Home / Pubblicità & Bufale (pagina 5)

Pubblicità & Bufale

Bressanini: “l’olio di palma è un’isteria collettiva”. Il noto blogger ignora le evidenze scientifiche e scivola sull’olio

Nell’elenco delle bufale e dei falsi miti alimentari che girano in rete Dario Bressanini, in un’intervista su Vanity Fair, cita l’olio di palma. Secondo il noto divulgatore scientifico, accreditato come ricercatore presso il dipartimento di Scienze chimiche e ambientali dell’Università dell’Insubria, “L’isteria collettiva sul tema è infondata: non è diverso dagli altri grassi saturi. La coltivazione delle palme da olio …

Continua »

Censurate le pubblicità di due integratori per il controllo del colesterolo. Secondo lo Iap i messaggi sono ingannevoli

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubbliciataria (Iap) ha giudicato ingannevole il messaggio “Colesterolo ALTO? Combattilo con: Colesterol Act Plus”, oggetto dell’Ingiunzione 26/17 e apparso su Famiglia Cristiana il 12 marzo 2017. La dicitura contestata compare in alto nella headline della pubblicità. Non manca, come nella maggior parte degli slogan di integratori di questo tipo, la simbologia che rimanda …

Continua »
bere acqua bicchiere vetro salute

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sanziona Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato l’azienda Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta. Attraverso il proprio sito internet http://www.acquaefarma.it la ditta commercializza apparecchiature per il trattamento dell’acqua enfatizzando in maniera scorretta, secondo il Garante, i benefici sulla salute. L’autorità ha iniziato le  indagini dopo la segnalazione di un concorrente fatta lo scorso 4 ottobre che evidenziava …

Continua »

Bufale in rete: il video sullo zucchero di canna colorato racconta una storia non vera

Da qualche giorno è diventato virale su social e siti internet un video (vedi sotto) dai toni abbastanza allarmistici su una presunta “truffa dello zucchero grezzo di canna”. Dopo avere ricevuto numerose segnalazioni in redazione e percepito la preoccupazione di alcuni lettori, abbiamo deciso di chiarire l’argomento. Nel video, a parte una breve introduzione con informazioni imprecise e non documentate …

Continua »

“Bioimis” promette un programma di dimagrimento rapido e definitivo, ma il messaggio è ingannevole

Il Presidente del Comitato di Controllo dello IAP ha ritenuto ingannevole la pubblicità apparsa su Starbene di novembre 2016 relativa al programma alimentare “Bioimis”. La dicitura “Non contare le calorie, conta i kg che perdi. Dimagrisci in modo sano con il programma alimentare Bioimis”, risulterebbe manifestamente contraria al Codice di Autodisciplina. Il messaggio è volto a promuovere un piano alimentare …

Continua »

“Le noci per la ricerca” dell’azienda Life per Fondazione Umberto Veronesi: censurato il messaggio ingannevole

Il messaggio pubblicitario “Lo sai che una porzione di noci contribuisce a ridurre il rischio di tumori?” promosso da LIFE (azienda specializzata nella distribuzione di frutta secca) e dalla Fondazione Umberto Veronesi è ingannevole. La decisione è stata presa dal Giurì dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria e la pubblicità in questione è apparsa sulla rivista Starbene n.51 del mese di dicembre 2016, …

Continua »

Nutrizionisti, giornalisti e alcol. L’articolo de il Giornale.it dal titolo “Curarsi con vino e birra” è l’ultimo esempio di mistificazione della realtà

La lunga storia della pubblicità del vino e della birra, mascherata da informazione medico scientifica, si è arricchita di un nuovo articolo: “Quando l’alcol fa bene alla salute. Come curarsi con birra e vino” pubblicato su il Giornale.it (vedi immagine sotto). La leggenda del vino o della birra “che fanno bene alla salute”, se bevuti in modiche quantità, ha avuto …

Continua »

Usa, il produttore dell’energy drink 5-hour Energy condannato a pagare 4,3 milioni di dollari per pubblicità ingannevole

Una Corte dello Stato di Washington ha condannato Living Essentials, società produttrice dell’energy drink 5-hour Energy, al pagamento di 4,3 milioni di dollari – 2,2 milioni di penali e 2,1 milioni di spese legali – per pubblicità ingannevole.Secondo i giudici  il produttore ha indotto i consumatori a credere che la bibita sia più energizzante della caffeina e che garantisca prontezza …

