;
Home / Archivio dei Tag: sale

Archivio dei Tag: sale

Kellogg’s ridurrà zucchero e sale nei cereali da colazione per bambini. Annunciati anche nuovi impegni sociali e ambientali

Kellogg's miel pops bio nutri-score frosties packaging

Meno zucchero e meno sale nei cereali da colazione per bambini venduti in Europa e Regno Unito. È l’impegno preso da Kellogg’s, che ha annunciato l’intenzione di ridurre di almeno il 10% gli zuccheri e del 20% il sale contenuto nei suoi prodotti entro il 2022, senza compromettere il gusto. La mossa si inserisce nel nuovo Manifesto del Benessere (Wellbeing …

Continua »

Troppo sale negli snack “salutari” con legumi e mais. Aumenta il consumo di questi alimenti

Action on Salt, l’agenzia britannica che promuove la diminuzione del consumo di sale, ha colpito ancora: nell’ultimo rapporto ha analizzato 119 tipi di snack venduti come “salutari” da 39 aziende, soprattutto contenenti legumi secchi, e ha scoperto che più della metà “salutare” non lo è, perché contiene valori alti (a volte estremamente alti) di sale, oppure di zucchero o di …

Continua »

Meno sale nella dieta, più salute per tutti: ridurre il consumo di sodio non fa bene solo agli ipertesi

Che il sale non faccia bene lo sappiamo da tempo, così come sappiamo di consumarne troppo, mettendo a rischio la nostra salute: il sodio infatti favorisce l’ipertensione che è a sua volta tra le principali cause di infarto e ictus. Per fortuna, però, correre ai ripari è possibile. Un’ennesima conferma arriva da un’ampia metanalisi apparsa sulla rivista prestigiosa Circulation, che mostra come ridurre …

Continua »

Un Parmigiano Reggiano con meno sale è possibile? Lo studio dell’Università di Bologna

È possibile ridurre il sale contenuto nel Parmigiano Reggiano senza perdere nulla né in termini di nutrienti né dal punto di vista organolettico? La domanda è importante, perché nonostante la presenza di molte sostanze benefiche e l’assenza di lattosio, l’elevata quantità di sale impedisce a molte persone di gustare il famoso formaggio. Per rispondervi, le ricercatrici dell’Università di Bologna e …

Continua »

Cala il consumo di sale in Italia: giù del 12% in 10 anni. Ma l’apporto di sodio e potassio resta lontano dai valori raccomandati

sale cucina cucinare

Diminuisce il consumo di sale tra gli italiani. Negli ultimi 10 anni l’assunzione media giornaliera si è infatti ridotta del 12%, ma è ancora ancora superiore ai limiti raccomandati dal ministero della Salute e dall’Organizzazione mondiale della sanità. Tuttavia cala anche l’apporto di potassio, che si allontana ancora dai livelli raccomandati. È quanto emerge dal monitoraggio nazionale della popolazione adulta …

Continua »

“Poco sale ma iodato” migliorano le abitudini degli italiani monitorate dal progetto “sorveglianza Passi”

close up of male hands seasoning food by salt mill

Dal 2006 esiste il progetto “sorveglianza Passi” (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia), del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell’Istituto superiore di sanità, che monitora lo stato di salute della popolazione adulta italiana. Passi nasce dall’esigenza di verificare il raggiungimento degli obiettivi di salute fissati dai Piani sanitari nazionali e regionali e …

Continua »

Troppo sale nella dieta. I consigli per diminuire la quantità nel documento di Eufic

close up of male hands seasoning food by salt mill

Tutti abbiamo bisogno di un po’ di sale per la nostra salute, ma consumarne troppo può far alzare i valori della pressione arteriosa, aumentando il rischio di malattie cardiache. In questo articolo Eufic (Consiglio europeo di informazione sull’alimentazione) evidenzia le criticità collegate all’eccesso di sale nella dieta, con riferimenti al rapporto tra sale e pressione arteriosa e ai consigli utili …

Continua »

10 milioni di € chiesti da Italkali a Il Fatto Alimentare e alla Regione Lazio per una campagna di richiamo. Il giudice respinge le accuse “Si mina la libertà di stampa”

