Home / Archivio dei Tag: impatto ambientale

Archivio dei Tag: impatto ambientale

Progetto Life TTGG: come ridurre l’impatto ambientale della filiera lattiero-casearia

Il compartimento lattiero-caseario europeo rappresenta uno dei principali settori a livello mondiale, sia in termini di importazioni che di esportazioni. Volendo però analizzare l’impatto ambientale della filiera, non va sottovalutato il contributo al surriscaldamento globale dell’intera filiera. Il settore agricolo oggi produce il 10-12% delle emissioni totali a livello mondiale e la quota è destinata ad aumentare. Basti pensare che …

Continua »

Microalghe e omega-3: un’alternativa ad acquacoltura e pesca? Promosse da uno studio tedesco di impatto ambientale

Da alcuni anni in molti paesi, soprattutto in Asia, si coltivano le cosiddette microalghe (che in realtà spesso sono cianobatteri) a scopi alimentari e per produrre farine proteiche da utilizzare nei mangimi per animali. In Occidente, per ora, sono usate perlopiù negli integratori. Ma le loro potenzialità sono molto maggiori, e per questo iniziano a essere condotti studi di impatto …

Continua »

Fave al posto della soia. Dal legume ottenuta una farina proteica versatile e dal ridotto impatto ambientale

Fave su tavolo di legno

Fave al posto della soia. Una possibile soluzione per limitare la domanda planetaria di quest’ultima, evitare di concorrere alla deforestazione in atto in paesi come il Paraguay e il Brasile, limitare la perdita di biodiversità associata all’estensione delle monocolture e ridurre l’impronta causata dal trasporto da grandi distanze della materia prima. Non solo, potrebbe essere anche un modo per evitare …

Continua »

L’impatto ambientale dell’avocado passa anche dai trasporti. L’analisi di La Borsa della Spesa

Half avocado fruit holding by hand, healthy fruit

Tra i cibi che hanno più successo negli ultimi anni, l’avocado è certamente in cima alla lista. Ma il boom di questo frutto tropicale, che si è guadagnato la nomea di superfood, rischia di avere un impatto ambientale importante nelle aree del centro e sud America (ne avevamo già parlato qui). La Borsa della Spesa, la rivista dell’associazione dei consumatori …

Continua »

Troppo elevato l’impatto della carne sul clima: una riduzione è necessaria. L’intervento di Mario Tredici su Georgofili.info

Homemade poster at ecological protest. A close-up shot of a homemade poster, saying less meat less heat, being held above a crowded street of environmental demonstrators.

Si parla spesso della necessità di ridurre il consumo di carne, sia per la nostra salute che, soprattuto, per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e contrastare il cambiamento climatico, a cui il settore zootecnico contribuisce in maniera importante. Di questo parla Mario R. Tredici, professore del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università degli Studi …

Continua »

L’impatto ambientale del pesce: consigli per una spesa ittica più sostenibile, tra filiere corte e specie locali

Raw seafood on a wooden board.

Il Mar Mediterraneo, come tante aree di pesca in tutto il mondo, è sovrasfruttato. Se mangiassimo solamente prodotti ittici catturati nei mari che circondano l’Italia, il pescato di un intero anno ci basterebbe per poco più di tre mesi (ne abbiamo parlato qui). La maggior parte dei pesci, crostacei e molluschi che troviamo sul mercato proviene dall’estero, sia da Paesi UE …

Continua »

Il nuovo sito dell’Efsa sul cibo #EUandMyFood diffonde notizie su sicurezza alimentare, benessere animale e ambiente

“#EUandMyFood”, se preferite “l’UE e il mio cibo”,è il nuovo sito che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha creato con l’intento di informare i consumatori. Tre le sezioni principali: la prima dedicata al cibo, la seconda al benessere (compreso quello degli animali da reddito) e la terza all’ambiente. In ognuna di esse si trovano, in varie lingue (ma …

Continua »

Plastica, il vero impatto dalla produzione allo smaltimento su salute, ambiente e clima. Il rapporto del Ciel

rifiuti plastica oceano inquinamento

La plastica minaccia la nostra salute da prima della sua produzione fino a molto tempo dopo che è stata smaltita: “Ogni fase del ciclo di vita della plastica pone rischi significativi per la salute umana e la maggior parte delle persone in tutto il mondo è esposta alla plastica in più fasi di questo ciclo di vita”. L’inquinamento plastico è una “minaccia …

