Home / Eleonora Viganò (pagina 5)

Eleonora Viganò

redazione Il Fatto Alimentare

Cos’è dolce? Dal miele allo zucchero, un’immersione nel senso metaforico di questo sapore raccontato nel libro edito da Aboca

Il libro di  Ettore Franca e Alfredo Taracchini Antonaros “Il dolce, il piacere del gusto nella storia” racconta come nel corso dei millenni, il concetto legato a questo sapore ha assunto un significato fortemente simbolico, che va oltre  quello letterale. Si tratta di un percorso che coinvolge non solo l’alimentazione, ma anche la dolcezza intesa come  emozione. Il libro parte …

Continua »

Caraffe filtranti: tutte promosse nel test di Altroconsumo. Una soluzione intermedia tra bottiglia e rubinetto

Bere o non bere l’acqua del rubinetto? Il dilemma coinvolge molti italiani che hanno maturato diffidenze più o meno fondate nei confronti dell’acquedotto, a causa del sapore poco gradevole dovuto all’eccesso di cloro. Per questo motivo le caraffe filtranti (di cui abbiamo già parlato su Il Fatto Alimentare) sono diventate un percorso interessante.   Oggi, a un paio di anni …

Continua »

“Che Nutella sarebbe senza il mondo”? In una mappa tutti i luoghi necessari per produrre un barattolo della famosa crema di nocciole

0520_nutella_630x420 nute+

La Nutella è stata scelta dall’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) per spiegare come funziona il sistema di approvvigionamento e distribuzione nel mercato globalizzato. Il documento stilato da Koen De Backer e Sébastien Miroudot (“Mapping Global Value Chains”), descrive l’azienda Ferrero come il tipico esempio di collegamento tra agricoltura e attività industriale. Sono poche le aziende del …

Continua »

Falsi filetti di cernia, pangasio venduto come halibut, polpo africano come italiano… ecco tutte le frodi in pescheria nelle analisi dell’IZSV pubblicate su Eurofishmarket

L’etichetta indicava platessa ma in realtà era una passera del pacifico. Nel mondo ittico sostituire una specie con un’altra è una frode abbastanza diffusa motivata dalla volontà di vendere pesce di minor qualità, spacciandolo per pregiato. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie nel periodo 2009-2011 ha portato avanti un’indagine (pubblicata sulla rivista Eurofishmarket) per verificare quanti campioni venduti al dettaglio risultano etichettati in …

Continua »

Il falso mito del cibo “100% italiano”. Il nostro Paese non è autosufficiente e importiamo grandi quantità di grano, legumi, latte e carni bovine

L’Italia nel settore alimentare non è autosufficiente e deve importare grandi quantità di materie prime dall’estero. Una situazione ben conosciuta dagli addetti ai lavori, ma meno nota al grande pubblico, che vorrebbe sempre comprare cibo “made in Italy”. Questa mancanza si traduce nella necessità di importare ingredienti da trasformare in prodotti finiti destinati sia al consumo interno sia all’esportazione. Un …

Continua »

“I fichi in tasca”: il libro in cui Piero Manni racconta la storia alimentare del Salento

“I fichi in tasca. Cibo e ricette nel Salento dall’età delle caverne al fast food” è un libro che parla dell’alimentazione dal punto di vista storico e geografico.   Scritto da Piero Manni, insegnante salentino, ed edito dalla casa editrice Manni da lui cofondata, il volume parte dal presupposto che gli italiani non siano più in grado di mangiare bene, …

Continua »

Pillole antidolorifiche nel gelato, i supermercati Tesco ritirano in Irlanda e Regno Unito decine di migliaia di coni. Forse si tratta di un dipendente scontento?

Un gelato con pillole antidolorifiche non è il modo migliore  per mandar giù la medicina, ma è il motivo dell’allerta deciso pochi giorni fa da Tesco, una delle principali catene di supermercati inglese. La spiacevole sorpresa è stata fatta in uno dei punti vendita situati in Irlanda.   Secondo quanto dichiarato dall’Autorità per la sicurezza alimentare irlandese (FSAI) il 15 …

Continua »

Super cibo, integratori e alimenti funzionali: un’infografica interattiva aiuta a districarsi tra le finte proprietà dei prodotti miracolosi promossi dalla pubblicità

 Il bombardamento mediatico sui benefici degli integratori, degli alimenti funzionali e dei micro-nutrienti è incessante, un giorno si parla della vitamina C, poi del caffè, del miele, delle bacche di goji … Basta sfogliare le pagine dei principali quotidiani che si occupano di salute per rendersi conto di quanto sia diffusa la pubblicità di questi prodotti. Alla fine è sempre molto …

Continua »

Il latte di crescita dopo i 12 mesi non è migliore di quello vaccino. Secondo l’Efsa i bambini assumono troppe calorie, serve una dieta equilibrata

Il latte crescita destinato ai bambini di età compresa tra 1 e 3 anni non ha una marcia in più, e non è più efficace nell’apportare sostanze nutritive rispetto agli altri alimenti che costituiscono la dieta normale dei bambini. È questo il parere dell’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa) che pochi giorni fa ha espresso un giudizio negativo sulla funzione …

Continua »

Gli sconti si trasformano in buoni benzina e ricariche telefoniche. Klikkapromo lancia “Pazzi per le offerte”, la nuova App per i coupon digitali

Offerte, sconti, promozioni: chi di noi non cerca un modo per ridurre il costo della spesa? Molti sono abituati ai classici tagliandi da ritagliare, alle tessere fedeltà e ai volantini. Klikkapromo.it – sito che individua i prodotti in sconto e confronta le offerte nei supermercati – ha lanciato una applicazione per smartphone chiamata Pazzi Per Le Offerte in grado di …

Continua »

Troppe frodi nell’olio extra vergine spagnolo: il 25% dei campioni non è in regola. Anche l’Italia è coinvolta dato che importa grossissimi quantitativi

L’olio spagnolo rappresenta il 30% della quantità venduta in Italia. Per questo non lascia indifferenti la notizia che una serie di controlli realizzati nel paese iberico abbia evidenziato il 24% di irregolarità tra 770 campioni totali di olio ispezionati. Juan Ramon Izquierdo del Laboratorio Arbitral Agroalimentario (Ministerio de Agricultura, Alimentación y Medio Ambiente) ha presentato i dati raccolti in occasione …

Continua »

La celiachia costa meno al supermercato rispetto alle farmacie: 20 euro di differenza in media per l’acquisto di 12 prodotti

Ai celiaci non conviene fare la spesa in farmacia: è questa la conclusione scientifica che dimostra una sensazione comune a molti celiaci e a chi acquista alimenti senza glutine. Secondo un’indagine condotta su 13 Regioni italiane dall’Osservatorio dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC), per l’acquisto di un paniere di 12 prodotti senza glutine scelti tra quelli più venduti e abitualmente consumati da …

Continua »