Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 148)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Mestoli e stoviglie in melammina non vanno usati per friggere o cuocere, né nel microonde: possono rilasciare particelle tossiche

 Piatti, stoviglie e altri utensili da cucina a base di resina melamminica possono rilasciare melammina e formaldeide quando vengono riscaldati, e una quantità di queste sostanze nocive può migrare negli alimenti. Gli studi condotti dall’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) – l’ente nazionale che in Germania si occupa di sicurezza alimentare –  e dalle autorità di controllo degli …

Continua »

Pubblicità ingannevole: la Coca-Cola non va bevuta tutti i giorni. L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria censura l’ultima campagna

ragazzi bere coca cola fast food

«Le prossime pubblicità della Coca-Cola dovranno evitare di suggerire un consumo quotidiano della bevanda». È questa la decisione presa dall’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria (vedi allegato) contro la campagna pubblicitaria apparsa su numerosi giornali pochi mesi fa e caratterizzata dallo slogan “La formula della felicità”. Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori autore della richiesta di censura ha espresso soddisfazione per la …

Continua »

Nuovo Pan Bauletto Barilla: vantaggi della fibra e piacere del pane bianco. Ma è davvero così?

pane farina integrale semi

Non chiamatelo pan carrè, per piacere. Anche perché ormai ha colonizzato le tavole degli italiani, sostituendosi anche al pane fresco artigianale e non solo nei momenti di emergenza. E poi non ha nulla a che fare con il vecchio pan carrè, quello quadrato e bianchissimo con la crosticina marrone, ma assomiglia sempre più a pane affettato ed è adatto sia …

Continua »

Andrea Segrè “Lezioni di ecostile”: un libro su sprechi alimentari, sostenibilità, commercio equo-solidale e consumi consapevoli

Quando al supermercato snobbiamo la prima fila di vasetti di yogurt – i più vicini alla data di scadenza – e allunghiamo la mano per cercare quelli in fondo – i più “freschi” – ci sentiamo molto furbi. Ma, senza rendercene conto, diamo un ennesimo, anche se piccolo, contributo al mondo disattento, frenetico e sprecone nel quale viviamo. Il perché …

Continua »

Nuovo rapporto Efsa sull’acrilammide. Non è diminuita nei prodotti industriali, il fai da te delle aziende non funziona

patatine fritte

Acrilammide, chi era costei? Anche i meno informati hanno ormai imparato che si tratta di una sostanza tossica che si forma durante la cottura ad alta temperatura (frittura in primis, ma anche forno e griglia) di cibi contenenti amido. Da quando, nel 2002, un gruppo di ricercatori svedesi mise in guardia per la prima volta dal pericolo di mangiare le …

Continua »

I filetti di pesce pregiato spesso sono in realtà specie “povere”. Valentina Tepedino commenta un’indagine di Altroconsumo

Falsi filetti di cernia, moscardini spacciati per polpi, persico africano che sembra dei nostri laghi perché sull’etichetta non è indicata la provenienza. Questo e altro hanno trovato gli esperti di Altroconsumo che hanno acquistato in tutta Italia, in 55 punti vendita 160 campioni di pesci e molluschi scoprendo che  nel 44% dei casi  le etichette sono scorrette o ingannevoli. Il …

Continua »

Auchan: in vendita a Torino in Viale Romania carne trita di cavallo preparata con carne di bovino, pollo e maiale

carne trita

La carne trita venduta come equina al supermercato Auchan a Torino in corso Romania è in realtà contiene  carne  di bovino, pollo e maiale. La sgradita scoperta è stata fatta dall’Istituto Zooprofilattico del Piemonte e dell’Asl Torino1, che hanno segnalato alla Procura della Repubblica una sospetta frode a danno dei consumatori. I primi prelievi sono stati eseguiti il 1° aprile …

Continua »

Campylobacteriosi: gli appunti dell’IZSV per conoscere il rischio alimentare più diffuso in Europa ma sconosciuto agli italiani

campylobatteriosi izsve 2011

Secondo l’Autorità per la sicurezza alimentare europea  ( Efsa) la Campylobacteriosi è la prima causa di contaminazione alimentare in Europa con 198.252 casi, mentre la  Salmonella ne colleziona la metà (108.614) e  il dato risulta in diminuzione (-17%) Per capire meglio cos’è e come si contrasta questa infezione alimentare l’Istituto zooprofilattico delle Venezie ha realizzato tempo fa un volumetto (vedi …

