Home / Roberto La Pira (pagina 30)

Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Il bambino preferisce l’Happy Meal alla pizza, ma l’hamburger di McDonald’s è preparato con anteriore di carne di vacca. Un taglio di mediocre qualità, e la catena di fast food cosa dice?

Lo spot del bambino che preferisce l’Happy Meal di McDonald’s alla pizza ha varcato i confini arrivando sulle pagine dei giornali inglesi. Dopo la richiesta di censura all’Istituto di autodisciplina Pubblicitaria e all’Antitrust un’associazione di pizzaioli ha inviato un esposto all’Agcom e oggi anche su Change.org Alfonso Pecoraro Scanio ha avviato una petizione contro la pubblicità di zio Mac. In …

Continua »

Il foie gras da Eataly presentato in modo edulcorato: “l’alimentazione forzata” con sonda esofagea si trasforma in “gavage”

Il “foie gras” (o meglio “le foie gras”) è una specialità alimentare che si ottiene dalle anatre o delle oche (di sesso maschile) attraverso un’alimentazione forzata e superiore ai reali fabbisogni degli animali. L’eccesso di cibo provoca un accumulo di grasso nel fegato che diviene “steatosico”. Quando gli animali sono “pronti” vengono uccisi, si preleva il fegato che, opportunamente lavorato, …

Continua »

Lo spot di McDonald’s contro le pizzerie è scorretto. Il Fatto Alimentare chiede immediata censura a Giurì e Antitrust

Il bambino in pizzeria che nello spot di McDonald’s chiede un Happy Meal è scorretto perché discredita la categoria dei pizzaioli, induce in errore sulle corrette abitudini alimentari dei bambini, abusa dei naturali sentimenti dei genitori verso i figli, e gioca sulla naturale credulità e mancanza di esperienza dei piccoli in materia alimentare. Per questi motivi Il Fatto Alimentare ha …

Continua »

Uova di Pasqua: il prezzo oscilla da 2,5 a 15 euro per 220-250g. Conta più la sorpresa o la qualità? Tutti i consigli per scegliere bene

Quest’anno la spesa per un uovo di Pasqua varia da 2,5 a 15 euro e con questa cifra si porta a casa un dolce alto 50 cm che pesa poco più di due tavolette di cioccolato (220-250 grammi). Capire perché ci sono differenze così vistose tra un prodotto e un altro è complesso e bisognerebbe considerare molteplici fattori collegati anche …

Continua »

Biscotti Mulino Bianco Fiori di latte: 40% in meno di grassi dice lo spot ma quasi lo stesso numero di calorie degli altri frollini, mentre il prezzo raddoppia

Gli spot tv dei frollini Barilla “Fiori di latte”  hanno un notevole impatto perché nella pubblicità si dice che contengono  il 40% in meno di grassi rispetto agli altri. Osservando però la confezione qualcosa non convince. A dispetto del nome, i Fiori di latte contengono solo il 5,2% di latte in polvere scremato!  Perché allora Barilla ha scelto questo nome per un prodotto …

Continua »

Olio di palma: perché l’ingrediente misterioso presente in tantissimi prodotti alimentari, non si trova nei supermercati? Nessuno lo comprerebbe! La petizione supera le 110 mila firme

Dopo avere promosso insieme a Great Italian Food Trade una petizione su Change.org contro l’invasione dell’olio di palma che ha raccolto oltre 110 mila firme, e aver catalogato più di 300 prodotti che non lo utilizzano, ho visto per la prima volta sugli scaffali di un grossista alimentare il misterioso olio tropicale confezionato in bidoni da 20-25 litri. L’olio più diffuso nei prodotti …

Continua »

Avvenire pubblica un articolo che riprende la petizione per limitare l’usa dell’olio di palma. Raccolte 110 mila firme

Oggi il quotidiano Avvenire pubblica un articolo dove riprende l’iniziativa della petizione lanciata su change.org da Il fatto Alimentare e Great Italian Food Trade per limitare l’uso dell’olio di palma che ormai ha raggiunto 110 mila firme. Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione online su Change.org per fermare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari e …

Continua »

Ars alimentaria: il sito realizzato dal Ministero della salute insieme agli Istituti zooprofilattici, uno spazio aperto a operatori e aziende, ma con poco spazio per i consumatori

