Home / Archivio dei Tag: pasta

Archivio dei Tag: pasta

Pasta Barilla e biscotti Mulino Bianco: il 60% degli ingredienti è importato dall’estero

Mulino Bianco

Barilla, il marchio di pasta italiana più famoso nel mondo, da sempre importa il 30-40% di grano duro per preparare spaghetti, linguine e penne. La cosa è rimasta un segreto per decenni. La rivelazione ufficiale viene annunciata nel Rapporto di sostenibilità del 2011, poi diventa uno spot nel 2017 e una pagina web nel 2018, in cui si elencano persino …

Continua »

Pasta: l’origine del grano delle marche più famose. La qualità però è un’altra cosa

Dallo scorso febbraio le etichette della pasta devono indicare l’origine della materia prima, come prevede un decreto legge varato il 26 luglio 2017. In questo modo i consumatori possono individuare quali sono le marche che utilizzano grano duro coltivato nel nostro paese. In realtà chi voleva una pasta ottenuta con materie prime nazionali, non ha mai fatto fatica visto che sugli scaffali …

Continua »

La verità sul grano e la pasta: dalle importazioni al glutine, tutto quello che c’è da sapere per non cadere vittima di miti e bufale

spighe di grano

La filiera grano duro-pasta è strategica per l’economia nazionale. Lo è sia dal punto di vista agricolo e di salvaguardia territoriale, per l’ampia e insostituibile diffusione della coltura al Sud, e sia dell’industria agroalimentare della trasformazione, che esporta nel mondo circa 2 milioni di tonnellate di pasta, primario e apprezzato prodotto della dieta mediterranea e riconosciuta immagine del Paese. La diminuzione …

Continua »

Grani antichi e pasta: la discussione continua. Qualità in cottura, salute e filiera: le precisazioni di Cubadda

Portion of Fussili (Whole Grain)

Dopo il botta e risposta tra Raimondo Cubadda ed Enzo Spisni pubblicato da Il Fatto Alimentare, continua con un nuovo intervento di Cubadda, già professore ordinario di Tecnologie Alimentari, il dibattito sui grani antichi e la possibilità di utilizzarli per produrre la pasta, sostenuta da Spisni, docente di Fisiologia della nutrizione, in un articolo pubblicato tempo fa. Sono pienamente convinto che …

Continua »

Grani antichi: continua il dibattito. Hanno qualità nutrizionali migliori o problemi nella tenuta in cottura? Il parere di Cubadda e Spisni

Enzo Spisni ha pubblicato tempo fa un articolo sui grani antichi e sulla possibilità di utilizzare la loro semola per fare pasta. Raimondo Cubadda, già professore ordinario di Tecnologie Alimentari, in questa nota solleva alcune perplessità sulla tesi sostenuta da Spisni di realizzare pasta di qualità utilizzando quel tipo di grano povero di glutine ed essiccato a basse temperature. Relativamente …

Continua »

Pasta Garofalo: ecco le differenze tra una pasta di qualità e una standard. Da oggi in rete analisi, origine e qualità

Pasta garofalo

Da dove viene il grano utilizzato per la pasta Garofalo? Una parte viene dall’Italia, ma la maggior quantità  viene importata dall’Australia, dall’Arizona. L’indicazione non compare sull’etichetta, dove si trova la generica scritta prevista dalla legge “grano Ue e non UE”, ma sul sito del pastificio, insieme all’analisi chimica, merceologica e microbiologica dei singoli lotti. I consumatori per avere notizie precise …

Continua »

Grano e pasta 100% italiani garantiscono la qualità? Secondo l’esperto la formula non sempre funziona. Lo spiega l’esperto Raimondo Cubadda

pasta carboidrati industria alimentare azienda

“La qualità rappresenta un’esigenza fondamentale per ogni prodotto destinato alla trasformazione industriale”. Comincia   così un articolo sul grano e la pasta italiana pubblicato sul sito AgriCulture della FIDAF (Federazione Italiana dei Dottori in Scienze Agrarie e Scienze Forestali), firmato da Raimondo Cubadda già docente di Tecnologie Alimentari all’Università del Molise, che descrive con lucidità e chiarezza la situazione nei nostri …

Continua »

Pasta Barilla: il grano proviene da Italia, Francia, Stati Uniti e Australia. L’origine è sulle nuove etichette. Ma le informazioni precise sono sul sito e negli spot