Continua »

Allarme plutonio a Fukushima: “La contaminazione è solo locale” dichiara Sgorbati dell’Arpa Lombardia

Sono passate tre settimane esatte dal terremoto in Giappone e l’allarme nucleare alla centrale di Fukushima è tutt’altro che rientrato. Peggio: le ultime notizie sulla comparsa del plutonio nel mare intorno alla centrale sono ben poco rassicuranti. Possiamo mangiare il pesce? E soprattutto: possiamo sperare che la situazione dei reattori si riesca a controllare? Lo abbiamo chiesto a Giuseppe Sgorbati, …

Continua »

L’etichetta può aiutarci a capire se i cibi per bambini reclamizzati in Tv sono davvero imperdibili

bambini tv televisione pubblicità media

Gentile dott.ssa Truncellito, ho letto e apprezzato il suo articolo sulle pubblicità alimentari durante i programmi Tv rivolti ai bambini. Vorrei segnalare la pubblicità dei cereali Nestlé Cheerios, che ci è capitato di vedere negli ultimi giorni durante i film per bambini trasmessi sui canali Tv a loro dedicati: – sabato 26 marzo, ore 6 pomeridiane su Italia 1, nel …

Continua »

Fukushima, c’è un problema di radioattività per il cibo italiano? Giuseppe Sgorbati, coordinatore Arpa Lombardia, spiega a ilfattoalimentare.it i rischi e i comportamenti corretti

attenzione pericolo radioattivo 178977894

C’è chi sta già facendo scorte di ioduro di potassio, il rimedio di emergenza in caso di esposizione allo iodio radioattivo. E chi, invece, vive sereno, pensando che tanto il Giappone è dall’altra parte del mondo. Ilfattoalimentare.it ha interpellato Giuseppe Sgorbati per capire se il guasto alla centrale nucleare di Fukushima in Giappone potrà avere conseguenze sulla sicurezza alimentare (e …

Continua »

I bambini mangiano più frutta e verdura se imparano presto. Ma mamma e papà devono proporle spesso e senza scoraggiarsi

Child with watermelon

Una ricerca appena pubblicata su Food Quality and Preference mostra che per valutare in modo attendibile il gradimento dei consumatori verso un alimento o una bevanda è necessario che abbiano modo di provarlo più volte. In pratica, non basta un solo assaggio per stabilire se un certo sapore piace oppure no. Lo studio, al quale hanno partecipato 128 persone per …

Continua »

Per gli apicoltori la normativa sul miele è troppo rigida a fronte della preoccupante moria delle api

miele

Miele dorato, limpido, purissimo. Anche se in teoria il dolce prodotto delle api può essere “contaminato” da residui di medicinali (se le api sono state curate con antibiotici) e da tracce di organismi geneticamente modificati (se l’allevamento si trova vicino a campi dove crescono Ogm), in realtà le normative vigenti sono molto rigide per cercare di garantire al consumatore un …

Continua »

Kellogg’s e Nestlé reclamizzano i loro prodotti nei programmi Tv per bambini: è corretto?

Five sweet kids, friends, sitting in living room, watching TV

Salve. Domenica 27 febbraio, poco prima delle 8 di sera, ero davanti alla tv con i miei bambini e stavamo guardando i cartoni animati su Boeing tv, un canale digitale terrestre dedicato ai più piccoli. Tra un programma e l’altro, in pochi minuti e per giunta all’ora di cena, abbiamo ricevuto i “consigli per gli acquisti” dei prodotti Kellogg’s Krave …

Continua »

L’olio extravergine deodorato non può essere etichettato come il vero extravergine genuino

Ancora una volta la normativa europea ha difeso gli interessi dei grandi e piccoli marchi che da anni ingannano i consumatori, a discapito dei piccoli produttori che agiscono onestamente. Ci riferiamo al Regolamento (UE) n. 61/2011 del 24 gennaio 2011 relativo alle caratteristiche degli oli d’oliva e di quelli di sansa d’oliva nonché ai metodi di analisi ad essi attinenti. …

Continua »