Home / Lettere / Ristoranti senza menu: dove scrivere le informazioni obbligatorie per i clienti? Risponde l’avvocato Dario Dongo

Ristoranti senza menu: dove scrivere le informazioni obbligatorie per i clienti? Risponde l’avvocato Dario Dongo

sushiScrivo per conto di un ristorante che, con una formula a prezzo fisso, offre la possibilità ai clienti di servirsi da un buffet su cui è presente del sushi. Vorrei porre la seguente domanda: dal momento che non disponiamo di un menu da consegnare ai  clienti  per l’ordinazione , dove dobbiamo apporre la dicitura “prodotto surgelato”? È sufficiente scriverlo nel libro degli ingredienti? Giacomo D

Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di diritto alimentare.

Il consumatore ha diritto a ricevere alcune notizie essenziali sugli alimenti offerti anche quando mangia fuori casa. Deve avere informazioni esatte sulla presenza di allergeni nei piatti, come pure la tipologia  del pesce impiegato in cucina (surgelato o  congelato).

Il menu è senza dubbio il veicolo privilegiato per comunicare con precisione agli avventori dei ristoranti le caratteristiche dei piatti, anche se in parecchi contesti non è disponibile come nel caso dei buffet con la formula “all you can eat”, “sushi bar” ma anche “fast food”, tavole calde, mense, bar.

ristoranti buffet
Nei ristoranti senza menu le notizie obbligatorie devono venire fornite in un apposito registro

Quando il menu non è previsto, le notizie obbligatorie devono venire fornite in un apposito registro ove identificare con chiarezza i piatti e gli ingredienti. Tale registro deve venire collocato in area di facile accesso e consultazione, come il banco del buffet o del bar, oppure all’inizio del percorso di una mensa self-service.

È fondamentale avere in mente l’obiettivo sostanziale delle norme che prevedono di rendere l’informativa immediatamente accessibile. In altre parole il consumatore/avventore non deve essere costretto a rivolgersi agli addetti né  perlustrare o attraversare il locale “alla ricerca della notizia perduta”.

Non basta perciò l’adempimento formale della “esposizione del registro” da qualche parte, magari in un angolo nascosto o dietro una cassa, come se fosse una licenza. Anzi, quando più gli spazi risultano ampi e gli utenti sono numerosi, può essere necessario posizionare più copie del registro in posizioni strategiche. Per il rispetto delle regole e la doverosa trasparenza nei confronti degli avventori

Per approfondimenti, si veda l’articolo.

gift dario dongo

logo-fare

 

 

 

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Dario Dongo

Dario Dongo
Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

olio extravergine di oliva

I dubbi sulle nuove norme dell’olio extra vergine. La risposta di Alberto Grimelli di Teatro Naturale

Un lettore che opera nel settore oleario ci ha chiesto chiarimenti a proposito delle nuove …