Home / Nutrizione / In Gran Bretagna il consumo di bevande zuccherate tra bambini e adolescenti è diminuito di un terzo. Ma il governo avverte: ancora troppo elevato

In Gran Bretagna il consumo di bevande zuccherate tra bambini e adolescenti è diminuito di un terzo. Ma il governo avverte: ancora troppo elevato

bibite bevanda bottiglie bambinoNegli ultimi otto anni, il consumo di bevande zuccherate da parte dei bambini britannici tra i 4 e i 10 anni d’età è diminuito di un terzo, passando da 130 a 83 grammi al giorno, ma rimane ancora troppo elevato. La quantità giornaliera di bibite raddoppia quando si entra nell’adolescenza (191 grammi), anche se il consumo è diminuito del 30% pure in questa fascia d’età. Tra gli adolescenti, le bevande zuccherate rimangono la maggior fonte di zucchero della dieta (22%). Infine, a fronte delle raccomandazioni ufficiali, secondo cui l’apporto di zuccheri semplici non dovrebbe superare il 5% delle calorie giornaliere, nella fascia d’età 4-10 anni questa percentuale è del 13,5% e sale al 14,1% tra gli 11 e i 18 anni.

Sono questi alcuni dei dati diffusi dal Public Health England, il Dipartimento della salute del governo britannico, sulla base del National Diet and Nutrition Survey, da cui emergono numeri preoccupanti anche per quanto riguarda gli adulti, che continuano a consumare troppi grassi saturi e una quantità insufficiente di frutta, verdura e fibre.

insalata
Solo un adulto su tre mangia 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno

Tra gli adulti compresi tra i 19 e i 64 anni, l’assunzione media di grassi saturi è pari al 12,5% dell’apporto calorico giornaliero, contro l’11% raccomandato. A fronte di un consumo giornaliero raccomandato di cinque porzioni di frutta e verdura, gli adulti ne consumano 4,2 porzioni, gli anziani tra i 64 e i 75 anni 4,3 e gli adolescenti solo 2,7. La dose raccomandata di cinque porzioni viene consumata solo dal 31% degli adulti, dal 32% degli anziani e dall’8% degli adolescenti. Infine, per quanto riguarda le fibre, l’assunzione media giornaliera tra gli adulti è di 19 grammi, ben al di sotto dei 30 raccomandati.

Secondo Alison Tedstone, capo nutrizionista di Public Health England, “le diete povere sono ancora troppo comuni in questo paese e, insieme all’obesità, sono una delle principali cause di malattie come il cancro, i disturbi cardiaci e il diabete di tipo 2. Da questi dati emerge chiaramente che la dieta nazionale ha bisogno di una revisione”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Uova di cioccolato, anche per quelle al fondente ci vuole moderazione: tante calorie e benefici ancora tutti da dimostrare

Il cioccolato ad alta concentrazione di cacao viene propagandato come elisir di salute, ma è …

2 Commenti

  1. Maria Grazia grassi

    Cos’ Una PORZIONE di frutta? Come si fa definirne una frazione (4,2) se non si conosce l’unita Di misura?

    • Giulia Crepaldi
      Giulia Crepaldi

      Gentile Maria Grazia,
      l’unità di misura del consumo di frutta e verdura utilizzato dal NHS britannico è di 80 g a porzione, lo stesso raccomandato dall’OMS, così come riportato nella Eatwell Guide, corrispondente alle nostre Linee guida per una buona alimentazione.