Continua »

La Danimarca discute un’etichetta sull’impatto climatico degli alimenti. Una nuova sfida

semafori in etichetta

Il governo danese sta progettando un’etichetta che indichi l’impatto climatico dei prodotti alimentari, in collaborazione con le industrie del settore. I prodotti alimentari verrebbero contrassegnati con adesivi che mostrano il loro impatto ambientale, secondo una proposta contenuta in un nuovo pacchetto sul clima del governo, come riferisce il quotidiano danese in lingua inglese The Local. “Vogliamo dare ai consumatori i …

Continua »

Olio di palma, sottostimato l’impatto su ambiente e atmosfera delle piantagioni in Indonesia. Lo studio dei ricercatori svizzeri

olio di palma piantagioni borneo indonesia 2018

Convertire un solo ettaro di foresta pluviale indonesiana a campo di palme da olio causa un rilascio di CO2 nell’atmosfera (perché non è più trattenuta dalla vegetazione e del terreno) equivalente a quello emesso da 530 persone che volano in classe economica da Ginevra a New York. Questo è uno dei confronti contenuti in uno studio appena pubblicato su Nature …

Continua »

La scienza tra corretta comunicazione e informazione: l’esempio della carne rossa. L’articolo di Alessia Cavaliere su Georgofili.info

carne di maiale cruda

Comunicare la scienza non è affatto facile. Lo ha dimostrato l’allarme che si è diffuso tra la popolazione quando lo Iarc ha classificato la carne trasformata come cancerogena e quella rossa come possibilmente cancerogena. Proprio di questo parla un articolo di Georgofili.info a firma di Alessia Cavaliere, del Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’Università degli Studi di Milano, che riproponiamo …

Continua »

L’impatto ambientale del cibo? Cambia in funzione della località, anche se i consumatori possono fare la loro parte

Che cos’è, esattamente, l’impatto ambientale degli alimenti che mangiamo? Come si calcola? Quali sono i cibi peggiori, da questo punto di vista? Lo stesso alimento ha il medesimo impatto a tutte le latitudini?  Secondo quanto scoperto dai ricercatori dell’Università di Oxford, la risposta a queste domande è meno scontata del previsto e riserva non poche sorprese. Gli scienziati, insieme a …

Continua »

Gamberi: l’impatto ambientale dei crostacei che finiscono sulle nostre tavole è esagerato

frittura di gamberi

Gamberi, gamberetti e crostacei sono sempre più presenti sulle tavole dei consumatori, ma la gente non sa che sono anche in cima alla classifica delle emissioni di anidride carbonica, quando si misura la quantità relativa alla pesca in mare aperto. Il loro consumo andrebbe considerato anche da questo punto di vista. Uno studio pubblicato su Nature Climate Change esamina l’impatto  …

Continua »

Si fa presto a dire sandwich: l’impatto ambientale di 40 panini studiato dall’Università di Manchester

panino sandwich prosciutto formaggio pomodoro lattuga

Quanto è dannoso per l’ambiente il tipico sandwich britannico? E, per analogia, quanto lo sono i  nostri panini? La domanda è tutt’altro che oziosa visto che in Gran Bretagna, secondo l’associazione di categoria (la British Sandwich Association), ogni anno si ne consumano più di 11,5 miliardi. Ogni panino, sia quando viene preparato in casa sia quando viene acquistato, lascia dietro …

Continua »

Cani e gatti : il consumo di carne degli animali domestici americani equivale a quello della la quinta nazione al mondo. Come ridurre l’impatto dei pets sul pianeta?

gatto cane cibo per animali

Sono sempre di più, e la loro presenza è associata a significativi effetti benefici sulla salute degli umani. Ma cani e gatti, i più comuni animali domestici, mangiano anche un quantitativo di carne che probabilmente nessuno immagina, contribuendo non poco al consumo di risorse legato agli allevamenti intensivi. Per questo Gregory Okin, ricercatore dell’Università della California di Los Angeles, ha …

Continua »