Home / Archivio dei Tag: fibre

Archivio dei Tag: fibre

Cereali integrali e microbiota: azione positiva delle fibre sui batteri intestinali, meno infiammazione e rischio obesità

pane farina integrale semi

Il consumo regolare di cereali integrali è associato a un miglioramento generalizzato degli indici metabolici di zuccheri e grassi, di quelli legati all’infiammazione oltre che a un minore rischio di sovrappeso e obesità. Fino ad ora però non era del tutto chiaro in che modo le fibre esercitassero questo effetto. Uno studio condotto su animali dai ricercatori di due istituti di …

Continua »

Cosa sono gli idrocolloidi e perché si trovano sempre più spesso nei cibi trasformati? Günther Karl Fuchs esamina il fenomeno su Papille Vagabonde

Capita sempre più spesso di leggere tra gli ingredienti di molti cibi trasformati, la presenza di una nuova categoria: gli idrocolloidi. Su Papille Vagabonde Günter Karl Fuchs spiega che cosa sono e a cosa devono il loro successo partendo dalla lettera di una lettrice. Germana F, Mantova: Sento spesso parlare degli idrocolloidi tra gli ingredienti alimentari, cosa sono? A cosa …

Continua »

Legumi? Almeno 2/4 porzioni alla settimana dicono i nutrizionisti. Pochi quelli italiani, molti sono importati

Secondo le Linee guida per una sana alimentazione si dovrebbero consumare almeno 2-4 porzioni di legumi a settimana, come componenti di un primo piatto o di un secondo, non come sostituti delle verdure. Fagioli, ceci e lenticchie sono ricchi di minerali, vitamine e proteine; sono poco calorici e hanno un buon contenuto di fibra, utile per regolare il transito intestinale …

Continua »

Pane con fibra di agrumi: buccia, polpa e semi di arance e limoni per migliorare il profilo nutrizionale

I ricercatori del Crea (Centro Cerealicoltura e Colture Industriali e del Centro di Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura), hanno messo a punto un pane ad alto contenuto di fibre, arricchito con farina di agrumi. La prima novità è l’integrazione del pane con un prodotto considerato uno scarto della lavorazione degli agrumi chiamato pastazzo. Si tratta di un miscuglio costituito da buccia, …

Continua »

I carboidrati non sono tutti uguali. I grandi benefici delle fibre in una ricerca pubblicata dalla rivista medica The Lancet

prima colazione con cereali e frutta su sfondo tavolo rustico

“Fibre e cereali integrali sono importanti dal punto di vista fisiologico, metabolico e persino microbiotico intestinale. Mangiare cibi ricchi di fibre e cereali integrali è un chiaro vantaggio per la nostra salute riducendo l’insorgere di una gamma sorprendentemente ampia di importanti malattie.” Lo afferma Andrew Reynolds, del dipartimento di Medicina dell’Università neozelandese di Otago, principale autore di uno studio pubblicato …

Continua »

In Gran Bretagna il consumo di bevande zuccherate tra bambini e adolescenti è diminuito di un terzo. Ma il governo avverte: ancora troppo elevato

Cute children with soft drinks

Negli ultimi otto anni, il consumo di bevande zuccherate da parte dei bambini britannici tra i 4 e i 10 anni d’età è diminuito di un terzo, passando da 130 a 83 grammi al giorno, ma rimane ancora troppo elevato. La quantità giornaliera di bibite raddoppia quando si entra nell’adolescenza (191 grammi), anche se il consumo è diminuito del 30% pure …

Continua »

Agli italiani piacciono i cibi “speciali”. Aumentano le vendite di prodotti “senza” o “ricchi” di qualche ingrediente

spesa supermercato

Forte espansione per gli alimenti Free from e Rich in, cioè i prodotti che in etichetta si dichiarano privi o ricchi di particolari componenti. Lo rileva l’Osservatorio Immagino, sottolineando come il 18,4% dei 46.600 prodotti alimentari monitorati abbia in etichetta un claim riferito al mondo del free from, che rappresenta quasi il 20% del totale mondo alimentare monitorato e tra luglio 2016 …

Continua »

Più fibre e proteine, meno grassi saturi: migliora la qualità nutrizionale dei prodotti comprati dagli italiani. Boom di alimenti che contengono zenzero: in un anno raddoppiate le vendite

