Home / Nutrizione / Per un hot dog in meno: come piccoli cambiamenti nella dieta fanno guadagnare minuti di vita sana

Per un hot dog in meno: come piccoli cambiamenti nella dieta fanno guadagnare minuti di vita sana

Wurstel Hot dog in a bun with mustard and vegetablesAnche piccoli cambiamenti delle abitudini alimentari possono apportare benefici alla salute e al tempo stesso ridurre l’impatto ambientale del cibo. Non occorrono, necessariamente, stravolgimenti della dieta: ogni hot dog consumato fa perdere 36 minuti di vita sana (per alcuni alimenti si arriva a 74), così come ogni porzione di alimenti quali frutta e verdura fresche, frutta secca o pesce, ne fa guadagnare 26 (fino a 80). Così, anche solo riducendo del 10% le calorie quotidiane provenienti da carne bovina e carni lavorate si ottiene un guadagno di 48 minuti di salute, e un 33% di diminuzione della propria impronta ambientale. Se tutti si rendessero conto di numeri come questi, con ogni probabilità adotterebbero diete un po’ diverse, e ci sarebbero progressi significativi da entrambi i punti di vista.

Così, per lo meno, la pensano gli autori di uno studio pubblicato su Nature Foods i ricercatori dell’Università del Michigan, che per la prima volta hanno analizzato congiuntamente le conseguenze sull’organismo e sull’ambiente di oltre 5.850 alimenti. Il lavoro è stato fatto incrociando il rischio per la salute con quello ambientale, e attribuendo specifici punteggi ed effetti. In particolare, per valutare le conseguenze sulla salute, gli autori hanno considerato i consumi medi dei cittadini statunitensi contenuti nel grande database What we eat in America, e hanno associato ciascuno degli oltre 5.800 alimenti ai fattori di rischio contenuti nel Global Burden of Disease, che attribuisce a ogni prodotto un impatto sulla salute. Quindi hanno assegnato un guadagno per la salute (definito appunto in minuti di vita sani nell’arco della vita) agli alimenti positivi e viceversa, una diminuzione della stessa ai cibi poco sani.

Pretty young funny woman eating hamburger inside in fast-food restaurant
Piccoli cambiamenti nella dieta possono avere benefici sia sulla salute che sull’ambiente

Per quanto riguarda le conseguenze ambientali, hanno invece fatto ricorso a un altro database, l’Impact World+, che calcola, per ogni alimento, i costi ambientali dell’intero ciclo di vita (produzione, trasformazione, trasporto, conservazione, preparazione, consumo e spreco). Poi, ai dati hanno aggiunto il consumo di acqua e i danni alla salute causati dal particolato emesso durante il medesimo ciclo.

A quel punto hanno suddiviso gli alimenti in tre fasce di colori, rosso, giallo e verde a seconda della negatività o positività del punteggio, e calcolato i minuti di salute e le conseguenze sull’ambiente. Il messaggio più forte – hanno ribadito gli autori – al di là dei singoli numeri, è nel senso generale dei dati: ciascuno può dare un contributo alla riduzione dell’impronta ambientale del cibo e, al tempo stesso preservare la propria salute: con piccole modifiche delle abitudini e della dieta.

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com, adobe.stock.com, fotolia.com

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Donna che tocca la guancia dolorante, evidenziata da colore rosso; concept di mal di denti

Anche le bibite senza zuccheri fanno male ai denti: è l’acidità il problema, spiegano i dentisti

Oltre all’aumento di peso, c’è un motivo non abbastanza sottolineato per evitare di bere bevande …

Un commento

  1. “ogni hot dog consumato fa perdere 36 minuti di vita sana”, quindi mangiando un hot dog in meno al giorno per un anno otterremo oltre una settimana di vita sana in più.

    E in quella settimana pioverà sempre. (Woody Allen)