Pasta Barilla

Le confezioni della pasta Barilla con nuova etichetta sono apparse in alcuni supermercati ma pochissimi consumatori se ne sono accorti, anche perché le altre marche possono aspettare fino al 16 febbraio per adeguarsi e inserire le nuove informazioni. La novità è una dicitura posizionata dopo l’elenco degli ingredienti (vedi foto in alto), che occupa meno di due righe, e recita così: …

Continua »

Richiamato un lotto di pasta biologica Valbio: possibile presenza di parassiti nel prodotto. Il provvedimento eseguito a scopo precauzionale dopo una segnalazione

Il Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo di un lotto di pasta di semola biologica Valbio per la possibile presenza di parassiti nel prodotto. La pasta interessata (formato pipe rigate 135) è venduta in confezioni da 3 kg e fa parte del lotto L171295089, con scadenza al 14/03/2020. La pasta richiamata è stata prodotta dall’azienda Valdigrano di Flavio …

Continua »

Pasta e riso 100% italiani: la nuova legge sull’origine degli ingredienti superata dai fatti. L’indicazione è spesso già sull’etichetta

Tra due settimane le etichette della pasta e del riso dovranno indicare l’origine della materia prima, come prevede un decreto legge varato il 26 luglio 2017. In questo modo i consumatori potranno individuare quali sono i prodotti “made in Italy” che utilizzano grano duro e riso coltivato nel nostro paese. La questione viene presentata da Coldiretti e dal Ministro delle politiche …

Continua »

Le bufale su pasta e grano duro impazzano sul web: tra glifosato, micotossine e celiachia le fake news continuano a diffondersi

Nella rete le bufale sulla pasta e sul grano duro trovano terreno fertile e si diffondo senza incontrare forti resistenze. Le fake news rimbalzano da oscuri blog a pagine di siti molto seguiti, per poi approdare sui  media nazionali, che le rilanciano con titoli allarmistici per aumentare i click. È successo nel 2017 con GranoSalus, che sulla base di un’inchiesta …

Continua »

Fusilli Coop e La Molisana: stessa azienda produttrice, ma prezzo e qualità della pasta differenti. Il confronto tra i due marchi

La pasta di semola è presente praticamente su tutte le tavole degli italiani. Si tratta di un prodotto quotidiano e anche se una confezione da 500 g di pasta premium – quella di qualità migliore caratterizzata da un’elevata percentuale di proteine – costa più o meno come un caffè al bar, molti consumatori cercano comunque di risparmiare acquistando un prodotto …

Continua »

Coldiretti: “L’etichetta semaforo rischia di promuovere il cibo spazzatura”. Ennesima bufala della lobby, contro il miglior sistema per informare i consumatori approvato dall’OMS

Mentre in Francia un gruppo composto da 26 associazioni ( società scientifiche di medici, associazioni di pediatri, oncologi, pediatri e nutrizionisti e consumatori *) lanciano una petizione contro Unilever, Nestlè, Mondelez, Mars, Coca-Cola e PepsiCo, perché vogliono boicottare l’etichetta a semaforo varata da tre ministeri, in Italia è Coldiretti a lanciare l’ennesima bufala contro questo modello di etichetta. Il metodo seguito …

Continua »

Video: Pasta Barilla, rivelata l’origine del grano negli spot, ma non in etichetta

Barilla, in uno spot televisivo affidato alla simpatica campionessa di scherma Bebe Vio, dichiara l’origine del grano utilizzato per produrre la pasta. Si tratta di grano italiano miscelato a grano importato da tre paesi: Australia, Francia e Stati Uniti. Da tre anni aspettavamo questa notizia. Nel gennaio 2013 avevamo chiesto a Barilla, Agnesi, De Cecco, Del Verde, La Molisana, Granoro, …

Continua »

Glifosato: Report e Coldiretti lanciano l’allarme. Ma per superare i limiti bisognerebbe mangiare da 100 a 600 kg di pasta al giorno!

La storia del diserbante glifosato presente nel grano duro canadese importato in Italia, è stata raccontata da Coldiretti anche attraverso diversi presidi nel porto di Bari dove attraccano le navi. La storia ha convinto migliaia di persone a diffidare delle materie prime straniere, anche se alcuni elementi di questa vicenda risultano poco chiari. C’è infatti da chiedersi perché Roberto Moncalvo, …

Continua »