Home / Pubblicità & Bufale (pagina 30)

Pubblicità & Bufale

Il film di Woody Allen, To Rome With Love è una vetrina per il cibo Made in Italy attraverso il `product placement`

L’ultimo film di Woody Allen To Rome with Love, è una dichiarazione d’amore all’Italia e alla capitale, ai suoi attori (da Roberto Benigni ad Antonio Albanese, passando per Scamarcio e vari altri), allo stile di vita e un richiamo alla Dolce Vita di Fellini.    Anche se il film non passerà alla storia come uno dei capolavori del regista americano, …

Continua »

Pomì L+, il Giurì assolve la passata, il prodotto contiene il 50% in più di Licopene ma rispetto al pomodoro fresco!

Coldiretti il 13 luglio 2011 presentava alla stampa la nuova passata di pomodoro Pomì L+ descrivendolo come prodotto in grado di “contrastare l’invecchiamento e le malattie cardio-vascolari”! Il miracolo del pomodoro anti-aging era collegato all’elevata quantità di licopene stimata nel 50% in più rispetto agli altri prodotti concorrenti. Quando in agosto inizia la vendita di Pomì L+ nei supermercati si …

Continua »

Pasta Barilla Piccolini: finalmente arrivano le nuove etichette per dire che non è adatta alla prima infanzia

Ilfattoalimentare.it ha dedicato diversi articoli alla pubblicità comparativa promossa da Plasmon sul Corriere della sera e su la Repubblica, per segnalare che la pasta Piccolini della Barilla e i biscotti le Macine Mulino Bianco, vengono utilizzati impropriamente come alimenti per la prima infanzia (bambini da 0 a 3 anni).   Il messaggio ha provocato una reazione violenta da parte della …

Continua »

Caduta dei capelli: gli integratori alimentari a base di ferro non la frenano. L`Efsa boccia la richiesta di Pierre Fabre

Il ferro assunto sotto forma di integratore in pillole non aiuta a contrastare la caduta dei capelli delle donne. Così si è espresso il Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies dell’Efsa, in seguito alla richiesta avanzata da Pierre Fabre Dermo-Cosmétique.   L’azienda francese, produttrice di molte linee cosmetiche e di integratori per pelle e capelli, aveva chiesto di inserire …

Continua »

Ferrarelle la pubblicità è ingannevole, l`acqua non è a "Impatto Zero": dopo il Gran Giurì anche l`Antitrust boccia la campagna

Bocciatura-bis per la pubblicità della Ferrarelle a Impatto Zero: l’Antitrust (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha stigmatizzato (con una sanzione di 30 mila euro) come pratica commerciale scorretta la campagna in cui l’azienda sosteneva che l’acqua Ferrarelle da 1,5 litri fosse priva di impatto sull’ambiente ed esaltava la propria attività di impresa “green”.   Viene così confermata la …

Continua »

Findus: i prodotti francesi dicono addio a coloranti, conservanti e olio di palma, e l`azienda fa pubblicità

La Findus in Francia ha realizzato una campagna pubblicitaria (dal mese di dicembre 2011 al febbraio 2012) dove evidenzia con una certa enfasi l’assenza di: coloranti, conservanti e olio di palma nei prodotti surgelati in assortimento. Tra i piatti più conosciuti troviamo: lasagne, crocchette di patate, filetti di pesce impanati, pasticcio di spinaci…    La pubblicità conclude con la frase …

Continua »

Pubblicità comparativa sui prezzi: la Corte di giustizia europea dice sì con alcune condizioni

La pubblicità alimentare serve a richiamare l’attenzione dei consumatori verso un prodotto, una marca o una catena di distribuzione. Con l’offerta in continuo aumento e la capacità di spesa in calo, gli operatori del marketing si contendono quote di mercati saturi come il nostro, con gli strumenti più aggressivi. Sul fronte distributivo impazzano le vendite sottocosto e ogni genere di …

Continua »

Arriva il primo registro italiano dei ?lobbisti? grazie al Ministro dell?Agricoltura 2.0

