Home / Eleonora Viganò (pagina 4)

Eleonora Viganò

redazione Il Fatto Alimentare

Food Maps: il giro del mondo attraverso le mappe alimentari di paesi e continenti create con il prodotto simbolo del luogo

La cultura di un luogo passa attraverso il cibo, le sue tradizioni culinarie e i meccanismi con cui alcuni ingredienti diventano simboli di un intero Paese. Caitlin Levin, modella e chef stylist, e il fotografo Henry Hargreaves  hanno riversato la loro passione per il viaggio in un progetto fotografico particolare: Food Maps. I due artisti hanno creato e fotografato delle …

Continua »

Stop alle vendite piramidali di bevande dietetiche: multa di 500 mila euro dell’Antitrust contro Vemma Italia, Asea Italy e Organo Gold Europe

Pratiche commerciali scorrette: è questa l’accusa mossa alle società Vemma Italia, Asea Italy e Organo Golden Europe sanzionate per un totale di 500 mila euro dall’Antitrust. L’illecito riguardava decine di migliaia di consumatori coinvolti nel settore delle vendite piramidali di bevande dalle discutibili proprietà benefiche. Il Fatto Alimentare aveva già parlato ampiamente di questo sistema di marketing scorretto che viene …

Continua »

Arance sostenibili: quali scegliere? Ressud propone iniziative nelle piazze e un video per un consumo responsabile e intelligente

Arance sostenibili e i prodotti del sud invadono le piazze: la proposta è dalla Rete dell’Economia Solidale del Sud (RESSUD), per diffondere la consapevolezza di un’economia diversa che mira a promuovere il consumo critico, collegando Nord e Sud Italia. L’ultima iniziativa “Sbarchi in Piazza“, si propone di fare incontrare i consumatori, le scuole con i produttori che vendono i loro prodotti e raccontando le loro …

Continua »

La rivincita dei polli: i dati in tempo reale sulla produzione di cibo nel mondo vedono i volatili al primo posto con quasi 2000 capi al secondo. Nella lista anche Coca-Cola e birra

In testa alla classifica di Poodwaddle – un sito che in tempo reale presenta i dati  sulla produzione di cibo,  sulla macellazione  di animali da reddito e altre informazioni su ambiente , mortalità …  – ci sono i polli. Il sistema di calcolo è basato sulle statistiche FAO del 2011 e permette di ottenere stime affidabili riferiti a uno spazio temporale …

Continua »

La pappa reale è cinese, ma la frode è italiana. Truffatori alla ricerca del guadagno facile, pochi i problemi sulla sicurezza alimentare

api

In Italia vengono importate grosse quantità  di pappa reale dalla Cina, che vengono rivendute a caro prezzo come prodotto made in Italy. L’operazione è davvero vantaggiosa  perché si compra a  30-35 €/Kg quella cinese  e poi  si vende a 600 €/kg cambiando l’origine. Recentemente Bruno Pasini, in qualità di fondatore dell’Associazione per la produzione e valorizzazione della pappa reale fresca italiana (CO.PA.IT), …

Continua »

Calo di vendite delle bibite gassate, soprattutto “diet”: preoccupazione per gli effetti dei dolcificanti artificiali

video-bibite-pasti

Alla fine del 2013 le vendite di bibite gassate nel Nord America sono ulteriormente diminuite, mentre è rallentata la crescita dei consumi nei mercati emergenti, come Cina e India. Per Coca Cola questo si è tradotto in una crescita dell’1% delle vendite a livello mondiale, con una diminuzione dell’1% nel Nord America, su cui pesa un calo del 3% di …

Continua »

Materiali a contatto con gli alimenti: quali sono gli effetti a lungo termine sulla salute? La denuncia dai ricercatori della Food Packaging Forum Foundation

frutta packaging

Dagli studi sull’influenza dell’inquinamento sui disturbi cardiovascolari alle domande sul packaging per alimenti e i suoi possibili effetti a lungo termine: è questo lo step successivo nell’analisi delle correlazioni tra ambiente e salute. La ricerca epidemiologica si trova infatti di fronte a una nuova sfida: l’influenza dei materiali a contatto con gli alimenti sulla salute umana.   Sono oltre quattromila …

Continua »

Insalata appassita e mozzarella molliccia? Per far rispettare la catena del freddo è arrivata un’etichetta che controlla la filiera