Ars Alimentaria è il sito realizzato un anno fa dal Ministero della salute insieme all’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna e alla rete degli altri  Istituti zooprofilattici italiani. Non si tratta di uno spazio che aggrega le testate on line  dei singoli istituti e nemmeno di una vetrina realizzata in occasione di Expo 2015 ma di un’area di …

Continua »

Gli italiani grandi consumatori di extra vergine, ignorano la figura del blendmaster. Il vero artefice dell’oro giallo in bottiglia, descritto in un libro di Zucchi

olive olio

Blending è un termine sconosciuto alla maggior parte dei consumatori di olio extra vergine di oliva. È forse più noto agli appassionati di whisky visto che nel settore dei superalcolici si parla spesso di miscele. Anche nel settore della birra c’è il mastro birrario e nel settore della pasta c’è il mastro pastaio. Negli oleifici c’è una persona addette alle …

Continua »

Lidl ritira “Bio-soiadrink Vaniglia”: bevanda biologica a base di soia e vaniglia, per la presenza di “Bacillus cereus”

La catena di supermercati discount Lidl ha ritirato dagli scaffali le confezioni di Bio-soiadrink Vaniglia, una bevanda biologica a base di soia e vaniglia, della marca Biotrend e prodotta dalla ditta Abafoods srl di Badia Polesine (RO). Il lotto ritirato è quello numero150126, con l’indicazione “da consumarsi preferibilmente entro il 26/02/2016” e recante il codice EAN 20530716. Nella bevanda, venduta in …

Continua »

Piadina ritirata dal mercato per etichetta scorretta. Nessun problema per la salute

Artigianpiada ha ritirato dal commercio le confezioni di piadina da 3 pezzi ( 360 g) per un errore in etichetta. Il prodotto ritirato riporta sull’etichetta il nome “La mia fattoria” e contiene una quantità minima di acido sorbico non dichiarato sulla confezione. L’azienda precisa che l’acido sorbico è un additivo utilizzato abitualmente con la funzione di conservante nei prodotti da …

Continua »

Expo 2015 quanto costa il biglietto? Il prezzo ufficiale dovrebbe essere 39 €, ma sul sito e nelle edicole si compra a 32, alla Coop per i soci si scende a 22,40, nei Cral aziendali a 20

Mancano 42 giorni all’esordio del grande circo di Expo 2015 e la corsa ai biglietti è cominciata. Qualcuno sussurra che ci sono date esaurite ma non è vero. Le prevendite in città sono già attive e i prezzi sembrano molto  ballerini. Chi ha del tempo  e voglia può collegarsi al sito e scorrere le decine di opzioni possibili con i …

Continua »

Cibo ogm al supermercato. È quanto potrebbe accadere tra un anno, dopo la firma del trattato TTIP tra Europa e USA. Gravi dichiarazioni del negoziatore americano

Quando tra Stati Uniti ed Europa si parla di organismi geneticamente modificati (ogm)  si delineano due mondi completamente diversi per cultura e tradizione. Mentre da noi esiste un quadro giuridico specifico che regola gli ogm, sia per il cibo e i mangimi, sia per la coltivazione in campo, negli Stati Uniti gli ogm vengono considerati equivalenti agli alimenti e alle …

Continua »

Carne agli ormoni. Le dichiarazioni ufficiali sono tranquillizzanti ma la realtà è diversa. Fino al 15% di trattamenti illeciti

In questi giorni  diversi programmi televisivi e radiofonici hanno trattato il tema della sicurezza alimentare e più volte si è posto il problema della presenza  in commercio di carne agli ormoni. Contrariamente a quanto dichiarano alcune associazioni di categoria, in Italia negli allevamenti bovini si usano sostanze vietate per incrementare il peso ponderale degli animali. È vero che il rapporto …

Continua »

Coop dice stop agli sconti selvaggi e propone il prezzo netto pulito, un metodo già adottato in Italia da U2, la catena con i listini più convenienti secondo Altroconsumo

Radio Popolare ore 8,00 del mattino lo spot della Coop dice che sono stati abbassati i prezzi di 2 mila prodotti senza rinunciare alla qualità. Un’ora dopo nella stazione metropolitana di Loreto a Milano, vedo un cartellone di 5 metri per 2 dove si ribadisce il concetto dello sconto e della qualità. Continuo a non capire. Mi chiedo come sia …

Continua »