Home / Coronavirus / Mascherine chirurgiche ancora buone dopo 5 lavaggi. Le prove condotte da Altroconsumo

Mascherine chirurgiche ancora buone dopo 5 lavaggi. Le prove condotte da Altroconsumo

Secondo la rivista Altroconsumo le prestazioni delle mascherine usa e getta restano invariate anche dopo 5 lavaggi. Le mascherine sono uno degli strumenti fondamentali per la prevenzione dal contagio da Covid-19 e, tra le tipologie più diffuse ci sono le chirurgiche, che garantiscono protezione dal virus, ma allo stesso tempo stanno generando un grave impatto ambientale.

Altroconsumo ha realizzato un test su 80 modelli usa e getta distribuiti nelle scuole di varie marche (5, Luxottica group, Fater Spa, FAB – Grazioli, Giuntini Spa (Salvaguarda), FCA ITALY SPA), dimostrando che esiste la possibilità di riutilizzare questi dispositivi di protezione anche dopo il passaggio in lavatrice. La cosa è importane perché oltre al risparmio economico si ridurrebbe l’impatto ambientale di milioni  pezzi che vengono gettati ogni giorno nella spazzatura perché ritenuti non più efficienti.

Le mascherine chirurgiche sono ancora buone dopo 5 lavaggi in lavatrice

Secondo il ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, è possibile indossare nelle aule sia mascherine usa e getta che in tessuto, anche autoprodotte[1]. Tuttavia, molte scuole permettono soltanto l’utilizzo delle chirurgiche in quanto nel nostro Paese non esiste uno standard che certifichi la validità di quelle in stoffa. Secondo l’analisi Altroconsumo, considerando il numero degli studenti italiani (6.763.544[2]) e le ore di lezione, il numero di mascherine utilizzate supera i 33 milioni in una settimana[3].Questa ingente quantità corrisponde a 135 tonnellate di rifiuti e 118 tonnellate di CO2.

Altroconsumo si è quindi interrogata sulla possibilità di allungare il ciclo di vita delle mascherine usa e getta esaminando un campione (non rappresentativo) di dispositivi distribuiti nelle scuole italiane e dimostrando che è possibile utilizzarli ancora lavandoli in lavatrice, almeno 5 volte. L’associazione ha analizzato in primis la filtrazione e la traspirabilità delle mascherine distribuite nelle scuole e tutti i prodotti hanno ottenuto valutazioni eccellenti. In secondo luogo, è stato verificato un eventuale cambiamento di performance dei prodotti dopo 5 lavaggi a 60°C. Alla fine non solo tutte le mascherine hanno mantenuto invariate le proprietà filtranti ma alcune hanno sono migliorate in termini di traspirabilità. Le precauzioni durante il lavaggio prevedono un normale bucato a 60°C evitando l’aggiunta di additivi.

Analoghi studi eseguiti in Francia hanno dimostrato attraverso test di laboratorio, che le mascherine chirurgiche possono essere lavate in lavatrice a 60°, asciugate in asciugatrice e riutilizzate fino a 10 volte, senza perdere la propria efficacia. Secondo Altroconsumo “I risultati delle analisi potrebbero condurre a ripensare il modo in cui studenti e cittadini utilizzano le mascherine usa e getta e ridurre efficacemente lo spreco di questi prodotti, che dovremo essere impiegaste ancora per molto tempo. Riteniamo sia fondamentale diffondere un messaggio educativo sull’utilizzo di questi dispositivi di protezione – prosegue Altroconsumo – attraverso una modifica delle indicazioni d’uso. Ma non solo: è importante anche introdurre uno standard che permetta alle persone di identificare in maniera corretta e sicura le mascherine di comunità in stoffa e lavabili, efficaci ed affidabili, al fine di contribuire all’effettiva diminuzione degli sprechi e dell’impatto che la pandemia sta avendo sull’ambiente”.

Foto 1 Altroconsumo

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Mascherine U-Mask

U-Mask, il ministero della Salute vieta la vendita e dispone il ritiro dal mercato

Il ministero della Salute ha disposto “il divieto di immissione in commercio del dispositivo medico …

10 Commenti

  1. Avatar

    Bene,
    Ci si arrivava anche a intuito nonostante i continui allarmismi dei primi mesi che facevano sembrare la mascherina chirurgica inutilizzabile dopo 6 ore neanche fosse fatta di materiale compostabile..

  2. Avatar

    Senza additivi significherebbe senza detersivo? Si è valutata anche l’efficacia del lavaggio nel eliminare qualsiasi possibile traccia di contaminazione? E la centrifuga?

    • Avatar

      Io lo faccio sempre e dall’inizio della pandemia visto che prima scarseggiavano

    • Avatar

      Buongiorno. Bella notizia e vi ringrazio. Avevo sentito dire da un noto medico che compare in tv in questo periodo che le mascherine se si lavano non servono più a proteggerci! Ora voglio credere a quanto riportare voi. Se si lavano a mano con acqua calda e sapone neutro va bene lo stesso? Grazie

  3. Avatar

    Quali indagini analitiche e quali test sono stati eseguiti per affermare quanto presentato da Altro Consumo e dai ricercatori francesi? Quando si parla di prestazioni, quali sono i parametri considerati? Esistono riferimenti bibliografici per potere accedere ai risultati degli studi effettuati?

  4. Avatar
    Vincenzo Abbenante

    tenete anche conto che il 90% della cd mascherine chirurgiche, per come si legge dal bugiardino allegato, non sono certificate all’origine…. non garantiscono alcuna protezione, non sono dispositivi, non sono presidio sanitario….. allora prima di pubblicare indicate che per mascherine chirurgiche intendete quelle certificate dal Ministerop della Salute e che comunque ma scherina cd chirurgica, per le sue caratteristiche costruttive, non protegge da inquinanti in ingresso ma solamente da eventuale droplet in uscita,

  5. Avatar

    Secondo me è imprudente consigliare il riuso di dispositivi medici che sono stati concepiti per l’uso singolo. Come si fa a standardizzare il lavaggio perché sia ripetibile? A questo punto potrebbero fare le prove anche su siringhe, cerotti, sacche da stomia, garze, e magari farsi da soli le soluzioni fisiologiche in casa, tanto basta far bollore dell’acqua!

    • Roberto La Pira

      Per le mascherine si parla di ore e di usarla diverse volte ma non si definiscono parametri precisi

    • Avatar

      Scusa Gigio,
      ma di che cosa stai parlando?! Le mascherine non sono mica qualcosa che ti infili in vena o che usi per coprire delle ferite aperte! Mica entrano nel tuo corpo! Sono delle semplici barriere che bloccano lo spargimento in atmosfera dei celeberrimi droplets,(le goccioline invisibili che emaniamo con la respirazione)
      La priorità oggi mi sembra quella di pensare sempre al nostro impatto ambientale.