Un’insalata un po’ smorta, lo yogurt che si separa tra componente liquida e solida, il pesce fresco refrigerato che acquista un colore strano: cos’hanno in comune questi prodotti? Per nessuno di loro è stata rispettata la catena del freddo. Stabilire dove è avvenuta questa interuzione è difficile. In tempi brevi però potremmo trovare sui prodotti  freschi in vendita nei supermercati, un’etichetta …

Continua »

In California richiamo di 4 milioni di kg di carne pericolosi e commercializzati senza ispezione completa

Un richiamo di carne per 4 milioni di kg: è ciò che è successo ai prodotti dell’azienda Rancho Feeding Corporation, a Petaluma, in California che utilizzava allevamenti di animali malati. L’azienda non era stata sottoposta ai controlli e non aveva ottenuto il permesso da parte degli organi federali per produrre e commercializzare queste partite di carne. Per questo motivo il Food …

Continua »

Tutti i segreti della pasta, l’alimento più amato dagli italiani. I trucchi per capire quando la qualità è buona

Come si fa a riconoscere una  pasta di qualità?  Quali test deve superare in laboratorio e quali sono i parametri da valutare leggendo sull’etichetta i valori nutrizionali e l’elenco degli ingredienti? Per rispondere a queste domande abbiamo interpellato Ambrogina Pagani, docente di Tecnologia dei cereali e derivati presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche (Distam) dell’Università degli Studi …

Continua »

Viaggio del cibo: i chilometri percorsi dagli alimenti per arrivare sulle nostre tavole. Calcolate l’itinerario della vostra spesa

Secondo uno studio condotto negli Stati Uniti il viaggio del cibo realizzato da: spinaci, broccoli, piselli e altri ortofrutticoli  consumati in una città come Chicago, percorrono in media 2400 km prima di raggiungere gli scaffali dei supermercati. Facendo un po’ di calcoli si scopre che  solo il 20%  dell’energia necessaria per produrre e commercializzare questi prodotti è da addebitare al …

Continua »

Il latte crudo peggiora le condizioni di salute di chi lo consuma senza bollirlo: una ricerca rischio-beneficio dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

mucche allevamento latte mungere

Latte crudo o latte trattato termicamente? Gli schieramenti a favore dell’uno e dell’altro portano le loro motivazioni, ma chi ha ragione? C’è chi dice che il latte crudo ha delle proprietà salutari che vengono eliminate con il calore, e chi invece sottolinea la possibile presenza di batteri patogeni.   Una delle possibili risposte al dilemma arriva dall’Istituto Zooprofilattico delle Venezie. …

Continua »

Gorgonzola dolce venduto nei supermercati svizzeri Migros, ritirato dal mercato per contaminazione da Listeria

La Migros, la più grande catena di supermercati presente in Svizzera, ha ritirato dagli scaffali il suo gorgonzola dolce. Attraverso un comunicato sul sito ripreso anche dalla stampa ticinese, la catena segnala la presenza di microorganismi del tipo listeria, nel Gorgonzola dolce Migros nella confezione da 200 grammi, articolo n. 2125.843, prezzo d’acquisto 2.90 franchi.   L’azienda descrive anche i …

Continua »

Diossina nel sangue? A Napoli e nella Terra dei Fuochi il livello è più basso che nel resto d’Europa. Dal confronto con altre città italiane valori più alti tra i cittadini di Brescia

Nessun allarme per i livelli di diossina riscontrati nei campioni di sangue di 58 individui suddivisi in due differenti popolazioni: 25 prelevati da un gruppo residente in zone a rischio ambientale, 33 prelevati invece dagli abitanti di Napoli e dintorni (non a rischio professionale). La ricerca, portata avanti dall’Istituto Superiore di Sanità (Tossicologia alimentare e veterinaria) e dall’Istituto Zooprofilattico del …

Continua »

Allarme “Terra dei Fuochi”: la verità sull’inquinamento del cibo. Su 642 campionamenti di latte crudo, pesce e mangime, solo 12 criticità

Con l’espressione ”Terra dei fuochi” si identifica una area situata tra le province di Napoli e Caserta, che copre l’8% della superficie del territorio campano, caratterizzata dalla presenza di roghi di rifiuti. Citata per la prima volta nel 2003 nel Rapporto Ecomafie curato da Legambiente, la zona si caratterizza per lo sversamento illegale di rifiuti, anche tossici, da parte della …

Continua »