Home / Archivio dei Tag: integratori alimentari (pagina 4)

Archivio dei Tag: integratori alimentari

Usa, procedimenti penali e civili contro cento produttori e distributori di integratori alimentari

integratori

Dopo un’indagine durata un anno, il Dipartimento della Giustizia statunitense e sei agenzie federali hanno avviato cause civili e penali contro oltre cento produttori e distributori di integratori alimentari potenzialmente pericolosi, perché contengono ingredienti diversi da quelli indicati in etichetta o riportano indicazioni salutiste o per il trattamento di malattie, non supportate da adeguate prove scientifiche.   Undici capi d’accusa …

Continua »

Integratore Immun’Age: il Tar toglie la multa di 250 mila euro per la pubblicità che prometteva benefici per cancro, Alzheimer e Parkinson

Nel 2014 l’AGCM ha sanzionato la società Named con una multa di 250 mila euro per l’uso di claim salutistici  proibiti. In particolare, l’integratore alimentare Immun’Age era – ed è, almeno in parte – proposto come “coadiuvante” per la prevenzione dell’influenza o nel contesto di patologie quali l’Alzheimer, il Parkinson, il cancro. Tra l’altro, i pazienti affetti da alcune di queste patologie …

Continua »

Frode alimentare: negli USA il 79% degli integratori delle quattro aziende leader contiene erbe differenti da quelle indicate. Aglio al posto di ginseng

Negli States è scoppiata una frode alimentare per gli integratori a base di erbe. Secondo l’ufficio del Procuratore generale dello Stato di New York il 79% dei prodotti delle quattro aziende leader non contiene gli ingredienti indicati in etichetta o ne ingloba altri, non dichiarati. È quanto ha scoperto dopo l’analisi del Dna degli integratori commercializzati dai quattro maggiori rivenditori dello Stato – GNC, Target, Walgreens e Walmart. In seguito …

Continua »

Nas sequestrano a Firenze integratori alimentari con sostanze proibite e pericolose per gli atleti. La DMAA è vietata in Italia ma è venduta regolarmente via internet

I Carabinieri dei Nas di Firenze e Bologna hanno sequestrato 141 confezioni di un integratore alimentare contenente dimetilammina ( DMAA) e 93 etichette a tre aziende che importano e vendono questi prodotti agli sportivi. L’inchiesta è stata avviata dopo la denuncia presentata da un atleta risultato positivo ad un controllo antidoping alle olimpiadi invernali di Sochi, a causa di un integratore …

Continua »

Integratori alimentari e sport drink non dovrebbero sponsorizzare manifestazioni sportive. Si dà credibilità a prodotti non necessariamente utili

Le manifestazioni sportive dovrebbero rinunciare alla sponsorizzazione da parte di produttori di integratori alimentari e di sport drink, perché possono ingannare il pubblico, dal momento che la loro utilità e il loro beneficio per la salute non sono stati provati. Lo sostiene uno studio condotto dall’Institute of Sport, Exercise, and Active Living, dell’australiana Victoria University, pubblicato dal Journal of Medical …

Continua »

Integratori alimentari: negli USA servono più controlli e regole severe per la commercializzazione

Oltre la metà degli statunitensi maggiorenni fa uso di integratori alimentari, con una spesa annua superiore ai 32 miliardi di dollari. Sul mercato si trovano più di 85.000 combinazioni di vitamine, minerali, vegetali, aminoacidi, probiotici e altri ingredienti utilizzati negli integratori alimentari, che secondo una legge del 1994 sono ritenuti sicuri sino a prova contraria.   La Food and Drug …

Continua »

Gli italiani amano gli integratori vegetali: al primo posto aloe vera, seguita da finocchio, valeriana, ginseng e mirtillo

Da un’indagine sul consumo di integratori alimentari a base vegetale (estratti da: alghe, funghi o licheni) condotta in sei paesi europei nell’ambito del progetto PlantLIBRA, i prodotti con aloe vera si sono classificati al primo posto in Italia. Seguiti da quelli contenenti finocchio (Foeniculum vulgare), valeriana (Valeriana officinalis), ginseng (Panax ginseng) e mirtillo (Vaccinium myrtillus).   Stiamo parlando di un …

Continua »

Per prevenire i disturbi cardiovascolari non servono integratori alimentari ma una dieta equilibrata

Per prevenire i disturbi cardiovascolari non ci sono sufficienti prove scientifiche che attribuiscono un ruolo agli  integratori alimentari a base di vitamine e  minerali. Per la maggior parte delle persone, il modo migliore di assumere sostanze nutritive essenziali è adottare una dieta equilibrata. Un’alimentazione ricca di frutta, verdura, cereali integrali, frutti di mare e prodotti lattiero-caseari privi o a basso …

Continua »

Super cibo, integratori e alimenti funzionali: un’infografica interattiva aiuta a districarsi tra le finte proprietà dei prodotti miracolosi promossi dalla pubblicità

 Il bombardamento mediatico sui benefici degli integratori, degli alimenti funzionali e dei micro-nutrienti è incessante, un giorno si parla della vitamina C, poi del caffè, del miele, delle bacche di goji … Basta sfogliare le pagine dei principali quotidiani che si occupano di salute per rendersi conto di quanto sia diffusa la pubblicità di questi prodotti. Alla fine è sempre molto …

Continua »

Riso rosso, il lievito presente negli integratori riduce il colesterolo ma è un farmaco. L’agenzia francese invita alla precauzione: ricevute 25 segnalazioni

Il “lievito di riso rosso” è un ingrediente naturale usato in molti integratori alimentari per abbassare il livello di colesterolo (Ldl) del sangue. L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) dopo avere ricevuto 25 segnalazioni di effetti collaterali indesiderati – probabilmente associati al consumo di questi integratori alimentari – a carico dei muscoli e del fegato, ha lanciato un appello a non assumere questi integratori. …

Continua »

Pubblicità spazzatura: Kilocal sceglie Fiordaliso come testimonial del nuovo integratore che promette miracoli

kilocal fiordaliso

La cantante Fiordaliso è la nuova testimonial della pubblicità di “Kilocal donna“, l’ennesimo integratore alimentare  di Pool Pharma che promette di controllare l’aumento del peso e i disturbi legati all’età del cambiamento (menopausa). Come al solito il lancio del nuovo prodotto venduto a poco più di 20 euro  è stato massiccio ed è apparso sulle pagine dei quotidiani nazionali.   Per …

Continua »

Vibracell troppe bugie in quella pubblicità, il messaggio censurato dall`Istituto di autodisciplina

La pubblicità dell’integratore alimentare Vibracell è un concentrato di bugie.  E’ questa la tesi dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria che il 4 giugno ha censurato  l’annuncio apparso nel mese di marzo sulla rivista Starbene. Secondo l’Istituto, il cui compito è controllare la veridicità dei messaggi, la documentazione presentata dalla società Named per avvallare le mirabolanti caratteristiche dell’integratore risulta carente e insufficiente. …

Continua »

Pubblicità miracolose? Ecco le nuove compresse effervescenti supervitaminiche che "compensano" gli squilibri alimentari

La pubblicità sul quotidiano la Repubblica di giovedì 21 giugno e anche sul Corriere della sera del multivitaminico “Integra minerali+vitamine” richiama l’attenzione con l’immagine di una giovane fanciulla che corre e per il messaggio abbinato abbastanza fantasioso. Si tratta di una scatola di compresse effervescenti “…al gusto di arance rosse… messe a punto da un team di farmacisti italiani… per …

Continua »

Integratori alimentari con sostanze simili alle anfetamine, la FDA dice no. In vendita anche in Italia attraverso la rete

La Food and Drug Administration ha inviato a dieci produttori di integratori alimentari a base di DMAA una lettera, ammonendoli per aver messo in vendita una sostanza della quale l’agenzia non ha verificatola sicurezza. Stiamo parlando dell’olio di geranio. Il nome non deve trarre in inganno perchè  non stiamo parlando di fiori ma di DMAA o dimetilammina, una molecola simile …

Continua »

Bioscalin: l’Antitrust nel 2009 censura la pubblicità non è sicura la crescita dei capelli. Multa da 150 mila euro

ntegratori vegetali

L’Antitrust  ha censurato la pubblicità di Bioscalin il famoso trattamento per capelli e ha condannato la società Giuliani ad una multa di 150 mila euro. La sentenza è riportata sul bollettino del 28 settembre dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Gli spot  e i messaggi diffusi per oltre un anno fino alla primavera del 2009 su RAI, Mediaset, Sky …

Continua »