Home / Pubblicità & Bufale / Integratori alimentari e sport drink non dovrebbero sponsorizzare manifestazioni sportive. Si dà credibilità a prodotti non necessariamente utili

Integratori alimentari e sport drink non dovrebbero sponsorizzare manifestazioni sportive. Si dà credibilità a prodotti non necessariamente utili

integratori alimentari
No agli integratori alimentari e agli energy drink come sponsor di manifestazioni sportive

Le manifestazioni sportive dovrebbero rinunciare alla sponsorizzazione da parte di produttori di integratori alimentari e di sport drink, perché possono ingannare il pubblico, dal momento che la loro utilità e il loro beneficio per la salute non sono stati provati. Lo sostiene uno studio condotto dall’Institute of Sport, Exercise, and Active Living, dell’australiana Victoria University, pubblicato dal Journal of Medical Ethics.

 

I due autori, Simon Outram e Bob Stewart, osservano che una campagna pubblicitaria di successo elimina o minimizza ogni scetticismo nei confronti del prodotto. In questo caso, si determina una forma nascosta di associazione, che induce a vedere gli energy drink e gli integratori alimentari come parte dell’impegno sportivo stesso ed è per questo che le aziende produttrici investono molto nelle sponsorizzazioni sportive, utilizzando nelle pubblicità campioni famosi. In sostanza, il mondo sportivo si trova a dare credibilità ingiustificata a prodotti che altrimenti non verrebbero necessariamente visti come intrinsecamente sani e utili all’esercizio fisico e alla pratica sportiva.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

cartellone panzironi life120day

L’Ordine dei medici contro il Life120Day di Panzironi: “Non si gioca con la salute”. Critiche anche da Walter Ricciardi: “È roba da Far West”

Dopo la nostra segnalazione l’Ordine dei medici è sceso in campo contro il ‘Life120Day’, la …

2 Commenti

  1. Non concordo con la critica contro l’uso degli integratori nello sport, sia dilettantistico sia agonistico.
    Purché siano veri integratori e non bufale, se ben usati contrastano o minimizzano l’uso di sostanze dopanti ampiamente usate in queste attività.
    Esistono integratori minerali, vitaminici, proteici e stimolanti funzionali, che accrescono la disponibilità energetica della sorgente alimentare appropriata per ogni tipo di sport.
    Ogni volta che si affronta l’argomento integratori, emerge la diatriba stucchevole e pregiudiziale che non essendo farmaci, siano inefficaci.
    Polemica che fa il paio con la medicina ufficiale e quella genericamente definita alternativa, che non ha nulla di alternativo ma complementare e preventiva, come lo è l’integrazione alimentare, di cui si discute.

  2. Argomento molto attuale, a questo proposito mi piacerebbe segnalare un articolo pubblicato su l’Adige, il giornale locale del Trentino, proprio in merito ad una corsa podistica per bambini con relativa promozione su integratori alimentari http://saluteducazione.wordpress.com/2014/09/26/integratori-rischi-per-i-bambini/