Home / Nutrizione / Il microbiota può proteggerci dall’antibiotico-resistenza con una corretta alimentazione

Il microbiota può proteggerci dall’antibiotico-resistenza con una corretta alimentazione

Wooden table full of fiber-rich wholegrain foods, perfect for a balanced diet Tavolo di legno pieno di cibi integrali ricchi di fibre, perfetti per una dieta bilanciataSecondo uno studio condotto dall’Università della California a Davis e dal Western Human Nutrition Research Center, nell’intestino delle persone che consumano regolarmente una buona quantità di fibra alimentare (almeno 8-10 g al giorno) e hanno una dieta ben diversificata, compaiono meno frequentemente batteri resistenti agli antibiotici. La resistenza batterica agli antibiotici è uno dei principali problemi sanitari del nostro tempo, destinato ad aggravarsi nei prossimi decenni. Spesso i batteri che presentano resistenza agli antibiotici sono localizzati proprio nell’intestino, e la scoperta che il regime dietetico può influenzare questo fenomeno, apre le porte a strategie di prevenzione basate su una corretta alimentazione.

Il nostro intestino ospita una ricca comunità di microrganismi, definita microbiota, la cui composizione dipende da numerosi fattori e ha effetti importanti sulla nostra salute. In queste pagine ce ne siamo occupati più volte, per esempio qui, qui e qui. Oggi ne parliamo con Maria Rescigno, ordinaria di Patologia generale all’Università Humanitas e coordinatrice dell’Unità di Immunologia delle mucose e microbiota, nella stessa università.

Fit woman showing hands heart sign on her stomach microbiota intestino motilità
La composizione del microbiota intestinale dipende da numerosi fattori, tra i quali c’è anche l’alimentazione

“Le caratteristiche del microbiota intestinale – fa notare l’esperta – dipendono da diversi fattori: oltre a una componente genetica, poco rilevante, la composizione di questa comunità dipende dai ceppi trasmessi dalla madre al momento del parto e durante l’allattamento, dall’utilizzo di antibiotici e, in buona parte, dall’alimentazione. Il fatto di nutrirsi in modo più o meno vario, con prevalenza di proteine, carboidrati o grassi, di origine vegetale oppure animale, modifica la composizione del microbiota. Lo studio californiano lo conferma: chi si nutre di alimenti che contengono una quantità elevata di fibra alimentare, fa crescere nel proprio intestino i microrganismi che si nutrono di fibra, e questi mostrano più difficilmente resistenza agli antibiotici.”

Oltre a questo effetto sull’antibiotico-resistenza, quali conseguenze possono avere sulla salute le caratteristiche del microbiota? “I microrganismi ospitati nel nostro intestino – spiega Rescigno –  si nutrono di ciò che il nostro apparato digerente non è in grado di digerire e assimilare e in questo modo producono energia, oltre a numerose sostanze che, a seconda dell’‘assortimento’ di microrganismi, possono essere utili oppure dannose. Fra le sostanze utili ricordiamo gli acidi grassi a catena corta, prodotti dalla degradazione della fibra alimentare, molecole che favoriscono l’integrità della barriera che protegge l’intestino impedendo il passaggio nel sangue di batteri patogeni e sostanze nocive. Inoltre, producono molecole ad azione antinfiammatoria, vitamine, precursori di ormoni e neurotrasmettitori. Una serie di ‘messaggeri’ che contribuiscono a mantenere in salute l’intestino, e non solo.”

dieta sana
Chi segue una dieta ricca di fibre fa crescere nel proprio intestino microrganismi che se ne nutrono

“Quando il microbiota non è in condizioni ottimali – continua Rescigno – si parla di ‘disbiosi’. Questo accade, per esempio, se si segue per lunghi periodi un’alimentazione sregolata, oppure dopo l’assunzione prolungata di antibiotici: alcuni ceppi di batteri ‘buoni’ possono sparire e lasciare il posto a microrganismi che favoriscono l’infiammazione e una condizione detta ‘intestino permeabile’.  In questo caso, la parete intestinale, divenuta più permeabile, lascia passare sostanze nocive che raggiungono il circolo sanguigno e hanno diversi effetti negativi. Sono infatti connesse a condizioni come l’obesità, il diabete, la steatosi epatica (o ‘fegato grasso’) e alcune forme tumorali. Si è visto inoltre  – spiega Rescigno –  che la presenza in circolo di queste sostanze stimola il sistema nervoso ad attivare una barriera protettiva.In questo modo però, si riducono anche le normali comunicazioni fra il sistema nervoso e il resto del corpo, e questo può avere come risultato disturbi psichici come ansia e depressione.”

Secondo questo quadro, quindi, i disturbi intestinali considerati psicosomatici, come gonfiore e stitichezza, non sarebbero conseguenza di un malessere psichico bensì, viceversa, ansia e depressione potrebbero essere causate da un’alterazione del microbiota intestinale.

Cosa possiamo fare per salvaguardare questa preziosa comunità di microrganismi? “Il primo consiglio è di consumare alimenti ricchi di fibra – dice l’esperta – sia solubile, come quella contenuta per esempio nella frutta (in particolare nella buccia delle mele), nell’avena e nei carciofi, sia insolubile, come quella dei cereali integrali. Poi occorre ridurre i grassi animali, perché favoriscono la permeabilità intestinale. Inoltre, è utile consumare alimenti fermentati, come yogurt e kefir, che contengono microrganismi ‘buoni’, i cosiddetti probiotici. In tutti i casi è importante imparare ad ascoltare i segnali che manda il proprio corpo, come gonfiore o dolore addominale, ma anche sbalzi di umore, mal di testa e prurito generalizzato. Tutti questi sintomi possono essere correlati a squilibri del microbiota intestinale e si possono affrontare.”

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock, Fotolia, Depositphotos

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Valeria Balboni

Guarda qui

Una mano regge una manciata di capsule e compresse di integratori alimentari

Integratori alimentari, sono davvero utili per le funzioni cognitive e le patologie oculari?

Gli integratori alimentari negli ultimi anni hanno registrato un incredibile incremento delle vendite in farmacia e anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *