;
Home / Archivio dei Tag: allevamento (pagina 4)

Archivio dei Tag: allevamento

Wet market e commercio di animali selvatici: il pasticcio cinese, tra incertezze politiche e allevatori a rischio povertà

Chinese typical fish and living animals market

Arrivano aggiornamenti sulla questione del commercio di animali selvatici e sul loro consumo alimentare in Cina, e non sono affatto incoraggianti. L’inviato del New York Times Steven Lee Meyers, infatti, ha appena pubblicato un lungo articolo in cui descrive il momento attuale che, oltre a essere assai caotico, non lascia intravvedere nulla di buono. Nonostante alcuni provvedimenti temporanei e numerose promesse, …

Continua »

Acquaponica per allevare pesci e coltivare ortaggi: gli scenari futuri nell’impianto tedesco di Mueritzfischer

Negli ultimi anni i sistemi di coltivazione e allevamento idroponici sono al centro di molti studi perché rappresentano, potenzialmente, ottimi modelli per allevare pesce e crescere ortaggi in cicli circolari, con un’impronta finale bassissima, quando non neutra o addirittura positiva. Tuttavia non hanno ancora preso realmente piede per i costi iniziali e perché permangono ancora diversi ostacoli tecnici. Ora però …

Continua »

Benessere animale, un’etichetta sul metodo di allevamento: la proposta di legge presentata da Ciwf Italia, Legambiente e LeU

Group of pigs domestic animals at pig farm. suini maiali

Un’etichettatura nazionale e univoca sul metodo di allevamento degli animali. È la proposta di legge 2403 presentata il 25 maggio da Ciwf Italia e Legambiente insieme a Rossella Muroni, deputata di Liberi e Uguali. L’iniziativa nasce dall’esigenza di mettere ordine alle informazioni che si possono trovare sulle etichette di carne, latte e formaggi e che talvolta possono risultare fuorvianti per …

Continua »

Coronavirus: cosa possiamo imparare dall’epidemia che ha colpito i maiali americani. Il virus fermato da strette misure di biosicurezza

Small piglet waiting feed in the farm. Pig indoor on a farm yard in Thailand. swine in the stall. Close up eyes and blur. Portrait piggy.

C’è stato un altro coronavirus che ha messo a dura prova un’intera filiera: quello che, a partire dal 2010, ha colpito i maiali americani, arrivando a causare l’abbattimento o la morte del 10% degli animali, non essendo disponibili, allora come oggi, né un vaccino né una terapia. Oggi la sua diffusione è sotto controllo, e dagli strumenti che hanno portato …

Continua »

Greenpeace per una nuova politica agricola in Europa che non favorisca solo i modelli intensivi

Parlamento Ue

La Commissione europea ha pubblicato il 20 maggio la strategia “Farm to Fork“, dedicata al sistema agroalimentare, e “Biodiversità 2030”, due documenti considerati elementi portanti del Green Deal europeo. Greenpeace chiede che questa diventi l’occasione per allineare le politiche agricole comunitarie agli obiettivi di tutela della salute e dell’ambiente. La crisi legata al Covid-19 ha messo in luce la necessità di un …

Continua »

Gli italiani e il pesce di acquacoltura: mancano fiducia e conoscenza. Lo studio del CREA

acquacoltura, immagine dall'alto allevamento ittico

I consumatori europei preferiscono il pesce pescato a quello allevato, ma forse è perché non conoscono a sufficienza la realtà delle acquacolture convenzionali e di quelle biologiche, che però rappresentano una quota minoritaria del mercato. È auspicabile in futuro una maggiore fiducia, soprattutto se le persone saranno aiutate a conoscere meglio le caratteristiche del pesce cresciuto in condizioni controllate. In …

Continua »

Perché i polli a crescita lenta costano quasi il doppio? Forse ne vale la pena

GALLINE

La carne di pollo ha un costo contenuto, ma in diversi supermercati si trovano confezioni provenienti da razze avicole “a crescita lenta” vendute a prezzi dal 30 al 100% in più. Perché? In due parole si potrebbe rispondere che si tratta di razze meno efficienti rispetto a quelle convenzionali con caratteristiche genetiche che richiedono tempi più lunghi per la crescita …

Continua »

