorio italiano). L’annuncio è stato divulgato tramite affissioni (rete stradale, metropolitana e retro bus di Roma) e internet. In uno dei manifesti si vedono due conigli affiancati dalla …

Continua »

Webeers: censurato un post dell’azienda. Secondo lo Iap il messaggio è diseducativo per il pubblico

Il Comitato di controllo dello Iap ha censurato il post dell’azienda WeBeers “Ho letto che bere fa male, ho smesso di leggere”, apparso su Facebook il 19 maggio 2017 perché in contrasto con il Codice di autodisciplina pubblicitaria. La  scritta “Ho letto che bere fa male, ho smesso di leggere” abbinata anche alla possibilità di usufruire di un buono sconto, sembrerebbe …

Continua »

Censurati gli spot di SanThé Sant’Anna. Secondo lo Iap potrebbero creare agli occhi dei bambini una rappresentazione stereotipata dei generi

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto lo spot di SanThé Sant’Anna diffuso sulle reti Rai nel maggio 2017, manifestamente contrario al Codice di autodisciplina. Secondo il Comitato i messaggi della campagna promossa per promuove il thè in bicchiere ai gusti di limone e pesca propongono un messaggio  stereotipato con una discriminazione di genere. La pubblicità articolata …

Continua »
pesce Mediterraneo

I falsi miti che girano in rete su qualità, freschezza e preparazione del pesce, spiegati da Valentina Tepedino direttrice di Eurofishmarket

Quando si parla di pesce fresco è normale imbattersi in mezze verità ormai diventati luoghi comuni come: l’Anisakis, la sindrome sgombroide, il mercurio nei pesci di grossa taglia, la colorazione artificiale del tonno o lo sbiancamento dei calamari. Abbiamo chiesto a Valentina Tepedino veterinaria direttrice di Eurofishmarket quali sono i falsi miti più diffusi sui social e in rete. 1. ll sushi più buono è quello …

Continua »

Food blogger e pubblicità: un viaggio tra blog e siti di ricette per scoprire dove si nascondono i contenuti sponsorizzati

Nel mese di marzo, la Federal trade commission (Ftc) americana ha ammonito ufficialmente  45 persone, tra celebrità e influencer, per la pubblicazione sui propri profili Instagram (il famoso social di condivisione immagini), di foto che li ritraggono con prodotti di marca senza specificare quando si tratta di pubblicità. Per lo stesso motivo l’Unione nazionale consumatori ha segnalato all’Antitrust il comportamento ambiguo …

Continua »

Food blogger e siti di cucina: troppi casi di pubblicità mascherata, marchette e publiredazionali. Pochi rispettano le regole

Negli ultimi anni l’investimento pubblicitario si è progressivamente spostato dalla carta stampata e dalle tv su internet. Stiamo parlando di cifre consistenti visto che secondo l’Istituto di autodisciplina pubblicitaria complessivamente l’online advertising è lievitato dal 3% nel 2007 al 26,6% del 2015. La crescita ha coinvolto in misura rilevante anche il settore alimentare. Il fenomeno ha interessato moltissimo le pagine …

Continua »

Bressanini: “l’olio di palma è un’isteria collettiva”. Il noto blogger ignora le evidenze scientifiche e scivola sull’olio

Nell’elenco delle bufale e dei falsi miti alimentari che girano in rete Dario Bressanini, in un’intervista su Vanity Fair, cita l’olio di palma. Secondo il noto divulgatore scientifico, accreditato come ricercatore presso il dipartimento di Scienze chimiche e ambientali dell’Università dell’Insubria, “L’isteria collettiva sul tema è infondata: non è diverso dagli altri grassi saturi. La coltivazione delle palme da olio …

Continua »

Censurate le pubblicità di due integratori per il controllo del colesterolo. Secondo lo Iap i messaggi sono ingannevoli

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubbliciataria (Iap) ha giudicato ingannevole il messaggio “Colesterolo ALTO? Combattilo con: Colesterol Act Plus”, oggetto dell’Ingiunzione 26/17 e apparso su Famiglia Cristiana il 12 marzo 2017. La dicitura contestata compare in alto nella headline della pubblicità. Non manca, come nella maggior parte degli slogan di integratori di questo tipo, la simbologia che rimanda …

Continua »
bere acqua bicchiere vetro salute

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sanziona Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato l’azienda Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta. Attraverso il proprio sito internet http://www.acquaefarma.it la ditta commercializza apparecchiature per il trattamento dell’acqua enfatizzando in maniera scorretta, secondo il Garante, i benefici sulla salute. L’autorità ha iniziato le  indagini dopo la segnalazione di un concorrente fatta lo scorso 4 ottobre che evidenziava …

Continua »

Bufale in rete: il video sullo zucchero di canna colorato racconta una storia non vera

Da qualche giorno è diventato virale su social e siti internet un video (vedi sotto) dai toni abbastanza allarmistici su una presunta “truffa dello zucchero grezzo di canna”. Dopo avere ricevuto numerose segnalazioni in redazione e percepito la preoccupazione di alcuni lettori, abbiamo deciso di chiarire l’argomento. Nel video, a parte una breve introduzione con informazioni imprecise e non documentate …

Continua »

“Bioimis” promette un programma di dimagrimento rapido e definitivo, ma il messaggio è ingannevole

Il Presidente del Comitato di Controllo dello IAP ha ritenuto ingannevole la pubblicità apparsa su Starbene di novembre 2016 relativa al programma alimentare “Bioimis”. La dicitura “Non contare le calorie, conta i kg che perdi. Dimagrisci in modo sano con il programma alimentare Bioimis”, risulterebbe manifestamente contraria al Codice di Autodisciplina. Il messaggio è volto a promuovere un piano alimentare …

Continua »

“Le noci per la ricerca” dell’azienda Life per Fondazione Umberto Veronesi: censurato il messaggio ingannevole

Il messaggio pubblicitario “Lo sai che una porzione di noci contribuisce a ridurre il rischio di tumori?” promosso da LIFE (azienda specializzata nella distribuzione di frutta secca) e dalla Fondazione Umberto Veronesi è ingannevole. La decisione è stata presa dal Giurì dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria e la pubblicità in questione è apparsa sulla rivista Starbene n.51 del mese di dicembre 2016, …

Continua »

Nutrizionisti, giornalisti e alcol. L’articolo de il Giornale.it dal titolo “Curarsi con vino e birra” è l’ultimo esempio di mistificazione della realtà

La lunga storia della pubblicità del vino e della birra, mascherata da informazione medico scientifica, si è arricchita di un nuovo articolo: “Quando l’alcol fa bene alla salute. Come curarsi con birra e vino” pubblicato su il Giornale.it (vedi immagine sotto). La leggenda del vino o della birra “che fanno bene alla salute”, se bevuti in modiche quantità, ha avuto …

Continua »

Usa, il produttore dell’energy drink 5-hour Energy condannato a pagare 4,3 milioni di dollari per pubblicità ingannevole

Una Corte dello Stato di Washington ha condannato Living Essentials, società produttrice dell’energy drink 5-hour Energy, al pagamento di 4,3 milioni di dollari – 2,2 milioni di penali e 2,1 milioni di spese legali – per pubblicità ingannevole.Secondo i giudici  il produttore ha indotto i consumatori a credere che la bibita sia più energizzante della caffeina e che garantisca prontezza …

Continua »