Migliora la qualità nutrizionale del carrello degli italiani. Lo rivela il secondo rapporto sui consumi dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1, pubblicato a soli sei mesi dal precedente. Lo studio ha monitorato per un anno le caratteristiche nutrizionali di oltre 40 mila prodotti alimentari di largo consumo tra cibi a lunga conservazione, alimenti refrigerati, surgelati e bevande, oltre ad aver analizzato le …

Continua »

Cracker integrali, più fibre e meno sale rispetto alle versioni classiche. Poche differenze nutrizionali tra i diversi marchi a confronto, ma occhio ai pacchetti

Nell’ambito dei fuori pasto, i cracker sono considerati snack abbastanza equilibrati. Hanno meno grassi e zuccheri rispetto alle barrette dolci e contengono meno sale delle patatine e questo permette di seguire un tipo di alimentazione più in linea con le indicazioni dell’OMS che suggerisce per gli adulti un consumo inferiore a 5 grammi al giorno per il sale e circa …

Continua »

Cambiano le abitudini alimentari, problemi per la sicurezza e gli aspetti nutrizionali. Rapporto dell’Agenzia per la sicurezza alimentare francese

pizza mangiare donna

L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) ha pubblicato il suo terzo rapporto, che viene stilato ogni sette anni, sui cambiamenti dei consumi e delle abitudini alimentari dei francesi. Per realizzare lo studio, denominato INCA 3, l’Anses ha intervistato, tra il 2014 e il 2015, più di 5.800 persone (3.157 maggiorenni e 2.698 minorenni). Dallo studio risulta che i francesi consumano in …

Continua »

Alimenti integrali: nel 2016 le vendite sono aumentate quasi del 23%. Più debole la crescita degli alimenti “ricchi di fibre”: +5,4%

I cibi venduti nei supermercati fisici e online sono sempre più ricchi di fibre: nel 2016, il contenuto di queste sostanze è aumentato del 3,7% rispetto all’anno precedente. E sono cresciute le vendite sia di alimenti integrali che di prodotti definiti “ricchi di fibre”. È quanto emerge dall’Osservatorio Immagino, il nuovo approccio allo studio dei fenomeni di consumo creato da …

Continua »

Pasta Barilla integrale: una porzione apporta il 20% del fabbisogno giornaliero di fibre. Perché non compaiono nelle assunzioni di riferimento?

Gentile redazione, mi è capitata questa scatola di pasta Barilla integrale e vedo che sul retro hanno scritto il claim che una porzione fornisce oltre il 20% del fabbisogno giornaliero di fibre. Nella tabella nutrizionale il campo delle AR (Assunzioni di riferimento) per la fibra è vuoto. Cosa ne pensa il vostro avvocato? Viola Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di …

Continua »

In Giappone arriva la Coca-Cola con le fibre e senza calorie per gli over 40. Ne viene consigliato mezzo litro al giorno durante i pasti

Coca-Cola sta per lanciare  in Giappone Coca-Cola Plus, una nuova versione della famosa bibita che ha la particolarità di contenere fibre. Si tratta della prima bibita della casa di Atlanta ad aver ottenuto dal governo nipponico il certificato di Food for Specified Health Uses (FOSHU), riservato ai prodotti alimentari  riconosciuti come “benefici per la salute”. In Giappone, il mercato delle …

Continua »

Farina bianca o integrale? il Parere di due esperti in materia: Maurizio Monti, mugnaio, e Roberto Pinton, segretario di AssoBio

Sono un mugnaio e responsabile tecnico di alcune tra le più importanti realtà molitorie italiane, per 8 anni presidente dell’ANTIM Associazione Nazionale Tecnici Industria Molitoria, sono direttore tecnico di Molini Magazine che è una rivista specializzata per mugnai e da pochi giorni è uscito il mio libro: “Appunti di un mugnaio: la macinazione non è arte ma scienza e tecnologia” …

Continua »

Cattiva alimentazione: in un rapporto presentato uno scenario catastrofico tra obesità, malnutrizione e fame

La cattiva alimentazione minaccia un abitante del pianeta su tre. C’è poi anche la  paradossale coesistenza tra la malnutrizione, che impedisce a un bambino su quattro di crescere in maniera corretta, e la sovralimentazione, che renderà obeso o comunque in sovrappeso un essere umano su tre entro il 2030. Basterebbero questi estremi a tratteggiare il disastro che incombe sul genere …

Continua »