Macellazione d’urgenza: come funziona? La guida per allevatori e veterinari dell’Ussl 7 Pedemontana

carne macellazione

In allevamento agli animali possono capitare incidenti che richiedono un abbattimento d’emergenza fuori dal macello, la cosiddetta macellazione speciale d’urgenza (Msu). Ma la decisione di trasferire poi l’animale abbattuto al macello per trasformarlo in carne a destinare al consumo e deve essere rilasciata  dal veterinario dell’Asl. Per capire come ci si deve comportare in caso di incidente (evento tutt’altro che …

Continua »

Allevamenti e virus: le mega strutture favoriscono il salto di specie. L’intervento di Caccioni

Gli allevamenti intensivi con grandi numeri di animali sono spesso sotto accusa quando si parla di rischio di spillover, cioè il passaggio di un microrganismo patogeno da una specie ospite a un’altra. Vi proponiamo  questa riflessione dell’agronomo Duccio Caccioni, pubblicato recentemente sul sito AgroNotizie. Cari amici agricoltori italiani: sapete che cosa è una mega farm? È qualche cosa che noi …

Continua »

Polli sani e consumatori felici: un progetto per mettere le nuove tecnologie al servizio del benessere animale

Polli allevamento

Più sani i polli, più contenti i consumatori. Si potrebbe riassumere così quello che cerca di fare il sistema biometrico messo a punto dai ricercatori dell’Istituto di agricoltura dell’Università del Tennessee. Perché l’idea di fondo è fornire all’allevatore uno strumento che gli consenta di monitorare in tempo reale il comportamento dei polli sia a livello individuale che a livello di …

Continua »

Polli: la differenza fra quelli allevati “senza l’uso di antibiotici” e quelli “mai trattati con antibiotici”

Polli allevamento

Sono in corso alcune campagne pubblicitarie firmate a grandi aziende del settore e anche da catene di supermercati che annunciano l’assenza totale dell’uso di antibiotici negli allevamenti di polli. Si tratta di un’informazione che, se da una parte è una rassicurazione su temi sollecitati dalle notizie inerenti l’antibiotico resistenza, dall’altra – per i non addetti ai lavori – potrebbe far …

Continua »

Peste suina africana come il coronavirus: la risposta della Cina all’epidemia azzoppata dai segreti di stato

peste suina africana

Il 5 marzo, l’agenzia di stampa internazionale Reuters ha pubblicato una storia raccolta in esclusiva dalla giornalista Dominique Patton che fa capire quanta strada debba ancora fare la Cina per raggiungere gli standard di trasparenza considerati minimi per i paesi sviluppati, almeno per prevenire le pandemie. La vicenda è quella del virus della peste suina africana, infezione che sta falcidiando porcilaie …

Continua »

Allevamenti e ambiente: maiali nutriti con gli scarti per combattere lo spreco alimentare. Il progetto di due fratelli americani

Big organic free range pig close up

Come conciliare l’allevamento di animali da carne con la tutela dell’ambiente? Due giovani allevatori americani, Zach ed Ethan Withers, hanno lanciato in progetto innovativo, che sfrutta la proverbiale voracità dei maiali per recuperare e utilizzare scarti di lavorazione dell’industria alimentare e derrate rimaste invendute nei negozi. Il progetto è nato quando i due giovani hanno ereditato Polk’s Folly Farm, la …

Continua »

L’impatto ambientale della carne: cosa fare per ridurlo? La seconda parte dell’articolo di Georgofili.info

Ecco la seconda parte dell’articolo di Mario R. Tredici, professore del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università degli Studi di Firenze pubblicato originariamente da Georgofili.info sull’impatto ambientale della produzione di carne e come il settore zootecnico può intervenire. Come mitigare le emissioni del settore agricolo? Importanza della dieta Pratiche agricole più naturali (ad esempio no-tillage, agroforestry, agricoltura …

Continua »

Latte: qualità e sicurezza. Nel 2018 solo 1 campione di prodotto importato irregolare. Un’analisi approfondita di Roberto Pinton

latte

Non ricordo l’anno esatto, eravamo tra il 1981 e il 1983 ed ero tra gli incaricati di rilevare la consistenza degli allevamenti di vacche da latte ai fini dell’imminente adozione del regime delle quote latte con regolamento CEE n.856/1984. All’epoca non esisteva la banca dati nazionale dell’anagrafe zootecnica* e non c’erano i servizi informativi veterinari, non c’erano nemmeno Excell (pochissimi …

Continua »