Continua »

Valmora: la pubblicità è ingannevole. Non riduce le calorie. Il parere dello Iap

Anche l’acqua Valmora ha veicolato un messaggio pubblicitario ingannevole secondo quando stabilito dal Comitato di controllo  dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria. Nella pagina apparsa sula rivista DiPiù il 12 dicembre 2016 si legge : “La dieta inizia con Valmora. Un bicchiere di acqua minerale Valmora al posto di bevande zuccherate aiuta a ridurre le calorie in eccesso e a controllare l’appetito …

Continua »

Acqua minerale Rocchetta: ennesimo caso di pubblicità ingannevole. Nella settimana della prevenzione urologica veicola il messaggio che l’acqua abbia proprietà terapeutiche

Il 22 novembre scorso il Comitato di controllo dell’ l’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto ingannevole la pagina pubblicitaria dell’acqua minerale Rocchetta pubblicata su Corriere della Sera il 2 ottobre 2016 e anche sul sito aziendale rocchetta.it. Il messaggio era inserito all’interno del mese della prevenzione urologica, quindi di un’iniziativa medica che si prefigge lo scopo di informare ed educare in particolare …

Continua »

Olio extravergine di oliva: dal colore alla frittura, gli esperti assaggiatori dell’Onaoo sfatano miti e false credenze su olive e fritture

Miti e bufale su cibo e alimentazione non risparmiano certo i prodotti italiani d’eccellenza come l’extravergine di oliva. Per questo motivo l’Organizzazione nazionale degli assaggiatori di olio di oliva (Onaoo) ha redatto un elenco delle convinzioni errate che girano in rete sul prezioso condimento vegetale tanto amato dagli italiani. Si comincia con il colore: leggenda vuole che un olio buono …

Continua »
Coca-Cola Christmas Truck Tour

Tempi duri per la Coca-Cola: marketing è pubblicità sotto accusa. Critiche in UK e causa in tribunale negli in USA

Tempi duri per la Coca-Cola, e di gran lavoro per i suoi uffici legali. Se infatti negli Stati Uniti è stata annunciata una causa per pubblicità ingannevole dall’associazione no profit Praxis Project, dall’altra parte dell’oceano, in Gran Bretagna, in questi giorni si è avuta un’indignata levata di scudi contro la campagna natalizia incentrata sul camion nelle città (Coca-Cola Christmas Truck …

Continua »

Pubblicità Coca-Cola: la mamma che serve a pranzo la bibita al suo bambino non è scorretta! Ecco la curiosa tesi del Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria

Un mese fa abbiamo inviato al Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria una richiesta di censura per lo spot della Coca-Cola. Il fimato mostrava una mamma in cucina mentre prepara la pasta al suo bambino e  subito dopo la serve su una tavola apparecchiata dove troneggia una bottiglia di Coca-Cola. Nell’ultima parte dello spot la mamma impugna la bottiglia …

Continua »

Vivident, Happydent, Daygum e Mentos: la pubblicità delle gomme da masticare era ingannevole. Il Tar dichiara legittima la decisione dell’Antitrust del 2013

È legittima la censura dell’Antitrust nei confronti delle pubblicità delle gomme da masticare Vivident, Happydent, Daygum e Mentos. Questo è quanto stabilito dalla sentenza del Tar del Lazio, che ha ribadito come i profili di ingannevolezza sollevati dall’Agcm fossero del tutto in linea con quanto stabilito dalla normativa europea sui claim salutistici e nutrizionali e dall’Efsa. La sentenza arriva più …

Continua »
cibo spazzatura cibo sano

Cibi poco sani? In Olanda spariscono i cartoni animati dalle confezioni. Anche in UK si vieta questo tipo di marketing mirato ai bambini

L’industria alimentare olandese, riunita nella Dutch Food Industry Federation (FNLI), ha deciso di rimuovere volontariamente le immagini dei personaggi dei cartoni animati dalle confezioni di prodotti e bevande ricchi di grassi, sale o zuccheri, rivolti ai bambini. La scelta (si tratta del primo caso in  Europa), è motivata dall’intenzione di contribuire a combattere l’obesità, che, afferma la FNLI, «è un …

Continua »