Dopo aver messo a punto le garanzie a tutela dei produttori agro-alimentari nei confronti della GDO, il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania introduce ora il registro dei lobbisti. All’insegna della trasparenza, del dialogo e dell’efficacia dell’Amministrazione. Il 7 febbraio Catania ha presentato il nuovo decreto ministeriale: “Abbiamo adottato questo provvedimento per rendere completamente trasparente l’attività di …

Continua »

Pubblicità contro la dignità femminile, il Giurì censura Disaronno, Fabbri e Co.Se.Me

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato 3 messaggi firmati da Disaronno liquore, Amarena Fabbri e Co.Se.Me, perché ledono la dignità della donna e mercificano il corpo femminile. Purtroppo spesso non siamo di fronte a errori casuali ma a scelte precise fatte per promuovere prodotti alimentari. A volte si raggiungono livelli offensivi e cattivo gusto difficili da …

Continua »

Multicentrum: un alleato contro il colesterolo! L`articolo publicato su il Giornale.it è pubblicità mascherata; il Comitato di controllo ne ordina la modifica

A metà novembre, avevamo segnalato al Giurì dell’Autodisciplina Pubblicitaria un articolo ambiguo comparso sul sito del quotidiano il Giornale.it, che secondo noi rappresentava un tipico caso di pubblicità mascherata. Il pezzo, titolato “Un nuovo alleato nella «lotta» al colesterolo”, era interamente dedicato all’integratore Multicentrum cardio. La nota descriveva con accuratezza i benefici del prodotto che, grazie alla presenza di 1,0 …

Continua »

Junk food e bambini: snack e dolciumi si promuovono online. App, salvaschermi, siti e social network sono le tattiche di marketing più diffuse

fun with technology

La casetta di marzapane del XXI° secolo: come le multinazionali promuovono il cibo spazzatura online è il titolo di un rapporto realizzato in Gran Bretagna dalla Children’s Food Campaign (Cfc) e dalla British Heart Foundation (Bhf). Lo studio, qui allegato, rivela le tattiche di manipolazione utilizzate dalle multinazionali del cibo per catturare l’attenzione dei più piccoli mentre giocano col computer. …

Continua »

L`orecchino che fa dimagrire censurato dall’Antitrust vince ricorso in appello. Sentenza annullata

L’Autorità Antitrust ha condannato la società Starbene a pagare una multa di 20 mila euro per la pubblicità ingannevole di Zerodiet, un orecchino magnetico che promette la perdita di almeno 3,6 chili in un mese e venduto attraverso internet al prezzo di 49 euro. Il funzionamento si basa sui principi dell’agopuntura. Più precisamente sulla auricoloterapia, una scienza secondo cui l’orecchino …

Continua »

L`istituto di autodisciplina pubblicitaria non censura la pubblicità di Ferrero Gran Soleil, ma la società cambia lo stesso il messaggio

AGGIORNAMENTO 20 gennaio 2012 Il primo esposto inviato dal nostro sito al Giurì dell’autodisciplina pubblicitaria per censurare il messaggio di Antonella Clerici è stato respinto. Il Giurì ci ha scritto dicendo che: 1) Non è riuscito a trovare la pubblicità (!) Tutto ciò è molto strano visto che  la campagna  è apparsa più volte sui più importanti quotidiani nazionali occupando …

Continua »

Plasmon contro Barilla: la pasta Piccolini non va bene per la prima infanzia e cambia etichetta, il resto conta poco

Aggiornamento 20 gennaio 2012 La vicenda Plasmon contro Barilla va avanti  a fasi alterne,  il Giurì dà ragione alla Plasmon, il tribunale dà ragione a Barilla. La cronaca giudiziaria interessa molto gli addetti ai lavori e gli avvocati, ma meno i consumatori che di solito sono poco attenti attenti alle vicende giudiziarie delle aziende.   La questione per i consumatori …

Continua »

New York dichiara guerra alle maxi porzioni. Manifesti shock per la campagna contro l`obesità.

New York si schiera contro le maxi-porzioni. Per arginare il dilagante problema dell’obesità, il Dipartimento della Salute di N.Y. lancia in questi giorni una nuova campagna pubblicitaria che invita i cittadini a stare attenti alle porzioni esagerate. La quantità di cibo e di bevande servite negli esercizi pubblici sono notevolmente aumentate negli ultimi anni, favorendo un apporto eccessivo di calorie. …

Continua »