Nel gennaio 2015 la catena di supermercati Coop ritira dagli scaffali le confezioni di sale fino Italkali (Società italiana sali alcalini) da 1 kg. Secondo le prime analisi condotte dall’Arpa del Lazio l’imballaggio di cartone dei campioni prelevati per i controlli contiene un’eccessiva quantità di piombo. La situazione cambia sei mesi dopo, perché la revisione delle analisi condotta presso l’Istituto superiore di sanità …

Continua »

Sodio & microbiota: mangiare con troppo sale ha un effetto negativo sulla microflora intestinale e questo, sul metabolismo

close up of male hands seasoning food by salt mill

Mangiare con troppo sale ha un effetto negativo sulla microflora intestinale e questo, a sua volta, comporta dei risvolti sul metabolismo. Lo si era già visto nei modelli animali, e ora il fenomeno è stato confermato per la prima volta anche nell’uomo, grazie a uno studio pubblicato dai ricercatori del Georgia Prevention Institute su Hypertension. Nella sperimentazione sono state reclutate …

Continua »

Patatine aromatizzate al lime, peperoncino, paprika, salsa barbecue e addirittura tartufo o aceto balsamico. Confronto tra marchi

Le patatine fritte, quelle che accompagnano l’aperitivo, sono irresistibili: croccanti e salate, si trovano anche all’aroma di pomodorini, lime, peperoncino, paprika, salsa barbecue, se non addirittura tartufo o aceto balsamico. L’assortimento delle patatine aromatizzate comprende sia prodotti di marchi noti sia con i marchi dei supermercati, proposti nelle linee standard e in quelle “premium”, distinguibili a colpo d’occhio per il …

Continua »

Troppo sale nella dieta, meno cibi pronti e più frutta e verdura. I consigli del Progetto Cuore per ridurre il consumo.

close up of male hands seasoning food by salt mill

“Se hai la pressione alta, usa meno sale!” perché il sodio presente nei cristalli di sale aumenta il rischio di ipertensione arteriosa e di malattie cardiovascolari. La cosa è nota  a tutti, o quasi, eppure gli italiani continuano ad assumere circa il doppio dei 5 grammi al giorno stabili dall’Oms come limite quotidiano. Per questo motivo da anni è in corso …

Continua »

Troppo sale nella dieta danneggia le difese immunitarie contro le infezioni batteriche. Lo studio tedesco

sale cucina cucinare

Per tenere le difese immunitarie in piena efficienza c’è qualcosa che tutti possono fare anche durante il forzato isolamento: assumere poco sale o, quantomeno, avere cura di restare entro i limiti stabiliti dall’Oms, e cioè 5 grammi al giorno (equivalenti a circa un cucchiaino da tè raso). Uno studio dei ricercatori dell’ospedale universitario di Bonn, in Germania, appena pubblicato su …

Continua »

Troppo sale nascosto negli alimenti trasformati. Gli uomini ne consumano più del doppio e aumenta rischio cardiovascolare

snack sale patatine fritte chips

Passata completamente inosservata a causa dell’emergenza coronavirus, tra il 9 e il 15 marzo si è tenuta l’annuale Settimana mondiale per la riduzione del consumo di sale promossa dal World Action on Salt & Health, arrivata alla sua 12° edizione. Quest’anno il tema dell’iniziativa è “Hide and Seek”, per puntare l’attenzione sul sale nascosto da scovare all’interno dei cibi, anche …

Continua »

Vegani & sale: quattro piatti su cinque serviti nei ristoranti e nei take away in UK ne hanno veramente troppo

I piatti vegani proposti nei ristoranti e nei take away in Gran Bretagna sono pieni zeppi di sale, e chi li prepara sembra non preoccuparsi troppo degli inviti a ridurne la quantità. L’accusa arriva da Action on Salt, l’organizzazione pubblica inglese che da anni monitora la situazione e promuove campagne affinché il quantitativo resti entro i limiti consigliati dall’OMS. Nell’ultimo …

Continua »

L’EFSA ha aggiornato i valori sul quantitativo giornaliero di assunzione per il sodio e il cloruro

sale sodio

L’EFSA rende noti i valori aggiornati del quantitativo giornaliero di sodio e di cloruro (che, insieme, compongono il sale) consigliato, concludendo, con queste ultime due sostanze su un totale di 34, un lavoro relativo ai LARN (da Livelli di Assunzione di Riferimento di Nutrienti, chiamati anche DRV da Dietary Reference Values) durato dieci anni. Il responso è giunto dall’elaborazione di decine …

Continua »