barilla logo sfondo blu

Dal prossimo mese di febbraio, Barilla ridurrà i prezzi del 7 sino al 13%. “Si tratta di una grande operazione  – precisa l’azienda a Il Fatto Alimentare – che riguarderà non solo i famosi Spaghetti n. 5 ma gran parte dell’assortimento della pasta. Poi ci sono molti prodotti Mulino Bianco, biscotti, merendine, fette biscottate, pani. Ma anche alcuni articoli della Pavesi, come le Gocciole, brand di proprietà del gruppo“. La decisione avrà sicuramente un impatto positivo sulla spesa alimentare dei molti italiani che, sempre di più, fanno fatica ad arrivare a fine mese. Questa volta non siamo di fronte ad annunci aleatori e privi di concretezza come quelli di alcuni ministri. La strategia dell’azienda permetterà a molte famiglie di incidere positivamente sull’importo della spesa settimanale, continuando ad acquistare i propri prodotti preferiti.

La promozione durerà sino al 31 dicembre del 2024. “Si tratta – continua Barilla – di un’operazione straordinaria di riduzione dei prezzi di cessione ai clienti diretti e ai distributori“. In altre parole Conad, Coop, Esselunga, Iper e le altre insegne pagheranno dal 7 al 13% in meno su un significativo paniere di prodotti Barilla, Mulino Bianco e Pavesi. Spetta quindi alle varie catene decidere quanto sconto riversare sullo scaffale. A questo punto però diventa molto difficile per i supermercati non abbassare in modo significativo i prezzi.

macina mulino bianco spot pubblicità 2023
Anche il prezzo di molti prodotti Mulino Bianco e Pavesi sarà ridotto

C’è un effetto collaterale dell’operazione molto importante, evidenziato da Luigi Rubinelli su Alimentando, che focalizza l’attenzione sulla ricaduta della promozione nel settore. Secondo le regole del marketing quando il leader del settore (in questo caso Barilla) abbassa i prezzi, le altre aziende devono adeguarsi e ridurli a loro volta. Questo vuol dire che dal prossimo mese di febbraio i prezzi di pasta, biscotti e merendine di tutte le marche potrebbero subire una forte riduzione di prezzo. Siamo di fronte a una promozione unica nell’ambito del commercio negli ultimi 40 anni che farà molto discutere, ma che è sicuramente una bella notizia per i consumatori.

© Riproduzione riservata. Foto: Barilla, Mulino Bianco

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Non accettiamo pubblicità di junk food, acqua minerale, bibite zuccherate, integratori, diete. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

4.8 4 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

9 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
riccardo
riccardo
15 Gennaio 2024 16:59

L’UniCoop Firenze, per tutto lo scorso mese di dicembre, ha fatto ai soci uno sconto del 10% sullo scontrino, inclusi i prodotti in promozione e del “carrello Tricolore”. Peccato che le altre insegne non l’abbiano seguita in questo semplice metodo di contenimento dei prezzi. Speriamo che la rilevanza del marchio Barilla abbia un maggior effetto di quello di un operatore locale come Unicoop Firenze.

Leonardo
Leonardo
16 Gennaio 2024 01:19

Tutte le aziende dovrebbero seguire l’esempio della Barilla , dato che il costo della vita è di molto aumentato . Un grazie grande all’azienda Barilla.

daniele
daniele
16 Gennaio 2024 14:21

Grazie Barilla, esempio virtuoso dell’industria alimentare, che rispetta i contratti di lavoro e non ha sede fiscale ad Amsterdam per eludere le imposte in Italia, l’azienda ha programmato investimenti dal 2023 al 2028 per un valore di 1 miliardo di euro, metà dei quali su territorio nazionale, che, oltre a ricerca e sostenibilità prevede anche aumento di produzione.
Considerato che, dopo l’impennata del prezzo del frumento e del costo dell’energia nel marzo 2022 a causa della guerra in Ucraina, ora i prezzi sono quasi dimezzati, simili a quelli del 2020.
L’annuncio di un ribasso prezzi è un ottima strategia di mercato per rafforzare la propria immagine e aumentare le vendite.

Pietro Giorgio
Pietro Giorgio
18 Gennaio 2024 19:37

Abbassare i prezzi del 10-15% dopo averli più che raddoppiati negli ultimi 2 anni, ad esempio i biscotti nei supermercati Conad del nord est sono a scaffale ad oltre 10 €. al kg., pare un’iniziativa piuttosto banale, sicuramente volta ad arginare l’emorragia delle vendite.
Chissà che comunque possa avere un effetto a catena anche sui posizionamenti dei loro competitor, i quali sinora ne hanno parimenti approfittato.
Rimarrà da verificare in che misura la grande distribuzione riverserà sugli scaffali i ribassi beneficiati, considerato che pure loro hanno chiuso bilanci positivi mai visti in passato.
In pratica chi ne esce sempre e comunque perdente è il consumatore.

MARCO FOLLO
MARCO FOLLO
Reply to  Pietro Giorgio
19 Gennaio 2024 12:55

Perfettamente ragione. Ovviamente, abbassando Barilla si adegueranno anche tutti gli altri.
speriamo non a discapito della qualità

Antonio Festo
Antonio Festo
18 Gennaio 2024 23:42

un ottimo esempio di una ditta seria che pensa ai suoi clienti.

MARCO FOLLO
MARCO FOLLO
19 Gennaio 2024 12:53

BENE LA RIDUZIONE DI PREZZO. MA QUANTO HANNO AUMENTATO NEGLI ULTIMI 24 MESI?????

Christine
Christine
Reply to  MARCO FOLLO
20 Gennaio 2024 15:31

Come quando c’è stato x diverso tempo l’inganno delle confezioni di pasta che contenevano 400g e non i soliti 500g!!!

9
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x