;
Home / Coronavirus / Mascherine Ikea di comunità: comode e pratiche, ma non sono dispositivi medici

Mascherine Ikea di comunità: comode e pratiche, ma non sono dispositivi medici

mascherine IkeaLe mascherine che indossiamo tutti i giorni si possono lavare? La risposta a questo interrogativo è affermativa, anche se sulle etichette non ci sono indicazioni di questo tipo e quindi le persone non sanno come comportarsi. La rivista Que choisir in Francia ha condotto diverse prove di lavaggio sulle mascherine Ffp2 e sulle chirurgiche dimostrando che possono essere lavate in lavatrice a 60°C senza perdere le caratteristiche di efficacia (ne abbiamo parlato qui), mentre secondo la rivista Altroconsumo le prestazioni delle mascherine usa e getta restano invariate anche dopo 5 lavaggi (leggi qui). Una bella novità riguardo le istruzioni e le indicazioni di lavaggio, arriva con mascherina di comunità proposta da Ikea, denominata Vetskap e venduta a 1 euro la confezione da due unità, presentata al pubblico come mascherina riutilizzabile no medica.

Secondo quanto riportato nel sito le mascherine Ikea presenta un’efficacia simile a quella chirurgica e offre un’ottima vestibilità grazie alla clip sul naso che permette una buona adesione. L’efficacia filtrante è maggiore del 90% per particelle di dimensioni superiori ai 3 µm rilasciate dalla persona che indossa la mascherina. Le note precisano che può essere indossata per un massimo di 4 ore, dopo di ché va lavata in lavatrice. Nelle istruzioni c’è scritto che va lavata in lavatrice a 60°C per almeno 30 minuti fino a 10 volte, si può mettere nell’asciugatrice, a temperatura normale (max 80°C) e stirare a una temperatura massima di 110°C. Le mascherine Ikea sono disponibili in due misure, medium e large, e nel solo colore grigio.

Ikea precisa che la mascherina non è un dispositivo medico in conformità alla Direttiva UE 93/42/CEE, né un dispositivo di protezione individuale (protezione delle vie respiratorie) in conformità al Regolamento UE 2016/425 contrariamente a quelle chirurgiche vendute in farmacia.

© Riproduzione riservata. Foto: Ikea.com.it

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Covid-19, in quarantena più cibo e meno attività fisica. Lo studio del Crea su alimentazione e stili di vita durante i lockdown

La quarantena si è dimostrata efficace nel contrastare la diffusione del virus Covid-19, tuttavia, ha …