;
Home / Archivio dei Tag: ingredienti (pagina 4)

Archivio dei Tag: ingredienti

Distributori automatici, chi è responsabile delle informazioni al consumatore? È un diritto conoscere i particolari del prodotto prima dell’acquisto?

distributori di cibo

Vi espongo una mia perplessità: l’etichettatura ha la funzione di informare sulle caratteristiche dei prodotti alimentari chi acquista, visto che è il consumatore stesso oggetto della tutela da parte del legislatore indipendentemente dall’applicazione della disciplina sull’etichettatura. Nel caso dei distributori automatici di bevande e alimenti come può il consumatore tutelarsi da un prodotto del quale conoscerà i particolari solo dopo …

Continua »

Infusi Pompadour: un lettore chiede se le frasi sulla confezione sono ingannevoli. Risponde l’azienda

Sono un consumatore di infusi aromatizzati Pompadour e ho un dubbio sull’etichetta che a parer mio risulta ingannevole. Il prodotto “Tentazioni al Mirtillo” (anche se il nome è di fantasia) richiama un prodotto al mirtillo (sollecitato dall’immagine), ma dentro la scatola si trova principalmente ibisco e frutta, mentre i mirtilli sono solo l’1%. La stessa cosa se consideriamo l’infuso “Mora …

Continua »

In una confezione di frutta secca, la nocciola essendo un allergerne va indicato con un carattere diverso? Risponde l’esperto di diritto alimentare Dario Dongo

In riferimento all’articolo “Allergeni: come devono essere identificati in etichetta”, una lettrice ci scrive: «se utilizzo la dicitura mix di frutta secca sulla confezione di un prodotto, nello spazio dedicato all’elenco degli ingredienti la parola “nocciole” dovrei evidenziarla con un carattere differente?» Grazie Anita       —– La risposta di Dario Dongo La lista degli allergeni prevista nella legislazione …

Continua »

Tortelli ai funghi: cosa si deve scrivere in etichetta? Gli ingredienti vanno espressi in grammi o in percentuale? La risposta di Dario Dongo

Raw ravioli homemade

Gentile Avvocato Dongo, leggo spesso i suoi articoli su Il Fatto Alimentare. Le ho inviato un quesito in passato sulla pasta alimentare che produco nella mia piccola industria. Le chiedo ancora un aiuto: sto preparando le nuove etichette in ottemperanza al Reg. 1169; sulla confezione di tortelli ai funghi prima indicavo la percentuale di funghi utilizzata nell’impasto (come da art. 8 …

Continua »

La ricetta della birra: on line grazie alla petizione di una food blogger, Anheuser-Busch e MillerCoors svelano gli ingredienti segreti

Anheuser-Busch e MillerCoors, i due maggiori produttori americani di birra, hanno iniziato a mettere sui propri siti gli ingredienti sinora segreti delle proprie birre, partendo dai marchi più noti, come Budweiser e Bud Light. La decisione è stata presa dopo che la trentacinquenne food blogger statunitense Vani Hari aveva lanciato sul proprio sito, Food Babe, una petizione, che in 24 …

Continua »

I tramezzini DimmidiSì diventano salutisti: gli ingredienti sono selezionati e la confezione risulta accattivante, ma nel pane ci sono grassi vegetali e il prezzo è sostenuto

Nell’ottobre scorso La Linea Verde, azienda specializzata nei prodotti freschi meglio nota con la marca DimmidiSì, ha proposto una nuova serie di tramezzini con l’intenzione di conferire un’immagine salutistica al prodotto   I tramezzini DimmidiSì sono fatti a mano ed è possibile scegliere una delle  quattro versioni: al prosciutto cotto e funghi prataioli trifolati, al vitello in salsa tonnata e …

Continua »

De Cecco risponde al lettore: la nostra pasta è made in Italy. Prosegue il dibattito sull’origine delle materie prime

Da qualche settimana su Il Fatto Alimentare è in corso una discussione sull’origine del grano impiegato per produrre la pasta che riporta la dicitura “made in Italy”. Lettori e aziende  si confrontano, cercando di capire se a definire l’origine di un prodotto sia la provenienza delle materie prime, il luogo di lavorazione, o entrambi. Ecco la seconda  lettera che abbiamo …

Continua »

Pasta De Cecco, perchè non mette l’origine del grano in etichetta? La richiesta di un lettore che risponde alla lettera inviata in redazione

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera sull’utilizzo della scritta “made in Italy” nelle confezioni di pasta, in replica  alla nota che De Cecco ha inviato a Il Fatto Alimentare.     Complimenti all’astuzia della ditta De Cecco! Nella sua risposta ha pensato bene di non menzionare minimamente la legge 350/2003,  secondo la quale la sua etichetta con la bandierina italiana e …

Continua »

“I fichi in tasca”: il libro in cui Piero Manni racconta la storia alimentare del Salento

“I fichi in tasca. Cibo e ricette nel Salento dall’età delle caverne al fast food” è un libro che parla dell’alimentazione dal punto di vista storico e geografico.   Scritto da Piero Manni, insegnante salentino, ed edito dalla casa editrice Manni da lui cofondata, il volume parte dal presupposto che gli italiani non siano più in grado di mangiare bene, …

Continua »

Stop alla dicitura “oli vegetali”, il regolamento europeo obbliga le aziende a dire se si tratta di palma, soia, cocco… ma solo dal dicembre 2014. Domande e risposte sul regolamento 1169/2011

mela etichetta

Il Parlamento e il Consiglio europeo hanno adottato il 25 ottobre 2011, il regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alle informazioni che devono essere riportate sulle etichette dei prodotti alimentari (conosciuto anche con la sigla FIAC). La Direzione generale salute e consumatori della Commissione ha creato un documento con le domande più frequenti e le risposte per aiutare le aziende e …

Continua »

Perchè non sono indicate le calorie del condimento dell’insalata pronta “Gourmè”? I dubbi di una lettrice e la risposta dell’azienda Agromonia

mangiare ufficio insalata

Sono una semplice “mangia insalate da ufficio”, e da pochi mesi ho notato un nuovo prodotto nel reparto verdure Esselunga, si chiama “Gourmè” della ditta Agronomia, e spinta dalla curiosità mi sono buttata sulla variante “VivaOliva”. Buonissima, nulla da dire! Ma a calorie? La confezione dichiara di contenere 110 grammi di insalata e mandorle + 40g di condimento, e infatti …

Continua »

Un litro di Coca-Cola e un bicchierone da 250g di pop-corn. È il menu consigliato per vedere un film nelle sale di Uci-Cinemas ad Arezzo

ucicinema

Siamo andati a vedere Pinocchio, l’ultima opera di Enzo D’Alò. Non appena superate le casse, ci siamo avventurati nell’offerta alimentare di UCI-Cinemas di Arezzo. Oltre al servizio di vendita self-service di caramelle sfuse, che abbiamo già avuto modo di commentare, ridonda l’offerta di pop-corn, bevande zuccherate e varie golosità. Vorrei ricordare come questa formula è stata messa sotto accusa negli …

Continua »

Nesquik ritirato negli Usa per rischio Salmonella. Nessun problema per i prodotti in vendita in Europa

Negli Stati Uniti la Nestlé annuncia il ritiro volontario di numerosi lotti di Nesquik per il rischio di Salmonella. L’allerta trasmessa sul sito dell’azienda e anche della Fda (Food and Drug Administration) si riferisce esclusivamente ad alcune confezioni  da 10,9, 21,8 e 10,9 once*, prodotte nei primi giorni di ottobre 2012.   Il pericolo riguarda un solo ingrediente presente nella …

Continua »

Birra: è obbligatorio scrivere sull`etichetta l`elenco degli ingredienti?

Sono un produttore di birra e vorrei sapere se è obbligatorio riportare l’elenco degli ingredienti sull’etichetta della birra. Il reg.1169 mi pare escluda questo obbligo per le bevande alcoliche. Me lo chiedo perchè nella maggior parte delle birre in commercio non è presente la lista degli ingredienti. Giovanni.   Le bevande alcoliche sono effettivamente esentate dall’obbligo di riportare l’elenco degli …

Continua »

I segreti della mozzarella sono quattro ingredienti. Il test di Altroconsumo promuove 15 campioni su 17

Il 95% degli italiani consuma almeno una volta al mese una mozzarella, in genere, di latte vaccino. Nonostante la capillare diffusione del prodotto, pochi lo conoscono veramente perché solo una parte dei caseifici segue lo schema classico di lavorazione e utilizza i quattro ingredienti canonici: latte, fermenti, caglio e sale. Il consumatore quando si reca al supermercato trova sugli scaffali …

Continua »